Logos Multilingual Portal

Select Language

a b c d e é è f g h i l m n o p q r s t u v

... e che pe´ noi sia farza quarsiasi verità che nun sia stata accompagnata da ´na risata
Friedrich Wilhelm Nietzsche
... e noiantri ciavemo, in questa gran miseria italiana, ´na missione vera; ´na missione no de potenza o de ricchezza, ma d´eudcazzione e de civirtà
Pier Paolo Pasolini
... e pe´ nun fasse rubba´ danno li sordi alle banche ...
Anónimo
... e quello che ´na vorta se faceva pe´ volontà de Dio, mo se fa pe´ volontà dei sórdi; cioè pe´ quello che oggi t´assicura senso de potere e coscenza tranquilla
Friedrich Wilhelm Nietzsche
...ma de che ? Un albo dei giornalisti ? Idea da pedanti, da farzi professori, da giornalisti falliti che vonno vieta´ a la gente de pensa´ colla testa sua. L´ albo è ´na cosa comica, immorale perchè vorebbe mette limiti a quarche cosa che nun cià limiti, e nun li deve ave´, a la libbera espressione der pensiero
Luigi Einaudi
...poi venne er progresso a distrugge´ tutto, perché si la guera ha distrutto ´n sacco de cose materiali, ´nvece er progresso ciá distrutto la vita
Bruno Ugolotti
..da \'e finestre sue ascorta \'a vita der mondo e de l\'ommini e sa d\'esse\' escluso, ma nun s\'ammmazza, perché \'na nticchia de fede je dice che ha da sconta\' fino aa fine ner core suo \'sta sofferenza immensa che rappresenta ciò che, aa fine, avrà da mori\'
Hermann Hesse
a che serve vive, si uno ´n cià core pe´ lotta´ ?
Giuseppe Fava
a Cuba nun s\' arispettano li diritti umani, meno che a Guantanamo
Anónimo
a da´ retta a ´n´ inchiesta americana sulla salute de mente, un americano su quattro cià quarche probblema mentale; pensa a tre amichi tua: si stanno bene, er quarto sei te ...
Rita Mae Brown
'a felicità è 'na ricompensa che ariva a chi nun l'ha cercata
Anton Chekhov
a fine giustifica er come? Grazie Moggi, ´ccitua ...
Anonimo
'a forza de l'abbitudine è così grossa che ce s'abbitua puro a vive'
Gesualdo Bufalino
'a gelosia è 'n abbaia' de cani ch'attira li ladri
Karl Kraus
a la fine s´inventa solo colla memoria
Alphonse Karr
a li cittadini je fanno tante domande pe´ tante inchieste, che già ´n sanno più che pensa´
Jean Baudrillard
a li danni procurati dalla sparizzione della volontà d´ognuno, ar naufraggio della coscienza civica che perde er senso der diritto, l´urtima, estrema difesa delle quistioni morali, è dovere de tutti resiste, resiste, resiste, come si se trattasse d´una irrinunciabbile linea de difesa der Piave
Francesco Saverio Borrelli
a li tempi mia, nun c´ ereno li \" best seller \" e nun se potevamo venne. ´n c´ era nisuno che ciavrebbe comprato la nostra prostituzzione
Jorge Luis Borges
a ognimodo, è sempre vero puro er contrario
Leo Longanesi
a ottant\' anni, purtroppo, se po\' esse\' innammorati. Infatti sto propio a scrive\' pe\' nun pensacce
Jorge Luis Borges
a parla\' papale papale, ogni tanto serve arabbiasse pe\' fa\' \'n modo che tutto funziona bene
Friedrich Wilhelm Nietzsche
'a semplicità è 'a forma daa vera grannezza
Francesco De Sanctis
a vorte è mejo cerca\' d\'esse\' felici naa disgrazia, accettannola, invece de combatte\' o volenne usci\'
Maurice Maeterlinck
a vorte \'a luce nostra se smorza ma poi \'a fiamma vie\' rintuzzata da n\'antro essere umano. Ognuno de noi ha da ringrazia\' da mori\' quelli c\'hanno riacceso \'sta fiamma
Albert Schweitzer
a ´n´omo ´n gne se po insegna´ gnente; ar massimo, lo poi aiuta´ a scoprillo dentro de sè stesso
Galileo Galilei
a ´sto monno ´n se diventa ricchi pe´ quello che se guadagna, ma pe´ quello a cui se rinuncia
Henry Ward Beecher
a ´sto monno, la cosa più importante nun é ´ndo´ stamo, ma indove stamo a anna´ ... certe vorte ce tocca naviga´ cor vento a favore, antre cor vento contro; ma dovemo naviga´ , senza anna´ alla deriva e senza butta´ l´ ancora
Oliver Wendell Holmes
abbada de nun chiama\' \'nteliggenti solo quelli che \'a penseno uguale a te
Ugo Ojetti
abbada: er cadavere de Marxe respira ancora
Nicanor Parra
abbasta che se metta a strilla\' in faccia a tutti la verità. \' N ce crederà nessuno e la pijeranno pe\' matta
Luigi Pirandello
abbi cura de li penzieri tui: diventeranno le tue parole; abbi cura delle parole tue: diventeranno le tue azzioni; abbi cura dell´ azzioni tue: diventeranno le tue abbitudini; abbi cura delle abbitudini tue: diventeranno er carattere tuo; abbi cura der tuo carattere: diventerà er destino tuo
Frank Outlaw
abbice er coraggio de pensa´
Quintus Horatius Flaccus
abbisogna sempre gioca\' co\' leartà... quanno s\'hanno \'n mano \'e carte vincenti
Oscar Wilde
accenne\' \'n fiammifero spesso vale più de maledi\' l\'oscurità
Eleanor Roosevelt
addopro li partiti come li tassì: monto, pago la corsa e scenno
Enrico Mattei
adora´ la perfezzione porta sempre a preferi´ l´ inghippi alla verità
Paul Ariès
adurto? mai
Pier Paolo Pasolini
aiutatem´ a capi´ quello che ve dico, così ve lo spiegherò mejo
Antonio Machado
alla fin fine, ar monno ce stanno du´ tipi de omini: quelli che stanno a casa e quelli che nun ce stanno
Rudyard Kipling
alla fin fine, la patria è la lingua
Camilo José Cela
alla gente je piace ´mpicciasse de più sulle cose che je ´nteressano de meno
George Bernard Shaw
alla lepre je piace la polenta. Lo dice er coco
Stanislaw Jerzy Lec
alla Natura je potemo commanná solo si je damo retta
Francis Bacon
ama\' er nemico nostro (come ce chiederebbe er Vangelo ) nun è cosa da comuni mortali, ma più che antro da angeli
Jorge Luis Borges
ama´ er lavoro proprio è la cosa più simile alla felicità che se po´ prova´ sulla Tera
Rita Levi Montalcini
ammiro l\'urtrasettantenni; offreno sempre ae donne n\'ammore pe\' tutta \'a vita
Oscar Wilde
amo da esse\' modesti e ricordasse che l\'antri ce so so\' \'nferiori
Oscar Wilde
amore è quello che je capita a ´n´ omo e ´na donna che ´n se conoscheno
William Somerset Maugham
amo´ fatto de prescia a scordacce de quanno quelli che emigraveno eravamo noi
Susanna Agnelli
anarchia nun vordi´ nun avecce regole, ma nun ave´ governanti
Edward Abbey
anco noo sporte s\'ha da convive\' caa mafia?
Carlo Cattaneo
ancora nun je l´ amo fatta a capi´ che se po´ cresce curturalmente solo quanno se divertimo, s´ appassionamo o ridemo.
Dario Fo
ando´ vai Ivan ? Vado a Minsk. Me stai a pija´ ´n giro, Ivan ! Me dichi che vai a Minsk pe´ famme crede´ che vai a Mosca, ma ´nvece vai proprio a Minsk. Me stai a cojona´, Ivan !
Jorge Luis Borges
annamo avanti accecati dalle religgioni, puerili e folli, inventate dall´antenati nostri che ciaveveno er terore dell´immensità dell´ignoto
Guy de Maupassant
anna´ in chiesa nun fa de te ´n cristiano, come anna´ in garace ´n fa de te ´na macchina
Laurence J. Peter
approposito de valori: li sordi li mettemo in cassaforte, li sogni dentro a ´n cassetto
Mirco Stefanon
ar momento, la maniera de tira´ fora li sordi da ´n se sa´ ´ndove praticata dale Banche, è lo stesso de quello che fanno li farsari. L´unica differenza è che quelli che s´ aricchischeno so´ diversi
Maurice Allais
ar ventesimo secolo se pò perdona\' tutto, anche \'e du\' guere mondiali e quelle dopo, anche \'e sfilate de moda e \'e corse de formula uno, ma no er peccato d\'ave\' sacrificato er cinematografo aa televisione
Luigi Pintor
aricchimose de quello che ciavemo de diverso uno dall\' antro
Paul Valéry
aricordate sempre d´esse\' unico. Come tutti quanti l´antri
Margaret Mead
ariva´ secondo vordi´ solo esse er primo de quelli che hanno perso
Gilles Villeneuve
arivera` er giorno in cui se crederà che ammazza´ ´n´animale sarà giudicato come si s´ammazzasse ´n´omo
Leonardo Da Vinci
arubbeno, massacreno, rapinanano e, sotto farzo nome, lo chiameno impero; poi ´ndov´ hanno fatto diventa´ tutto deserto, lo chiameno pace
Tacitus
aspettamo ch´arivi er giorno che potremo di´, a li morti e le morte nostre, solo questo: ´n se semo aresi, nun avemo mollato e ´n se semo vennuti
Subcomandante Marcos
Auschwitz è ´gni vorta che quarcheduno vede ´n´ammazzatora e pensa: so´ solo bestie
Theodor W. Adorno
avecce raggione, è ´na raggione in più pe´ nun esse´ nisuno nella vita
Nicolás Gómez Dávila
avecce troppa fretta pe´ sdebitasse è ´na forma d´ingratitudine
François de La Rochefoucauld
avecce tutto pe’ esse\' felice nun è \'na raggione pe’ esselo
Normand Jacques
avviso: l´Autorità Sanitarie ponno esse molto pericolose pe la salute
Ana López
avvocato: l´unico complice che nun arischia mai gnente
Anónimo
avvocato: uno che ce potregge dalli furti, levannoce la causa della tentazzione
H.L. Mencken
basta de mijora\' \'na persona pe\' rovinalla
Oscar Wilde
beato chi nun s'aspetta gratitudine, perché nu' resterà deluso
W.C. Bennett
beato chi ride de se stesso, nun je mancherà da divertisse
Habib Bourguiba
beato chi ´n s´aspetta gnente dall´antri; così ´n ciavrà delusioni
W.C. Bennett
Berlusconi è una de quee malattie che se cureno cor vaccino. Pe\' guari\' de Berlusconi ce vo\' \'na bella gnezzione de Berlusconi
Indro Montanelli
bisogna riconosce´ che l´ingegni poetici sieno de du´ specie: quarcuno furbo e capace d´´ inventasse le favole; antri disposti a credece
Galileo Galilei
Bon Natale, Bona Fine e Bon Principio
Anonymous
c'è 'na sola cosa ar monno che nun inganna mai: l'apparenze
Ugo Bernasconi
cammina´ è la mejo medicina, pe´ l´omo
Hippocrates
cara democrazzia, torna a casa che nun è tardi
Ivano Fossati
ce dovrebbe da esse\' ´n giorno, uno solo, de apertura de caccia ai senatori
Will Rogers
ce lo so che, visto che nun so´ letterato, quarcheduno potrebbe giustamente di´ che so´ ´n presuntoso e ´n´illetterato. Matti ! Ma questi ´n cio sanno che potrei, come fece Mario contro li patrizi romani, arisponneje dicenno: \" Quelli che se fanno belli colle fatiche dell´antri, nun me vonno ariconosce le mie !!!
Leonardo Da Vinci
ce se dovrebbe vergogna´ dell´azzioni nostre, si l´antri sapessero perchè le famo
François de La Rochefoucauld
ce so\' morte maniere pe\' ariva\', la mejo è nun parti\'
Ennio Flaiano
ce so´ solo du´ maniere de di´ la verità; o in anonimo o postuma
Thomas Sowell
ce so´ cose da nun fa´ mai, nè de giorno nè de notte, nè pe´ mare nè pe´ tera: la guera, presempio
Gianni Rodari
ce so´ due maniere de schiavizza´ ´na nazzione. Uno è colla forza, l´antro coi buffi
John Adams
ce so´ du´ modi pe´ conquista´ la felicità: una e fa´ lo scemo, l´antra esselo
Enrique Jardiel Poncela
ce so´ giornalisti onesti e politichi onesti. Ma quanno se so´ fatti compra´, so´ comprati pe´ sempre
William Moyers
ce so´ occasioni, posti e situazzioni in cui la violenza, e perciò l´ omicidio ( er massimo de la violenza ) diventeno pe´ forza evidenti, presenti e reali
Roberto Bolaño
ce so´ omini che l´etá je ´mbianca li capelli ma nun tocca er core, che rimane sempre fresco e giovane e sempre, colla stessa forza, batte pe´ ´gni cosa bbona e bella
Ludoviko Zamenhof
ce so´ persone che sanno tutto; ma è tutto quello che sanno
Niccolò Machiavelli
ce so´ tante maniere pe´ fallì, mentre pe´ riusci´ ce n´è solo una
Aristotle
ce sta gente così povera, che c\'ha solo sordi
Anonymous
ce sta 'n'arma più teribbile daa calunnia: 'a verità
Charles Maurice de Talleyrand-Périgord
ce sta \'n\'arma più teribbile daa calunnia: \'a verità
Charles Maurice de Talleyrand-Périgord
ce stanno du´ categorie de televisione: quella intelliggente che alleva cittadini facili da controlla´, e la televisione imbecille, che alleva cittadini facili da governa´
Jean Guéhenno
ce stanno du´ tipi d´ ommini: li giusti e l´ingiusti. La divisione, però, la fanno li giusti
Oscar Wilde
ce stanno parole ch\'avrebbero da servi\' \'na vorta sola
François-René de Chateaubriand
ce stanno sempre du´ raggioni pe´ ´n´azzione; una onesta e quella vera
John Pierpont Morgan
ce stanno tarmente tante leggi che nisuno pò esclude\' d\'esse\' \'mpiccato
Napoleon Bonaparte
ce vonno er nemico e l\'amico tuoi insieme pe\' corpitte ar core: er primo pe\' calunniatte, er seconno pe\' venittelo a di\'
Mark Twain
ce vo´ ´na grande conoscenza pe´ capi´ quanto semo ignoranti
Thomas Sowell
cerca er ridicolo dapettutto e lo trovi
Jules Renard
cercanno de sembra\' quello che nun semo, finimo de esse\' quello che semo
Ernst Jünger
cercanno er bene dell´antri trovamo er nostro
Plato
cercate d´ esse´ gentili colla gente quanno state a sali´, visto che la riincontrerete pure quanno scennerete
Wilson Mizner
certe cose è più facile falle diventa´ legali che leggittime
Nicolas de Chamfort
certe vorte è mejo cammina´ ch´ariva´ ; ariva´ nun esiste, è solo ´n momento der cammino
Gino Vermicelli
certe vorte l´adolescenza ariva a novant´anni
Alda Merini
certe vorte se po´ vive´ pe´anni senza vive´ pe´gnente; e all´improvviso te se concentra tutta la vita in un momento
Oscar Wilde
certe vorte uno confessa ´n peccato solo pe di´ d´esse\' stato lui
John von Neumann
certe vorte, nella vita, tocca sape´ lottà´ , nun solo senza paura, ma pure senza speranza
Sandro Pertini
certi paesi poveri so´ orgojosi e vorebbero risorve li probblemi sui senza aiuti; ma, pe´ fortuna, le murtinazzionali nun ponno fa´ a meno de sacrificasse pe´ loro
Anónimo
certi sorisi nun so´ de felicità, ma ´na maniera de piagne co´ bontà
Gabriela Mistral
certi studiosi lavoreno pe´ riempi´ er cervello dell´omini, antri pe´ svotallo. Manco a di´ che i secondi so´ de più ...
Carl William Brown
certo che se po´ perdona´ a ´n´omo d´ esse stupido pe´ ´n´ora, visto che ce ne stanno ´n sacco che so´ stupidi pe´ tutta la vita.
Francisco de Quevedo y Villegas
certo, la gente non vo´ la guera. Dovete solo da di´ a tutti che stanno pe´ esse´ attaccati e ´ntanto denuncia´ li pacifisti pe´ scarso patriottismo e pe´ vole´ mette ´n pericolo er Paese suo. Funziona così da tutte le parti...
Hermann Göring
che ce vo´ a scrive´ ´n libbro?...er difficile é leggelo
Gesualdo Bufalino
che cià de più bello ´n popolo che la lingua dell´ antenati sui ?
Johann Gottfried von Herder
che differenza c\' `e fra un regazzino de cinqu\' anni e uno noioso e tonto de diciannove ??? Quattordicianni de scola inglese ...
Bertrand Russell
che finirà prima, l\'aria o er petrolio ?
Anónimo
che fortuna cianno li governanti p´er fatto che l´ ommini nun penseno
Adolf Hitler
che sarebbe la vita, si ´n ciavessimo er coraggio de provacce?
Vincent Van Gogh
che tutti l´ ommini sieno fratelli è solo er sogno de chi fratelli nun cell´ ha
Charles Chincholles
ched´ è rapina´ ´na banca, in confronto a fondanne una ?
Bertolt Brecht
ched´è er monno reale, antro che er sogno che tutti ciavemo, er sogno de tuti quanti ?
Miguel de Unamuno
ched´è er piacere, se nun è un dolore straordinariamente dorce ?
Heinrich Heine
ched´è l´arte ? Prostituzzione
Charles Baudelaire
chi cerca de avecce l´affetto dell´antri colle bbone azzioni, è destinato a avecce solo ingratitudine
Bertrand Russell
chi discute facennose forza sull´autorità nun adopera er cervello, ma la memoria
Leonardo da Vinci
chi è innammorato de se stesso cià armeno un vantaggio; nun ciavrà tanti rivali
Georg Christoph Lichtenberg
chi lotta po´ perde; chi nun lotta ha già perso
Bertolt Brecht
chi nu ciá l´ immaginazzione nun ciá l´ali
Muhammad Ali
chi nun conosce le lingue straniere, nun conosce manco la sua
Johann Wolfgang von Goethe
chi nun è capace de vole´ bbene è più infelice de uno ar quale gne vole bbene nessuno
François de La Rochefoucauld
chi nun lo perde c\'ha \'n sacco de tempo
Bernard le Bovier de Fontenelle
chi nun po\' quello che vole, che voja quello che po\'
José Ortega y Gasset
chi nun punisce er male, vole che se continui a fa´
Leonardo da Vinci
chi nun vo´ la virtù rimane da solo
Leon Battista Alberti
chi più sa, più soffre
Giordano Bruno
chi pò nega\' che l\'ambiente è distrutto?
Günter Grass
chi riceve de più, riceve pe´ conto dell´antri; nun è più grande nè mejo de ´n´antro: cià solo più responabbilità. Deve servi´de più, Deve vive pe´servi´
Hélder Câmara
chi sa perde\', vince
Elbert Hubbard
chi sa ride è er padrone der monno
Giacomo Leopardi
chi va piano va sano e va lontano
Anonimo
chi vive solo pell´estetica, vive sempre e solo pell´estetica
Søren Kierkegaard
chi vo´ move´ er monno, prima ha da move´ se stesso
Socrates
chi ´n cià mai avuto ´n cane ´n po´ sape´ che vordi´ ama´ e esse amato
Arthur Schopenhauer
chi, essenno amato, è povero?
Oscar Wilde
chiamo omo chi è padrone daa lingua sua
Don Lorenzo Milani
chiedemo solo de dá ´na possibbilitá alla pace
John Lennon
chiunque ciabbia er potere pe´ un minuto, commette ´n crimine
Luigi Pintor
chiunque po´ solidariezzasse cor dolore de ´n´amico, ma solo chi è nobbile d´animo lo po´ fa in caso de successo
Oscar Wilde
chiunque, finchè ciavrà la capacità de apprezza´ la bellezza, ´n sarà mai vecchio
Franz Kafka
ch´ insegna all´ ommini a mori, j´ insegna puro a vive´
Michel de Montaigne
ciavemo er mejo Congresso che avemo potuto compra´
Will Rogers
ciaveva raggione Hegel, quanno diceva che la storia c´insegna che l´omo ´n po´ impara´ gnente dalla storia
George Bernard Shaw
ciaveva una idea assolutamente rispettabbile, come se dice; in pratica voleva rubba´ tutti li sordi a ´na signora sposannola
Henry Fielding
cinico : ´na canaja co´ ´n difetto all´ occhi pe´ cui vede le cose come so´, e no come dovrebbero esse´
Ambrose Bierce
cinico nun è solo che ´mpara lezzioni amare dar passato, ma puro chi è deluso in anticipo dar futuro
Sydney J. Harris
ciò paura che l´ebbrei sieno come tutti li disgrazziati. Quanno saranno de sopra, saranno intolleranti e crudeli proprio come l´antri lo so\' stati co\' loro, quanno staveno de sotto
Harry S. Truman
ciò ´na memoria fenomenale pe´ scordamme le cose
Robert Louis Stevenson
ciò bisogno che ce sia bisogno de me
Anónimo
clona de più la genetica o ´a televisione?
Anónimo
colla morale potemo coregge li sbaji istintivi, e coll´ amore quelli morali
José Ortega y Gasset
comanna´ nun vordi´ domina´; ma solo compie ´n dovere
Lucius Annaeus Seneca
combatte contro se stessi è la peggio delle guere; vince contro se stessi è la mejo vittoria
Friedrich von Logau
come corpo ognuno è singolo, come anima mai
Hermann Hesse
come nun era mai successo prima, l´ umanità cià davanti un bivio. ´Na strada porta alla disperazione più nera e alla prostrazzione. L´ altra all´ estinzione totale. Sete pregati d´ avecce la saggezza de sceje bbene ...
Woody Allen
come riconosce' 'n'opera d'arte? Come separalla, anche solo pe' 'n attimo, da l'apparato critico, da l'eseggeti, da l'istancabbili plaggiari, da li demolitori, dar destino finale suo de solitudine? Semplice: basta tradulla
Roberto Bolaño
come se fa´ a sape´ si Lyndon Johnson sta a di´ ´na bucía ? Si je trema ´n´orecchia non sta a menti´. Si strizza ´na sopraccija nun vordi´ che sta a menti´. Invece, si move le labbra, vordi´ che sta a menti´
Robert Francis Kennedy
come se po´ riconosce ´n´opera d´arte ? Come se potreb be separa´ solo pe´´n momento dal suo apparato critico, dall´esegeti, da li instancabbili plagiari, da quelli che la distruggono, dal suo destino inevitabbile de solitudine ? Basta tradulla
Roberto Bolaño
complica´ quello che é semplice é banale; fa´ diventá semplice, incredibbirmente semplice le cose complicate ecco, questa é creativitá
Charles Mingus
com´è governato er monno, e come ´ncominceno le guere ? Li diplomatici dicheno le bucíe e poi danno retta a quello che leggono
Karl Kraus
consideramo de più tutto quello che ce costa più fatica pe´ ottenello
Aristotle
consideranno come so´ li padri, è raro che nun avecce padre sia ´na sfortuna: consideranno poi la qualità media de li fiji, è raro pure che sia ´na sfortuna nun avecce fiji
Lord Chesterfield
console; ner monno politico Americano, se definisce cosí uno che, nun essenno riuscito a conquista´ ´na carica grazie ar consenso dell´elettori, ce ´n´ha avuta una dar governo, a condizzione d´annassene dar Paese
Ambrose Bierce
continuamente nascheno li fatti pe´ confonne le teorie
Carlo Dossi
coraggio è la paura d´esse´ considerato ´n vijacco
Horace Smith
coscienza è tutto quello che te diceva tu´ madre fino a quanno ´n ciavevi sei anni
Brock Chisholm
così scoprimo ´na verità semplice e doppia; pe´ prima cosa semo ´na communità de popoli che parleno la stessa lingua, eppoi parlalla, fra l´altro, é ´na maniera, fra tutti, d´esse\' omini
Octavio Paz
costa tanto esse´ sincero si uno è intelliggente. Lo stesso che esse´ onesto si uno è ambizzioso
Fernando Pessoa
co´ ´n bacio saprai tutto quello che nun t´ho mai detto
Pablo Neruda
crea´ bibblioteche è come si se costruissero ancora granari pubblici; ammucchia´ riserve pe´ l´ inverno dello spirito che, da certe cose che vedo, purtroppo sicuramente ariverà
Marguerite Yourcenar
credemo d´ esse´ ´n paese, ma semo solo un paesaggio
Nicanor Parra
credemo solo a quello che vedemo: perciò, da quanno c´ è la televisione, ormai credemo a tutto
Dieter Hildebrandt
crede\' ar progresso nun vo di\' crede\' che \'n progresso c\'è stato già
Franz Kafka
crede\\\' è crea\\\'
Miguel de Unamuno
credo che potrei annammene a vive\' coll´animali, che so´ tranquilli e dignitosi. Io sto lì a guardalli e riguardalli a lungo. ´N cianno prescia e manco se preoccupano de come stanno, nun se stanno a tormenta´ nell´ombra né a piagne sui peccati loro, nun me fanno nausea\' quanno discutono sui loro doveri, nun so\' insoddisfatti, nun impazzischeno pe\' er possesso della robba, nun s´inginocchieno davanti ai propri simili e manco a quelli ch´hanno vissuto più de mille anni fa, e nessuno de loro è rispettabile o infelice a ´sto monno.
Walt Whitman
credo propio ch\'a rivoluzzione è \'a fonte der diritto
Fidel Castro
Cristo è morto pe´ corpa delli peccati nostri. ´n saremo mica capaci de fa´ diventa´ inutile ´sto sacrificio pe´ nun parlanne ?
Jules Feiffer
c\'amo dieci minuti pe\' realizza\' \'n\'idea prima che torna ner monno de li sogni
Richard Buckminster Fuller
c\'è quarcosa nee cose che dimo?
George Steiner
c\'è sempre \'n modo giusto e \'n modo sbajiato. Er modo sbajiato sembra sempre er più raggionevole
George Moore
c\'è solo \'n\'avarizia dignitosa: quella dee parole
Constancio Vigil
c\'hanno \'mparato de crede\' che \'e cose belle nun c\'hanno abbisogno d\'esse\' utili e che \'e cose utili nun ponno esse\' belle. Vojo fa\' vede che \'e cose utili ponno pure esse\' belle
Mohandas Karamchad Gandhi
c\'ho ggusti facili. Me soddisfo cor mejo
Oscar Wilde
c´ è solo ´na guera che er genere umano se po´ permette; quella pe´ nun estinguese
Isaac Asimov
c´ è solo un modo p´ ave´ successo: esse´ capaci de vive come ce pare
Christopher Morley
c´è ´na cosa sola ar monno che ´n te frega mai; so´ l´apparenze !
Ugo Bernasconi
c´è ´n´allegria dentro a li boschi inesplorati; c´è ´n´estasi sulla spiaggia solitaria. C´è vita ´ndove nisuno ariva ner mare profondo, e ce sta musica dentro ar rumore suo assordante: nun è che vojo bene de meno all´omo, è che amo de più la Natura
Lord Byron
c´è da meravijjasse si ´n´indovino nun s´ammazza da ride vedenno ´n´antro indovino
Marcus Tullius Cicero
c´è gente che pagherebbe, pe´ vennese
Victor Hugo
c´è solo ´n problema filosofico serio: er suicidio
Albert Camus
c´é ´n so´ che de traggico ner fatto che appena l´omo inventó ´na machina capace de sostituillo ner lavoro, ´ncominció a patí la fame
Oscar Wilde
c´è ´n´energia ancora più pulita del sole, ancora più rinnovabbile der vento: quella che nun consumamo noi
Arthur H. Rosenfeld
c´´è solo ´na cosa peggio che fa´ parla´ de sè; è de nun fanne parla´
Oscar Wilde
da grande vojo esse ´n regazzino
Joseph Heller
da li fumatori dovemo da ´mpara´ la tolleranza.Nun n´ ho mai conosciuto uno che se sia lamentato de quelli che nun fumeno
Sandro Pertini
da \'n grand\'omo ce sta sempre quarcosa da \'mpara\' pure quanno sta zitto
Lucius Annaeus Seneca
dar cervello, e solo dar cervello, nascheno piaceri, gioie, risate e frescacce, lo stesso che che li dolori e li dispiaceri
Hippocrates
da´ ´n´osso a ´n cane nun è carità. Carità è fa´ a mezzi cor cane, quanno sei affamato come lui
Jack London
de morto manca e de poco avanza
Anonymous
de quante preoccupazzioni se libbera uno quanno decide de nun esse quarche cosa, ma quarcuno
Coco Chanel
de solito dico sempre \'e cose che penso davero. Ma oggiggiorno è diventato \'n\'erore grave perchè se rischia d\'esse\' fraintesi
Oscar Wilde
de tutte le piaghe ch´ affliggheno l´ umanità, la peggio è quanno comanneno li preti
Daniel Defoe
de tutte l\'aberazzioni sessuali, forse \'a più bizzara è \'a castità
Remy de Gourmont
de tutte quante le cose che la saggezza ce da pe´ facce la vita felice, la più granne de tutte è d´avecce l´amicizzia
Epicurus
de ´na città nun te godi le sette o settantasette meravije, ma quello che te po´ da´ quanno je chiedi
Italo Calvino
dedico ´st´edizzione a li nemici, che tanto m´ hanno aiutato pe´ la cariera
Camilo José Cela
dee sciocchezze daa gioventù, quello che me dispiace nun è avelle fatte, ma de nun potelle fa più
Pierre Benoit
della foto in se nun m´importa gnente. Quello che vojo è fissa´ ´na frazzione de secondo della realtà
Henri Cartier-Bresson
della morte nun c´è da ave´ paura perchè, finche ce stamo noi ´n ce sta lei, e quanno c´ è lei ´n ce staremo più noi
Epicurus
democrazzia è sceje quelli che saranno li vostri dittatori, dopo che v´ hanno detto quello che credete de vole´ senti´
Alan Coren
democrazzia: visto che nun è stato possibile fa´ che er giusto fusse puro forte, semo riusciti a fa´ che quello che è forte sia puro giusto
Blaise Pascal
devi cambia´ l´anima, no er cielo sotto cui vivi
Lucius Annaeus Seneca
devi da perdona´ sempre li nemici; ´n c´è gnente che li faccia arrabbia´ de più
Oscar Wilde
di' 'a verità in malafede avrebbe da esse' considerato disonesto
Karl Kraus
dicheno che co´ li sordi se po´ compra´ tutto. No, nun è vero. Se po´ compra´ da magna´, ma no l´ appetito, le medicine ma no la salute, un letto commodo ma no er sonno, er sape´ ma no la sapienza, l´ immaggine ma no er benessere, li divertimenti ma no l´ allegria, li compagni ma no l´ amichi, li servi ma no la federtà, li capelli griggi ma no la bona reputazzione, giorni tranquilli ma no la serenità. Li sordi ponno compra´ l´ apparenza de tutto; ma no li semi. Quelli ´n se ponno ave´ co li sordi
Arne Garborg
dimostra\' che c\'ho ragione significherebbe ammette\' che potrei avecce torto
Pierre Caron de Beaumarchais
Dio me perdonerá. É er mestiere suo...
Heinrich Heine
distrasse significa quasi sempre cambia\' \'a maniera d\'annojasse
Charles Régismanset
divorzia\' solo perché nun ami \'n\'omo è stupido quasi quanto sposasse perché l\'ami
Zsa Zsa Gabor
di´ amicizzia è come di´ intesa perfetta, fiducia immediata e memoria lunga; cioè, fedeltà
Gabriela Mistral
di´ bucíe in malafede dovrebbe da esse´ considerato come ´na disonestà
Karl Kraus
di´ si a tutto e a tutti è come nun esiste´
Tahar Ben Jelloun
Don Chisciotte, de ´sti tempi, combatte pe´ li mulini a vento e no contro
Anónimo
dopo Auschwitz, scrive´ ´na poesia è ´n´ atto de barbarie
Theodor W. Adorno
dopo tre vorte che se vede in TV, quarsiasi minchione che è intervistato, da l´ opinione sua e puro quella dell´ antri
Enzo Biagi
dopo tutto, so´ le relazzioni colla gente che danno valore alla vita
Wilhelm von Humboldt
dovemo lottá pella pace usanno strumenti de pace
Martin Luther King
dovete da crede a tutto quello de male che se racconta der monno; ´n c´ è gnente così brutto da nun esse´ possibile
Honoré de Balzac
dovressimo pensa´ ´n po´ de più a fa´ der bene che a sta´ bbene; magari finiremmo pure pe´ sta´ mejo tutti
Alessandro Manzoni
drent´ a ognuno de noi c´ è ´no straniero. Quanno scappamo o combattemo lo straniero, stamo a lotta´ contro de noi stessi, incosciamente
Julia Kristeva
du' cose me stupischeno: l'intelliggenza dee bestie e 'a bestialità dell'ommini
Flora Tristán
dubbita\' de se stesso è \'r primo segno de l\'intelliggenza
Ugo Ojetti
du´ cose me lasciano impressionato: l´intelliggenza delle bestie e la bestialità dell´omini
Flora Tristán
è ´no sbajo pensa´ che nessuno conosca er carattere suo. Quasi tutti conoscheno li difetti che cianno, solo che intigneno a chiamalli a ´n´antra maniera de come li chiameno l´ antri
Arthur Helps
è assai più facile resiste al primo desiderio, che soddisfa´ tutti quelli ch´ariveno dopo
François de La Rochefoucauld
é bbene nun fa´ er male. Ma nun fa´ er bene é molto male...
Padre Alberto Hurtado
è bbene segui´ le proprie inclinazzioni; sempre che sieno in salita, però...
André Gide
è bbona regola crede in quello che ´n´artista fa, più che da´ retta a quello che dice dell´opera sua
David Hockney
è bello capi\' \'na \'nticchia pe\' vorta de nun capicce gnente
Maurice Maeterlinck
è chiaro ch´ è possibbile ´n rapporto platonico; solo fra marito e moje, però ...
Anonymous
è così corto l\'amore e è così lungo l\'obblio
Pablo Neruda
è da disprezza\' l´avarizzia mentale de quelli che, avennoce conoscenza de quarche cosa importante, nun fanno er possibile pe\' falla sape\' a tutti
Miguel de Unamuno
è davero mostruoso che \'a gente va \'n giro a di\' ae spalle nostre cose che so\' assolutamente vere
Oscar Wilde
è de loggica conclude´ che le lingue so´ difficili in modo inversamente proporzionale a li motivi che ciai pe´ imparalle
Reg Hindley
è difficile di\' chi ce fa\' \'e peggio carognate, si li nemici chee peggio \'ntenzioni o l\'amici chee mejo
Lord Lytton
è difficile incontra´ ´n´anima libbera, ma quanno la vedi la riconosci, speciarmente perché te senti bbene quanno stai co´ lei o je stai vicino
Charles Bukowski
è difficile nun desidera´ le donne dell´ antri, visto che quelle libbere, generalmente, nun so´ granchè
Enzo Biagi
è fiacco perchè ´n cià avuto abbastanza dubbi e è voluto ariva\\\' subbito alla fine
Miguel de Unamuno
è l´omo, tutt´intero, ch´è condizzionato dal comportamento produttivo pell´ organizzazzione der lavoro e che, pure fori dalla fabbrica, continua a avecce la stella pelle e la stessa capoccia
Christophe Dejours
è mejo aggiunge vita ai giorni, che giorni alla vita
Rita Levi Montalcini
è mejo agitasse ner dubbio che rimane´ tranquilli nell´errore
Alessandro Manzoni
è mejo che la gente nun riesca a capi´ come funzionano er sistema bancario e monetario, sinnò so´ sicuro che la rivoluzzione scoppierebbe prima de domani matina
Henry Ford
è mejo esse´ infelicemente innammorati che infelicemente sposati. Quarcheduno, più fortunato, riesce a fa´ tutt´eddue.
Guy de Maupassant
è mejo fa´ e pentisse che pentisse solamente
Giovanni Boccaccio
è morto difficile lavora\' bene e, ar tempo stesso, disprezza\' \'r lavoro che fai
Milan Kundera
è perché l\'ommini nun sapeveno \'ndo\' stavanno a anna\' che so\' riusciti a trova\' \'a strada loro
Oscar Wilde
é pericoloso avecce raggione su quistioni su cui l´ autorità costituite cianno torto
Voltaire
'e persone che nun rideno mai, nun so' serie
Pierre Dac
è più facile buggera´ le masse co´ ´na bucia grossa che co´ una piccola
Adolf Hitler
è più facile de combatte\' pe\' li principi tui che de seguilli
Alfred Adler
è più facile infinocchia´ la ggente che convincela d´esse stata infinocchiata
Mark Twain
è piú facile perdona´ a un amico che a un nemico
William Blake
è più vergognoso diffida' de l'amici nostri che esse' 'ngannati da loro
François de La Rochefoucauld
è possibbile ama´ ´n´ essere umano, si nun lo conosci ancora bene
Charles Bukowski
è possibbile che le persone mejo sieno quelle che sanno de nun vale´ deppiù der gnente che cianno intorno
Vincenzo Cerami
è povero no chi c\'ha poco, ma chi desidera troppo
Lucius Annaeus Seneca
è probbabbile che l´unico posto indove ´n´omo se po´ senti´ sicuro pe´ davero è ´n carcere de massima sicurezza, si nun fosse che esiste la minaccia d´esse´ libberato
Germaine Greer
è raro che l'ommini che c'hanno er massimo rispetto pe' 'e donne so' popolari fra quelle
Joseph Addison
è recessione quanno er vicino tuo perde er lavoro; è depressione quanno \'o perdi te
Harry S. Truman
è religgione pure nun crede a gnente
Cesare Pavese
è sempre più facile cambia´ omo che cambia´ ´n´omo
Marilyn Monroe
è strano che er valore fisico sia così abbondante ner monno, e quello morale così scarso
Mark Twain
è strano che l´omini che cianno un gran rispetto pe´ le donne sieno popolari pe´ loro stesse
Joseph Addison
è triste pensa´ che la natura parla, e la specie umana nun sente
Victor Hugo
è ´na guera de classi; la mia vince, ma sarebbe mejo de no
Warren Buffett
è ´sta passione pe li libbri che m´ha fatto diventa´ l´ idiota più erudita der monno
Louise Brooks
ecco quello che ce succede; che nun sapemo quello che ce succede ...
José Ortega y Gasset
elettore: uno che cià er sacro previleggio de votà pe´ quarcheduno scerto da antri
Ambrose Bierce
er bacio è \'n\'espediente geniale pe\' \'mpedi\' a l\'innammorati de di\' \'n sacco de stupidaggini
Alessandro Morandotti
er bello de la guera è che tutti li capi dell´assassini fanno benedi´ le bandiere sue, e invocano solennemente l´aiuto der Signore, prima de comincia´ a stermina´ er prossimo suo
Voltaire
er bello de lavorá é de guadagnasse tempo libbero
Aristotle
er bello delle regole è che ce ne so´ ´n sacco tra cui pote´ sceje
Andrew S. Tanenbaum
er bene po´ aregge le sconfitte, er male no
Rabindranath Tagore
er bene pubblico è fatto de \'n sacco de mali privati
Anatole France
er bisogno ´ncià leggi
Oliver Cromwell
er brutto della felicità è aspettasse ´na felicità troppo grande
Bernard le Bovier de Fontenelle
er buciardo dovrebbe da sape´ che, pe´ esse´ creduto, deve di´ solo le bucie necessarie.
Italo Svevo
er camposanto è pieno d´omini de cui ´n se poteva fa´ a meno
Leo Tolstoy
er capitalismo è come un racket leggittimo de quelli che comanneno
Al Capone
er capitalismo è er peggio nemico dell´ umanità
Evo Morales
er cielo stellato sopra a me, la legge morale dentro
Immanuel Kant
er cinema, come la pittura, fa vede quello che nun c´è
Jean-Luc Godard
er circo l´ avemo globbalizzato; er pane ancora no ...
Anónimo
er commerciante, stia ´ndo´ stia, in quarsiasi parte der monno, cià sempre la stessa religgione
Heinrich Heine
er communismo è l´unità essenziale dell´omo colla natura, la vera resurrezzione della natura, er naturalismo effettivo dell´omo e l´umanesimo effettivo della natura
Karl Marx
er compito dell´omini de curtura é, oggi piú che mai, quello de semina´ dubbi, e no de raccoje certezze
Norberto Bobbio
er consenso è quella cosa che tanta gente afferma in coro, ma che nisuno crede davero
Abba Eban
er consijo richiesto nun è quasi mai ben accetto; quello richiesto invece è proprio ´n´ insolenza
Samuel Johnson
er contrario d´un popolo civilizzato é ´n popolo creativo
Albert Camus
er coraggio è quello che ce serve pe\' arzasse e parla\'. Ma er coraggio è pure quello che serve pe\' mettese a sède e senti´
Winston Churchill
er corpo, co\' \'a cura dovuta, pò dura\' tutta \'a vita
Enrique Clarasó Daudí
er credo mio: cerca' 'a verità naa vita e 'a vita naa verità
Miguel de Unamuno
er cristianesimo ha fatto tanto pell´ amore, transformannolo in peccato
Anatole France
er cristianesimo, così com´è stato organizzato dalli preti, è sempre er peggio nemico der progresso morale der monno
Bertrand Russell
er debbito pubblico è abbastanza cresciutello pe´ sta attento a se stesso
Ronald Reagan
er diavolo è \'n\'ottimista si crede de pote\' peggiora\' l\'ommini
Karl Kraus
er diggitale è la svertezza, l´ efficenza; la carta è er piacere
Giuseppe Annoscia
er dissenso è \'a forma più nobbile de patriottismo
Thomas Jefferson
er divorzio, in ogni caso, è ´na pezza che se cerca de mette´ a quarche cosa finita male. La battaja per divorzio è na battaja de retroguardia; toccherebbe da lotta´ contro er matrimonio ...
Luciano Bianciardi
er dovere è quello che s\'aspettamo che fanno l\'antri
Oscar Wilde
Er dovere più importante pe n´essere umano è quello de evita´ la crudertà verso l´ animali ( E.Zola ).
Emile Zola
er dubbio é sgradevole, ma la certezza é ridicola...
Voltaire
er dubbio è uno de ´li tanti nomi che cià l´intelliggenza
Jorge Luis Borges
er fatto che er PC sia ´na cosa assolutamente disumana, sta ner fatto che, ´na vorta programmato e funzionante, se comporta in maniera completamente onesta
Isaac Asimov
er fatto che la gente greve se spieghi papale papale nun è vero pe´ gnente; che poi sieno chiari nun dipende dar fatto de sapesse esprime bene nun dipenne dalla padronanza dellla lingua, ma dar fatto che cianno idee tera tera
Samuel Johnson
er fatto che l´ ommini nun impareno mai da quello che j´ insegna la storia, è la lezzione più importante che la storia ce da
Aldous Huxley
er fine è ne li mezzi come l\'arbero ner seme
Mohandas Karamchad Gandhi
er fine giustifica li mezzi, sempre però che ce ce sia quarche cosa che giustifichi il fine
Leon Trotsky
er futuro de li regazzini è sempre oggi; domani è troppo tardi
Gabriela Mistral
er futuro è de quelli che prevedeno le cose prima che diventino prevedibbili
Theodore Levitt
er futuro è l´ unica proprietà che li padroni lasceno a li schiavi
Albert Camus
er futuro mio comincia quanno me svejo la matina... tutti li giorni trovo quarche cosa de creativo da fa´ nella vita mia
Miles Davis
er gallo canta pure er giorno che lo mettono nella cazzarola
Stanislaw Jerzy Lec
er gasse è ´n´arma più misericordiosa de ´na bomba potente, e obbliga er nemico a accetta´ ´na decisione co´ meno perdite de quelle che ciavrebbe co´altri mezzi bellici
Winston Churchill
er gatto mio fa quello che vorei fa´ io; ma co´ñ meno manfrine !
Ennio Flaiano
er genere umano ´n po´ sopporta´ troppa realtá
Carl Jung
er giornalismo è solo l´ arte de riempi´ ´no spazzio voto
Rebecca West
er giornalismo onesto po´ e deve mozzica´ quarsiasi mano che s´azzardi a daje da magna´
David Simon
er giornalista è spronato dalle scadenze. Si cià tempo ... scrive peggio ...
Karl Kraus
er grado de civirtà de ´na nazzione se vede da come tiene le galere
Fedor Michailovich Dostoevski
er guaio de ´sto Paese è che, convinti da precedenti esperienze, ´n sacco de politici pensano de pote´ imbroja sempre tutti
Franklin Pierce Adams
er guaio der capitalismo so\' li capitalisti che, quasi sempre bravissimi dentro aa azienda loro, fora de là so\' spesso de l\'ottusi e \'mbecilli noiosi, e quarche vorta pure peggio
Indro Montanelli
er guajo d´ esse´ puntuali è che ´n ce trovi mai nisuno, quanno arivi, che l´ apprezzi
Franklin P. Jones
er lavoratore diventa meno caro quanno produce de più
Karl Marx
er lavoro accorcia \'e giornate e allunga \'a vita
Denis Diderot
er lavoro ce tiene lontani tre granni mali: 'a noia, er vizzio e 'r bisogno
Voltaire
er lavoro è \'r rifuggio de chi nun c\'ha de mejio da fa\'
Oscar Wilde
er libbero sviluppo d´ognuno de noi è la condizzione pe´ er libbero sviluppo de tutti quanti
Karl Marx
er libbro che conteneva dentro tutta la scenza de li libbri chiedeva aiuto pe´ nun esse´ magnato dar sorcio. Er sorcio se mise a ride
Leon Battista Alberti
er libbro più ´mportante pe´ ´n communista come me è la Bibbia
Nichi Vendola
er libbro sarà \'a sarvezza dell\'omini
Voltaire
er limite dell´ audacia consiste ner sape´ quanto ce se po´ butta´ troppo in avanti
Jean Cocteau
er linguaggio è come ´na pelle: io strufino la lingua mia addosso all´ antra
Roland Barthes
er linguaggio è la pelle dell´ anima
Fernando Lázaro Carreter
er linguaggio è morto più 'nquieto daa vita
Manuel Seco
er linguaggio è \'na parte der nostro organismo, e nun è meno complicata de quello
Ludwig Wittgenstein
er linguaggio è ´n´ arte anonima, collettiva e incoscente; er risultato della creatività de mijaia de generazzioni
Edward Sapir
er lusso arovina li ricchi e fa sempre più poveri li poveri
Denis Diderot
er lusso rovina e' ricco e aumenta 'a miseria de li poveri
Denis Diderot
er malinteso è la maniera più frequente de communicazzione fra l´ ommini
Peter Benary
er matrimonio è come li funghi; si so´ boni o no te n´ accorgi troppo tardi
Woody Allen
er matrimonio è la principale causa de li divorzi
Groucho Marx
er matrimonio è solo cattivi umori de giorno e cattivi odori de notte
Guy de Maupassant
er matrimonio, naa vita, è come \'n duello in mezzo a \'na battaja
Edmond About
er mejo affare pe´ li ricchi è quanno li poveracci litigheno
Eduardo Pérsico
er mejo argomento contro la democrazzia è ´na chiacchierata de 5 minuti co´ l´elettore medio
Winston Churchill
er mejo maestro della lingua è er come se usa
Quintilianus
er mejo merito della società è che ce fa apprezza´ la solitudine
Charles Chincholles
er mejo periodo der pessimismo ariva più o meno a li ventun´ anni, quanno pe´ la prima vorta se cerca de fa´ diventa´ veri li sogni
Heywood Broun
er mercato è dove l´omini so´ libberi d´imbrojasse
Anacharsis
er mijoramento della conoscenza po´ esiste solo perchè se potemo avvantaggià der lavoro de li grandi geni che cianno preceduto
Margherita Hack
er mito è ´na religgione a cui ´n ce crede più nisuno
James K. Feibleman
er monno cià la struttura der linguaggio, e er linguaggio cià le forme della mente
Eugenio Montale
er monno è materno pe\' l\'ommini e maschilista pe\' \'e donne
Belén Sánchez
er monno è pieno de libbri meravijosi che nisuno legge
Umberto Eco
er monno è ´na gabbia de matti
Tommaso Campanella
er monno è ´na galera ´ndov´ è mejo sta´ ´n cella d´ isolamento
Karl Kraus
er monno nun è vero, però è reale
Fernando Pessoa
er monno nun è ´no spettacolo; er monno è ´n campo de battaja
Giuseppe Mazzini
er monno sarà sempre più comico; ecco perchè l´ umoristi so´ li premi veri omini der futuro
Carl William Brown
er monno sarebbe ´n sacco più pacifco si fossimo tutti atei
José Saramago
er monno se divide fra quelli che nun dormeno perchè cianno fame e quelli che nun dormeno perchè cianno paura de quelli che cianno fame
Paulo Freire
er monno va avanti quanno se realizzeno cose che se credeveno impossibbili
André Maurois
er nemico ce marcia ´n testa
Bertolt Brecht
er nostro grande e glorioso lavoro è de vive´ come se deve. Regna´, ammucchià tesori, costrui´, so´ solo fregnacce
Michel de Montaigne
er novanta per cento de li politici aruvina la reputazzione dell´ antro dieci per cento
Henry Alfred Kissinger
er Padreterno nun po´ cambia´ er passato; ecco perchè je tocca a sopporta´ li storici
Samuel Butler
er pallone comincia a esse´ ´na fregnaccia molto ben raccontata da li mezzi de communicazzione
Jorge Valdano
er pallone è er regno della lealtà umana giocata all´aria aperta
Antonio Gramsci
er pallone é popolare perché á stupiditá é popolare
Jorge Luis Borges
er pallone ha da usci´ dalle farmacie e dall´ uffici finanziari
Zdenek Zeman
er paradigma della stupidità - li sordi fanno diventà la fedeltà infedeltà, l´amore odio, l´odio amore, la virtù vizzio e er vizzio virtù, er servo padrone e er padrone servo, la stupidità intelliggenza e l´intelliggenza stupidità
Karl Marx
er passato è \'n prologo
William Shakespeare
er patriottismo è la passione meno furba
Jorge Luis Borges
er peggio delitto dell\'omo è l\'esse\' nato
Pedro Calderón de la Barca
er peggio dolore della vita nostra è causato dar fatto de sentisse sempre soli, e tutti li sforzi nostri e tutto quello che provamo a fa´ è cerca´ solo de scappa´ da ´sta solitudine
Guy de Maupassant
er peggio peccato è quello d\'esse\' nati
Samuel Beckett
er peggio pericolo, nella vita, è pija´ troppe precauzzioni
Alfred Adler
er peggior mezzo de violenza der monno, oggi, è er Governo delli Stati Uniti
Martin Luther King
er peggiore ostacolo pe´ capi´ ´n´opera d´ arte è proprio quello de volella capi´
Bruno Munari
er pensiero arretra, vanno avanti l'oggetti
Nina Ivanoff
er pensiero è sempre \'n granello de sabbia ne l\'ingranaggio der potere
Bruno Arpaia
er piacere de legge´ vecchie lettere è quello de sape´ de nun dove´ arisponne
Lord Byron
er piacere più concreto de ´sta vita è quello inutile dell´ illusioni
Giacomo Leopardi
er più affidabbile maestro daa lingua è l'uso suo
Quintilianus
er più grande fornitore de violenza ar monno d´oggi; er governo der paese mio
Martin Luther King
er poeta capisce mejo la natura che lo scienziato
Novalis
er poeta è come quer nobbile principe dee nuvole, che snobba \'a tempesta e saa ride de l\'arciere; poi, in esilio sua tera, tra li scherni, chee ali sue da gigante nu\' riesce a cammina\'
Charles Baudelaire
er politico deve da esse\' \'n grado de predi\' \'e cose che succedeno domani, er mese prossimo e l\'anno venturo, e poi de spiega\' perché nun so\' successe
Winston Churchill
er politico pensa alle prossime elezzioni, lo statista alle generazioni future
Otto von Bismarck
er potere vero sta nelle mani de chi controlla l´ informazzioni
Licio Gelli
er prezzo che se paga pe´ segui´ ´na professione o ´na vocazzione, è quello de dovenne conosce´ a fonno er peggio lato
James Baldwin
er primo gesto rivoluzzionario è chiama´ le cose cor nome loro
Rosa Luxemburg
er primo mito de quelli che comanneno nelle aziende è la sicurezza d´ esiste. Er secondo è che ave´ successo significa esse capaci
Robert Heller
er primo obbiettivo dell´ educatore è de forma´ autodidatti
Daniel De Montmollin
er principe dev´esse´ er primo servitore dello stato
Friedrich der Große
er principio dell´educazzione è predica´ coll´esempio
Anne-Robert-Jacques Turgot
er probblema dell´umanità è che li stupidi ´n cianno mai dubbi, ´nvece l´intelligenti cell´ hanno sempre
Bertrand Russell
er probblema, co li politici buffoni, è che poi vengheno pure eletti !
Anonymous
er progresso è come ´na stella morta che ancora manna luce, puro si s´è già spenta, e pe´ sempre
Gilbert Rist
er proibizzionismo ha creato solo guai
Al Capone
er psichiatra è uno che, paganno salato, ve fa le stesse domanne che ve fa sempre vostra moje, gratise
Joey Adams
er ricordo che te lascia ´n libbro, è più importante der libbro stesso
Gustavo Adolfo Bécquer
er salario del dirigente più importante de ´na grand´impresa nun è ´na ricompensa pe\' li risultati avuti. Spesso è solo ´n ber gesto affettuoso pe´ se stesso
John Kenneth Galbraith
er segnale più chiaro ch´uno abbia incontrato la verità, è la pace interiore
Amado Nervo
er segreto daa felicità è cede\' ae tentazzioni
Oscar Wilde
er segreto der successo è \'a sincerità. Si riesci a fingela, ce l\'hai fatta!
Arthur Bloch
er segreto pe´ costrui´ ´na superstar è falla sta´ sempre zitta. Fa´ conosce ´n´ artista ar pubblico po´ significa´ distruggelo. La verità nun serve a nisuno
Bob Ezrin
er segreto più difficile da tenesse è l´idea che ciavemo de noiantri
Marcel Pagnol
er socialismo pò arriva' solo 'n bici
José Antonio Viera Gallo
er socialismo po´ ariva´ solo ´n bicicletta
José Antonio Viera Gallo
er soriso è 'a distanza più breve tra du' persone
Víctor Borge
er successo è avecce \'e cose che se vonno. \'A felicità è vole\' \'e cose che se hanno
Jackson H. Brown
er successo è facile da ottene\'. Er difficile è meritasselo
Albert Camus
er tempo de rimanna´ tutto, delle mezze misure, de consolasse colle scuse inutili, e d´ariva´sempre tardi sta pe´ fini´. Mo´ stamo pe´ entra´ ner momento delle conseguenze
Winston Churchill
er tempo è er mejo autore. Trova sempre ´n finale perfetto
Charlie Chaplin
er tempo è la cosa più ´mportante; è solo ´no pseudonimo della vita
Antonio Gramsci
er tempo è l´unica cosa che ´n se po´ rida´ indietro
Lucius Annaeus Seneca
er valore vero de ´n´essere umano se po´ vede´ dalla capacità che cià de liberasse da se stesso
Albert Einstein
er Vaticano, è la forza più reazzionaria che c´è in Italia; pe´ li preti, li governi che je limitano li privileggi so´ tiranni. In cambio so´ providenziali quelli che, come er fascismo, je l´aumentano.
Antonio Gramsci
er vento nun tira mai dalla parte giusta, pe´ chi ´n sa ´nd´ anna´
Lucius Annaeus Seneca
er verbo leggere nun tollera l´imperativo. É ´na caratteristica che ciá ´n comune co´ antri verbi come amare e sognare
Daniel Pennac
er vero scopo dell´esistenza è mette´ d´accordo la luminosa opinione che ciavemo de noi stessi, colle cose oribbili che l´antri penseno de noi
Quentin Crisp
er vero specchio de ´li discorsi nostri é ´a vita nostra
Michel de Montaigne
er vero successo è diventa´ la persona mejo che poi
Harold Taylor
er vincitore appartiene ar bottino suo
Francis Scott Fitzgerald
er vino noce gravemente aa salute (mentale) de chi nun lo beve
Anónimo
era così bella che j´avevano proibbito d´avvicinasse a la Tore de Pisa
Anónimo
era davero un gran consijo quello che ´na vorta ho sentito da´ a un rigazzo: fa´ sempre quello che ciai paura de fa´
Ralph Waldo Emerson
eresia è solo ´n´antra maniera de di´ libbero pensiero
Graham Greene
eretico nun é quello che brucia dentro ar foco, eretico é quello che l´accenne
William Shakespeare
esiste ´n bene solo, la conoscenza; e ´n solo male, l´ignoranza
Socrates
espannese se porta dietro cose complesse, e \'e cose complesse, \'a decadenza
Cyril Northcote Parkinson
esperienza; così chiamamo l´erori nostri
Oscar Wilde
esse\\\' egoisti nun vordi\\\' vive come ce pare, ma pretenne che l´antri viveno come dimo noi
Oscar Wilde
esse´ donne è tanto difficile, perchè se tratta d´ avecce´ a che fa´ coll´ omini
Joseph Conrad
esse´ giovane e nun esse´ rivoluzzionario è ´na contraddizzione pure biologgica
Salvador Allende
esse´ orgojosi della curtura propria, é er peggio segno d´ignoranza
Jeremy Taylor
esse´ saggi nun é distrugge l´ idoli, é nun crealli mai
Umberto Eco
esse´ sinceri è pericoloso; a meno de nun esse´ pure stupidi
George Bernard Shaw
esse´ solidari nun vor´di´ da´, ma fa´ quarche cosa contro l´ ingiustizzia
Abbé Pierre
essi er cambiamento che voressi vede´ ner monno
Mohandas Karamchad Gandhi
essi più saggio dell´ antri, si je la fai, ma nun glielo di´
Lord Chesterfield
e\' mejo sape\' cose inutili che gnente...
Lucius Annaeus Seneca
e\' ricordo daa gioia nun è più gioia; e\' ricordo der dolore è ancora dolore
Lord Byron
e´ difficile da crede´ che ´n´omo dica la verità, si tu ar posto suo avresti detto ´na bucia
H.L. Mencken
e´ mejo esse´ ottimisti e avecce torto, che esse´ pessimisti e avecce raggione
Kurt Gödel
e´difficile riconosce quelli che se fanno porta´ spontaneamente da la corente
Stanislaw Jerzy Lec
e´piú facile disintegrá ´n´atomo che ´n preggiudizzio
Albert Einstein
fa proprio ride la tranquillità co´ cui l´infami pensano sempre che j´annerà tutto bbene
Victor Hugo
famola finita caa droga neo sporte: se devono da vieta\' li controlli!
Anonymous
fanatismo è quanno ce la metti tutta, e nun te ricordi perchè
George Santayana
fascino: la maniera de sentisse arisponne de si senza ave´ chiesto gnente
Albert Camus
fate pure fesserie, ma fatele co´ entusiasmo
Colette
fa\' \'r turista è viaggia\' morto lontano pe\' cerca\' er desiderio de ritorna\' a casa
George Elgozy
fa´ bbene la parte tua; in questo consiste l´onore
Edgar Lee Masters
fa´ diventa´ un terreno agricolo produttivo in terreno che produce cose pe´ l´alimentazzione solo pe´ usalle come biocombustibbile è ´n crimine contro l´ umanità
Jean Ziegler
fa´ traduzzioni è la forma più profonna de legge
Octavio Paz
felicità è anna\' d\'accordo con te stesso
Luis Buñuel
fin da quanno so´ nate, le Grandi Banche ´mprociuttate co´ denominazioni nazzionali, ´n so´ state antro che società de approfittatori privati che se faceveno regge er sacco da li governi
Karl Marx
finché ce sarà petrojo nun ce sarà pace in Medioriente
Anónimo
finché c´é morte c´é speranza
Giuseppe Tomasi di Lampedusa
finchè dura er rimorso, dura la corpa
Jorge Luis Borges
finch´er colore de la pelle sarà più ´mportante de quello dell´ occhi, ce saranno sempre guere
Bob Marley
fino a che a la gente je va bbene la monnezza, sarà bbono vennela
Dick Cavett
fino a che la guera è considerata ´na cosa cattiva, ciavrà sempre ´n ´attrazzione; quanno sarà considerata vorgare, già ´n sarà più popolare
Oscar Wilde
fino a quanno ce sar´`a abbondanza, la povertà è un male che nun se po´ accetta´
Robert Francis Kennedy
follia è fa\' sempre le stesse cose pensanno che cambi quarche cosa
Albert Einstein
forse l´etica é ´na scénza scomparsa dar monno ´ntero. ´N fa gnente, toccherá rinventalla ´n´antra vorta
Jorge Luis Borges
fra due mali, scergo sempre quello che nun ho ancora provato
Mae West
fra quell´idee che a li contemporanei je pareno ´na fantasia priva de contenuto e a li posteri ´na cosa naturale, c´é puro l´introduzzione de ´na lingua commune fra popoli differenti
Ludoviko Zamenhof
fra tutte le cose sicure, la più sicura è er dubbio
Bertolt Brecht
generalmente l´ ommini credeno facirmente a quello che je fa´ commodo
Caius Iulius Caesar
generalmente, ´gni paese cià la lingua che se merita
Jorge Luis Borges
giornalismo è pubblica´ notizzie che quarcuno nun vo´ fa´ sape´; er resto è propaganda
Horacio Verbitsky
giornalista è uno ch´ ha da spiega´ all´ antri quello che nun ha capito manco lui
Lord Alfred Northcliff
gnente è bbono o cattivo da sé stesso; è er pensiero che ce lo fa diventa´
William Shakespeare
gnente è bello sotto tutti li punti de vista
Quintus Horatius Flaccus
gnente è ben distribbuito come la ragione; so´ tutti convinti d´aveccene quanto serve
René Descartes
gnente è definitivo, meno li cambi
Heraclitus
gnente è distribbuito tanto equamente quanto 'a raggione: tutti so' convinti de aveccene abbastanza
René Descartes
gnente é impossibbile pe´ quello che nun lo deve fa´...
A.H. Weiler
gnente è piu facile che ama´ tutta l´umanità; er difficile è ama´ er prossimo
Eric Hoffer
gnente è veleno e tutto è veleno; la differenza sta nella dose
Paracelsus
gnente fa diventa´ più poveri dell´ avidità
Anónimo
gnente se po´ compara´ colla devozzione de ´na moje. È ´na cosa de cui nessun´omo sposato ce po´ ave´ la minima idea
Oscar Wilde
gnent´ar monno é piú difficile della franchezza, gnente é piú facile dell´adulazzione
Fedor Michailovich Dostoevski
grann´ è la forza dell´abbitudine
Marcus Tullius Cicero
guarderò tutte le tere come si fussero mie, e le mie come si fussero de tutti
Lucius Annaeus Seneca
guera è cerca´ la pace paganno cor sangue; pace è continua´ a cerca´ senza paga´ cor sangue
Anonimo
hai giocato abbastanza; abbastanza hai magnato e bevuto: è ora che te ne vai
Quintus Horatius Flaccus
ho commesso er peggio de li peccati; ´n so´ stato felice
Jorge Luis Borges
ho fatto ´n´accordo de coesistenza pacifica cor tempo: lui nun m´ insegue, io nun scappo, così quarche giorno s´ incontreremo
Mario Lago
ho perso ´n sacco de tempo pe´ cerca´ de capi´ la vita; ma ´n ciò capito gnente der perchè esiste
Severo Ochoa
ho preso dall\' arcol più de quanto lui abbi preso de me
Winston Churchill
ho sempre creduto che si ce fosse ´n posto, ner monno, ´ndo´ nun esisteno razze è proprio l´ Italia: infatti l´ antenate nostre cianno avuto troppe occasioni pe´ divertisse
Enzo Biagi
ho sempre organizzato la vita mia pe´ pote´ mori´ co´ trecentomila rimorsi e manco un rimpianto
Fabrizio De André
ho visto la scienza che adoravo, e l´aeroplano che amavo distrugge quella civirtá a cui pensavo potessero esse´ utili
Charles Lindbergh
Hollywoodde è quer posto dove te pagheno mijiaia de dollari pe\' \'n bacio, e cinquanta centesimi pe\' l\'anima
Marilyn Monroe
i politici de sinistra dicheno che quelli de destra so´ pericolosi; quelli de destra dicheno che so´ pericolosi quelli de sinistra. Vorei di che me pare che sieno pericolosi tuttu quanti so´
Carl William Brown
i tasmaniani, che nun sapevano ched´è l´adulterio, mo so´ ´na razza estinta
William Somerset Maugham
i vincitori, vincheno come vincheno, nun se ne vergogneranno mai
Niccolò Machiavelli
immortale è chi accetta er momento
Cesare Pavese
in archeologia se scopre l´ ignoto; in politica se copre quello che se conosce bbene
Thomas Pickering
in caso de dubbi, mejo decide pe´ la scelta giusta
Karl Kraus
in genere le cose tremende che se fanno colla scusa che so´ necessarie ar progresso, nun so´ pe´ gnente progresso, ma solo cose teribbili
Russell Baker
in Italia, quasi tutto l´ omini politici, nun s´ impegnano colli progetti, ma solo pe´ fasse l´ affaracci sua
Indro Montanelli
in mezzo alla confusione della gente se ne stamo io e te, felici de sta´ ´nsieme, parlanno senza di´ manco ´na parola
Walt Whitman
in nisuna lingua è difficile capisse come naa tua
Karl Kraus
in politica er santo vero è quello che sferza e lo ammazza er popolo, pe\' er bene der popolo
Charles Baudelaire
in politica si voi chiacchiere chiedi a ´n´omo; si voi fatti a ´na donna
Margaret Thatcher
in pratica, l´amore è solo sbaja´ a sopravvaluta´ le differenze fra ´na donna e l´antra
George Bernard Shaw
in tanti nun vorebbero paga´ le tasse, ma ce riescheno solo li ricchi; per cui li poveri deveno da sape´ che le tasse le pagherannno pure pe´ loro
Carl William Brown
in tempo de guera la verità è così prezziosa che se dovrebbe protegge co´ ´n muro de bucìe
Winston Churchill
In tutta giustizzia, tutte le satire proibite so´ quelle che er censore riesce a capi´...
Karl Kraus
in tutte le guere la prima vittima é la veritá
Hiram Warren Johnson
in tutte l´ epoche certi ipocriti chiamati preti hanno messo corone sulla capoccia de ladri chiamati re
Rober Green Ingersoll
in tutti li paesi e in tutte l´epoche li preti so´ sempre stati contro le libbertà
Thomas Jefferson
in un´ epoca de pazzia, crede d´ esse´ sarvi dalla pazzia è ... ´n´ antra forma de pazzia
Saul Bellow
in \'sto monno ce stanno solo du\' traggedie. \'A prima è nun ottene\' \'e cose che se desidereno, \'a seconna è ottnelle
Oscar Wilde
indove c´ è tanta luce, l´ ombra è più scura
Johann Wolfgang von Goethe
indove nun c´è allegria, ´n c´è umanità; ´ndo´ ´n c´è allegria è ´n campo de concentramento
Eugène Ionesco
indove se bruceno li libbri, se finirá pe´ brucia´ puro l´ommini
Heinrich Heine
innammorasse è ´n´imbecillità transitoria, pe´ ffortuna
José Ortega y Gasset
intelligenza militare è \'na contraddizzione \'n termini
Groucho Marx
io a ´sto monno ce vivo più come osservatore che come appartenente alla spescie
Joseph Addison
io adoro li partiti; so´ l´ unichi posti ´ndove nun se parla de politica
Oscar Wilde
io ero anticommunista quanno li communisti c´erano ...
Giovanni Sartori
io nun dipingo le cose come le vedo, ma come le penso
Pablo Picasso
io nun so se Dio esiste, ma si nun esiste ce fa \'na figura mijore
Stefano Benni
io penzo ch´ammazza´ ´na quarsiasi creatura viva è un po´ come ammazza´ se stessi, e non vedo differenza fra er dolore d´un essere umano e quello de ´n´animale
Margherita Hack
io saró veramente libbero solo quanno tutte le persone intorno a me, omini e donne, saranno libbere
Michail Bakunin
io so\' er risurtato de tutto quello che ho trovato strada facenno
Alfred Tennyson
io so´ favorevole alla legalizzazzione delle droghe. Pe´ er modo mio de vede´ la vita, la gente cià tutto er diritto d´ammazzasse, si je va. Er danno peggiore causato dalle droghe è er fatto d´esse illegali
Milton Friedman
l'alunni magneno quello che li professori hanno diggerito
Karl Kraus
l'antri nun te lasceranno mai vive' come voi te, ma si sei abbastanza veloce e forte, armeno nun vivrai mai come vorebbero loro
Andrew H. Vachss
l'economia der monno oggi è n'enorme casinò
Fidel Castro
l ´ acqua parla senza sosta, ma ´n se ripete mai
Octavio Paz
la gioventù nun sa quello che po´ fa´, la maturità nun po´ fa´ quello che sa
José Saramago
la bellezza je serve alle donne pe´ esse´ amate dall´ommini, la stupidità pe´amalli
Coco Chanel
la bigamia è quanno t´ avanza un marito. La monogamia ... pure
Erica Jong
la brevità è l´ anima de la saggezza
William Shakespeare
la capacità de fa´ osservazioni acute, in genere vie´ definita cinismo da quelli che ´n so´ boni a falle
George Bernard Shaw
la cattiveria coll´animali è ´na scola de crudeltà verso l´omini
Publius Ovidius Naso
la Chiesa sta a diventa\' pe\' tanta ggente er peggio nemico della fede. Se riesce a vede\' solo la loro ambizzione umana de potere, ´na specie de teatrino d´omini che, facenno finta d´amministra\' er cristianesimo ufficiale, riescono, invece, a diventa\' ´n\' ostacolo contro lo spirito vero der cristianesimo
Joseph Ratzinger
la civilizzazzione è ´na mortiplicazzione infinita de necessità inutili
Mark Twain
la civirtà mijora aumentanno er numero de cose che potemo fa´ senza pensacce.
Alfred North Whitehead
la conoscenza è come le cannèle; si se n´addopra una p´accennene ´n´antra la luce della prima nun diminuisce. Anzi, diventa tutto più luminoso
Thomas Jefferson
la consapevolezza curturale de la nostra intrinseca e fraggile dipendenza dalla tera vivente, è er motivo più importante pe´ promove la giustizzia, la sostenibbilità e ´na nova economia
Vandana Shiva
la conversazzione è feconda solo se è fra spiriti disposti a consolida´ le propie perplessità
Emil Cioran
la cortesia é pe´ la natura umana come er calore pe´ la cera
Arthur Schopenhauer
la cosa brutta é che er male po´ puro esse´ ´n bon´affare
Ugo Ojetti
la cosa importante, nella vita, è avecce ´na bbona diggestione. Così l´artista trova l´ispirazzione, li giovinotti la voja de ama´, i pensatori l´idee luminose e tutti quanti la gioia de sta´ ar monno
Guy de Maupassant
la cosa più democratica der monno è er dizzionario.E\' l\' unico bene che ciavemo \'n commune
Bernard Pivot
la cosa più importante, nella comunicazzione, è senti´ quello che nun vie´ detto
Peter Drucker
la cosa più necessaria da cambia´ so´ l´ abbitudini dell´ antri
Mark Twain
la coscenza è come quer cane che nun ce po´ vieta´ de passa´, ma che nun potemo fa gnente pe´ nun fallo abbaja´
Nicolas de Chamfort
la coscenza è la voce interiore che ciavverte che quarcheduno ce potrebbe vede
H.L. Mencken
la coscenza nun ce proibisce de commette li peccati, ma, disgraziatamente,ce nega er piacere de godecceli
Salvador de Madariaga y Rojo
la Costituzzione è stata fatta pe´ protegge la gente dai rischi delle bbone intenzioni
Daniel Webster
la crescita de li Paesi in via de sviluppo è la conseguenza della smilitarizzazzione
Oscar Arias
la crisi consiste ner fatto che er vecchio sta pe´ mori´ , e er novo nun po´ ancora nasce
Antonio Gramsci
la cucina è ´na quistione politica. Si famo cucina´ le \"corporations\" ar posto nostro perderemo er controllo. Ce ne vole de fede pe´ crede\' che se comporteranno onestamente, e che er manzo che ce daranno sia veramente manzo.
Mike Pollan
la curtura è sempre la stessa; ´no strato sopra all´ antro, citazzione su citazzione, idee che ne fanno nasce´ antre, carambole schioppettanti de parole ch´ attraverseno er tempo e lo spazzio
Rosa Montero
la curtura è ´no strumento che cianno li professori pe´ fabbrica´ professori, li quali poi fabbricheranno antri professori
Simone Weil
la decisione cristiana de vede´ er monno bbono o cattivo, è riuscita a divide er monno fra ... bboni e cattivi
Friedrich Wilhelm Nietzsche
la democrazzia da a tutti la possibbilità de opprimese da soli
James Russell Lowell
la democrazzia è delicata; a piantacce sopra troppe bandiere se sfascia
Enzo Biagi
la democrazzia è quer sistema che ciassicura che ´n saremo mai governati mejo de quello che se meritamo
George Bernard Shaw
la democrazzia è ´na patetica fiducia da parte de ´n´ ignoranza individuale in una sapienza collettiva
H.L. Mencken
la democrazzia sostituisce la decisione de ´na minoranza de corotti co l´ elezzione da parte de ´na maggioranza che nun ne capisce gnente
George Bernard Shaw
la differenza fra la democrazzia e la dittatura è che in democrazzia, prima voti e poi piji ordini; nella dittatutra ´n se perde manco tempo a vota´
Charles Bukowski
la dimostrazzione piú sicura che ´n´omo sia grande, sta nel convincimento della propia pochezza
Arthur Conan Doyle
la distinzione fra passato, presente e futuro è solo ´n´illusione che s´ostina cocciutamente a nun fini´
Albert Einstein
la donna che ´n cià fortuna co´ l´ommini nun sa che fortuna che cià
Marilyn Monroe
la donna é ´n regalo che ve sceje
Georges Brassens
la durata de la passione dipende da quanto tempo resiste la donna prima de ...
Honoré de Balzac
la fantasia dell´ommini é molto, ma molto piú povera della reartá
Cesare Pavese
la felicità è come ´na farfalla; si je cori appresso nun la pijerai mai; ma si te metti a sede\' e aspetti, magari se posa sopra a te
Nathaniel Hawthorne
la felicità è ´n regalo che ariva a chi nun l´ha cercato
Anton Chekhov
la felicità è ´na condizzione immagginaria che ´na vorta li vivi concedevano a li morti e mo´, normalmente, l´ adurti attribbuischeno ai fiji, e li fiji all´ adurti
Thomas Szasz
la felicità più grande, nella vita, è quanno te vonno bbene pe´ come sei; anzi, mejo, nonostante come sei ...
Victor Hugo
La finanza è l´arte de fa´ passa´ li sórdi da ´na mano all´antra fino a che sparischeno
Rober W. Sarnoff
la fisica é come er sesso: certo, po´ da risurtati pratichi, ma nun é questo er motivo pe´dedicasse a studialla
Richard P. Feynman
la forza bruta la posso pure sopporta´, ma la raggione bruta proprio no
Oscar Wilde
la forza de ´na lingua nun vor´ di´ respigne quello che vie´ de fora, ma assimilallo
Johann Wolfgang von Goethe
la forza dell´abbitudiune è così forte che uno ce s´abbitua pure a vive\'
Gesualdo Bufalino
la forza nun vie´ dalle capacità fisiche, ma da ´na volontà indomabbile
Mohandas Karamchad Gandhi
la funzione dell´ esperto nun è d´ azzeccacce più dell´ antri, ma de sbajasse pe raggioni più sofisticate
David Butler
la gelosia è come l´abbaja´ dei cani, che richiamano li ladri
Karl Kraus
la gente cià ´n´insazziabile curiosità de sape´ tutto, meno quello che sarebbe giusto sape´
Oscar Wilde
la gente è capace de nota´ nella merda, si je ce butti dentro du´ sórdi
Peter Sellers
la gente nun more pe´ mancanza de sordi: more perchè nun po´ ariva´ alle risorse
Vandana Shiva
la gente simpatizza più volentieri coll´infelicità che colla felicità
Simone de Beauvoir
la gente, come le pecore, tende a anna´ appresso a ´n capo; certe vorte addirittura nella giusta direzzione
Alexander Chase
la gentilezza è la lingua che er sordo sente, e er cieco vede
Mark Twain
la ggente crede d´esse´ libbera; ma è solamente libera de credelo
Jim Morrison
la gioventù è ´na malattia della quale guarischeno tutti
Dorothy Fuldheim
la globbalizzazzione è ´n´antra maniera che se so´ inventati li ricchi pe´ frega´ li poveracci
Alejandro Llano
la grannezza e er progresso morale de ´na nazzione se ponno giudica´ dar trattamento che riserva alle bestie
Mohandas Karamchad Gandhi
la guera é ´na lezzione de la storia che li popoli nun aricordeno mai abbastanza
Benito Mussolini
la guera è delizziosa solo pe´ chi nun la conosce
Desiderius Erasmus von Rotterdam
la guera è er sistema ch´ ha scerto Dio pe´ fa´ ´mpara´ la geografia all´ americani
Ambrose Bierce
la guera è la forma più comune de terorismo moderno
Gino Strada
la guera ´n se po´ umanizza´, se po solo subbí´
Albert Einstein
la lealtà è ´n debbito co´ noi stessi, più che coll´antri
Luigi Pirandello
la legge base der capitalismo é tu o io, no tu e io
Karl Liebknecht
la legge, sempre maestosamente equanime, proibisce de dormi´ sotto a li ponti sia a li poveri che a li ricchi !
Anatole France
la libberazzione delli schiavi der sud fa parte della stessa lotta pe´ libbera´ li lavoratori der nord
Abraham Lincoln
la libbertà de ´na democrazzia nun è sicura si er popolo accetta la crescita der potere de li privati ar punto de diventa´ più forti dello stato democratico
Franklin Delano Roosevelt
la libbertà è come la poesia; ´n cià da ave´ aggettivi: è libbertà
Enzo Biagi
la libbertà nun esiste, ma la ricerca della libbertà si; è proprio ´sta ricerca che ce fa´ diventa´ libberi
Carlos Fuentes
la lingua è come ´na somma de cui tutti quelli che partecipano cianno ´na parte
Bernard Dupriez
la lingua è \'n\' impronta; l\' impronta più importante della nostra condizzione umana
Octavio Paz
la lingua nun è antro che la riduzzione der pensiero a la forma più semplice
Anonymous
la lingua nun é la carta p´impacchetta\' er pensiero, ma er pensiero stesso
Miguel de Unamuno
la lingua sarà pure ´no specchio deformante, ma è l´unico che ciavemo
Michael Dummett
la lotta dell´ omo contro er potere, è la lotta della memoria contro la dimenticanza
Milan Kundera
la luce divina acceca er monno,´nvece d´ illuminallo
Patrick Emin
la macchina fotografica nun dice bucìe, ma po´ aiuta´ a dille
Harold Evans
la machina scansa-fatiche più popolare, de ´sti tempi, è ancora trovasse un marito pieno de grana
Joey Adams
la madre è er core morto della famija. Spenne er mensile der padre pe´ compra´ tutto quello che serve a mijora´ l´ambiente dove lui magna, dorme e guarda la televisione
Germaine Greer
la mafia cià avuto ´n´inizio e ciavrà ´na fine
Giovanni Falcone
la mafia è er mejo esempio de capitalismo che ciavemo
Marlon Brando
la mafia è ´n´affare come ´n´antro: er fatto è che ´gni tanto spara
Mario Puzo
la mafia nun è solamente ´n probblema italiano, e manco ´na questione de coppole o de reale arretratezza der sud Italia, ma ´n probblema europeo
Petra Reski
la maggior parte de la gente morirebbe pur de nun pensa´ ; ´nfatti tanti fanno proprio così
Bertrand Russell
la maggior parte de li sudditi se crede d´esselo perchè er re è Re; ma nun capischeno che er re è Re solo perchè loro so´ sudditi
Karl Marx
la maggior parte della storia sociale der monno occidentale, nell´urtimi trent´anni, è stata più cambia´ quello ch´annava bbene co´ quello che se presentava mejo
Thomas Sowell
la maggior parte dell´ ommini nun vo´ nota´, prima d´ esse´ capace
Hermann Hesse
la mancanza de quarche cosa che desideramo, è ´na parte indispensabbile della felicità
Bertrand Russell
la mancanza d´ alimentazzione che c´ è ner monno e aruvina mijoni de creature, se potrebbe risorve co´ quello che costa ´n giorno solo de guera
Peter Ustinov
la mejo abbilità nun è vince cento partite su cento; la vera abbilità è quella de vince senza combatte
Sun Tzu
la mejo cosa che la Natura ha dato all´ omo è che la vita è corta ...
Plinius Secundus
la mejo maniera d´ impara´ a fa´ ´n firme, è fanne uno
Stanley Kubrick
la mejo maniera pe´ avecce libbertá é de dajjene tanta all´antri
Carlo Dossi
la mejo trovata letteraria, in tanti romanzi, è quanno t´ avviseno che li personaggi so´ solo de invenzione
Franklin Pierce Adams
la memoria de ognuno de noi è come si fosse la sua letteratura privata
Aldous Huxley
la meta è parti´
Giuseppe Ungaretti
la moda, la noia der cambio
Miguel de Unamuno
la monogamia è ´n´invenzione della nostra civirtà occidentale; pe´ da´ un sicuro, e me pare pure loggico, ordine alle istituzzioni sociali. ´N cià gnente a che vede´ colla natura umana. Sfido chicchessia a trova´ ´n´individuo veramente monogamo
Hugh Hefner
la morte è ´na vita già vissuta. La vita ´na morte ch´ariva
Jorge Luis Borges
la morte fa paura, ma sarebbe pure peggio avecce la coscenza de dove´ vive´ pe sempre e nun pote´ mori´ mai
Anton Chekhov
la morte nun è er peggio de li mali, ma ancora peggio è vole´ mori´ e nun riusci´ a avecce manco quello
Sophocles
la morte nun è la peggio cosa della vita. La perdita più grossa è quella de quer pezzo de noi che more mentre ancora semo vivi
Francis Bacon
la morte nun è nun pote\' più parla\' , ma nun pote\' esse\' più capiti
Pier Paolo Pasolini
la morte se sconta già mentre se vive
Giuseppe Ungaretti
la morte, da sola, ha sempre ammazzato meno dell´omini
José Saramago
la musica, oggi, è controllata da banchieri e commercialisti; ´n´abbitudine che dovemo da contrasta´
Brian May
la natura nun ha creato padrono e schiavi; nun vojo da´ né avecce lezioni da nisuno
Denis Diderot
la noja è ´na malattia che se po´ guari´ solo col lavoro; er piacere è solo un sollievo momentaneo
Duke of Lewis
la novità è vecchia come er monno
Jacques Prévert
la pace interiore è fondamentale pe´ sopporta´ li messaggi che terrorizzeno coi quali i grandi interessi proveno a esaspera´ la vita de tutti
Arturo Paoli
la pace nun é ´n regalo de Dio all´ommini, é ´n regalo che ce famo a noi stessi
Elie Wiesel
la pace nun è esse\' in guera; è ´na virtù, ´no stato d´anima, ´na maniera d´esse\' disposti a esse\' bboni, fiduciosi, giusti
Baruch De Spinoza
la parola fa l´ omo libbero: chi ´n se sa fa´ capi´ è ´no schiavo
Ludwig Feuerbach
la paura della solitudine è più forte della paura pe li legami
Cyril Connolly
la peggio cosa pe´ ´n Paese è che li furbi sieno considerati inteligenti
Francis Bacon
la peggio intolleranza è quella cosa che chiameno raggione
Miguel de Unamuno
la peggio pace è mejo della mejo guera
Desiderius Erasmus von Rotterdam
la peggio vendetta che po´ fa´ ´na donna è rimane´ fedele pe´ sempre a ´n´ omo
Jacques-Bénigne Bossuet
la penna é la lingua dell´anima
Miguel de Cervantes
la perdita de valori der monno aumenta, proporzionarmente, colla valorizzazione delle cose
Karl Marx
la poesia aggiunge vita a la vita
Mario Luzi
la poesia è com´er pane: de tutti
Roque Dalton
la poesia serve pe\' tira\' fori quello che \'n se po\' di\'
José Hierro
la polita è ´na guera senza spargimento de sangue, mentre la guera è politica con spargimento de sangue
Mao Zedong
la politica è considerata la seconda professione più antica der monno. Certe vorte me pare che assomija de più alla prima ...
Ronald Reagan
la politica e er destino dell´ umanità so´ decisi da omini senza ideali ne grannezza. Quelli che cianno la grannezza dentro de se, nun s´ impicciano de politica
Albert Camus
la politica e la mafia so´ du´ poteri che campano sur controllo der teritorio; o se metteno d´accordo o se devono fa´ la guera
Paolo Borsellino
la politica è la sezzione spettacolo dell´industria
Frank Zappa
la politica é l´ arte de nun fa impiccia´ la gente delle cose che j´ interesseno
Paul Valéry
la politica è quelll´arte nobbile de riceve voti da li poveracci e sòrdi da li ricchi; co´ la promessa de difenne l´uni dall´antri
Oscar Ameringer
la politica è ´na quistione d´ equilibbrio fra quelli che ´n vonno entra´ e quelli che ´n vonno esci´...
Jacques-Benigne Bossuet
la politica nun è l´ arte der possibbile. Se tratta de sceje fra er disastroso e er disgustoso
John Kenneth Galbraith
la politica s´ha da fa´ colle mani pulite
Sandro Pertini
la politica, nonostante sia l´arte de gesti´ la cosa pubblica, è fatta da politicanti che so´ artisti ner fasse l´affari sua
Carl William Brown
la povertà der linguaggio ce fa esse´ debboli; ce potrebbe fa´ diventa´ schiavi dell´ idee dell´ antri
Giorgio Barberi Squarotti
la prima cosa pe´ ´n capo de stato è la lentezza cerebrale; e nun è mica così facile da ave´...
Dean Acheson
la prima legge der giornalismo è conferma´ li preggiudizzi che se conoscheno, più ch´ annacce contro
Alexander Cockburn
la prima mafia che dovemo da combatte è quella che ciavemo tutti dentro de noi. La mafia semo noi
Rita Atria
la prima metà della vita nostra à aruvinata dai li genitori, l´altra da li fiji
Clarence Darrow
la propaganda è quella parte dell´arte della bucìa che poi sarebbe quella de frega´ l´ amichi e nun frega´ li nemichi
Frances Cornford
la proprietà è ´na trappola; quello che credemo d´avecce, in reartà ce possiede a noi
Alphonse Karr
la proprietà monopolizzata o in mano a pochi è ´na maledizzione pe´ l´umanità
John Adams
la prudenza è ´na vecchia zitella, ricca e schifosa, corteggiata dall´ incapacità
William Blake
la pubblicità unisce sempre l´inutile ar dilettevole
Ennio Flaiano
la punizzione cià lo scopo de mijora´ quello che punisce
Friedrich Wilhelm Nietzsche
la quistione morale esiste da tempo, ma oramai è diventata la quistione politica primaria e essenziale perchè, dalla soluzione sua, dipenne er recupero de fiducia nelle istituzzioni, la governabbilità der paese eppure della tenuta der reggime democratico
Enrico Berlinguer
La razza bianca è er cancro della storia umana: è la razza bianca e solo lei - coll´ invenzioni e coll´ ideologie sue - che distrugge civirtà autonome, stiano ´ndo´ stiano, che ha sconvorto l´equilibbrio ambientale der pianeta e mo´ minaccia l´esistenza della vita stessa.
Susan Sontag
la realtà è quella cosa che, quanno ´n ce credi più, nun sparisce
Philip K. Dick
la realtà è quello che vede la maggioranza
Jorge Luis Borges
la realtà è ´n´illusione causata dalla mancanza d´arcol
Anonymous
la regola mia è quella de usa´ solo parole che mijorino er silenzio
Eduardo Galeano
la relazzione fra arfabbetismo e anarfabbetismo è sempre la stessa; solo che oggi puro l´ anarfabbeti sanno legge´
Alberto Moravia
la religgione é l´ arte de come ammaestra´ l´ animali, perchè insegna alla gente com´ ha dda pensa´
Arthur Schopenhauer
la religgione esiste da quanno er primo furbo ha incontrato er primo fregnone
Voltaire
la religgione universale della gran parte de li homo sapiens nun è antro che er pallone
George Steiner
la ricerca della perfezzione spesso ostacola er mijoramento
George F. Will
la ricompenza p´ave´ sofferto tanto è che uno poi more come ´n cane
Cesare Pavese
la rispettabbilità de ´n´omo se misura dalla quantità de cose che lo fanno vergogna´
George Bernard Shaw
la sapienza ha da spigne l´ommini a sogna´ cose così elevate da faje scorda´ de sogna´ mentre le cercano
William Faulkner
la scenza è ´n camposanto d´idee morte
Miguel de Unamuno
la scenza serve solo pe´ conferma´ le scoperte dell´ istinto
Jean Cocteau
la scienza nun è perfetta, ma manco vor´di´ che ciabbia bisogno della religgione, però ...
Anonymous
la scola è \'na specie d\' aggenzia pubblicitaria che te fa crede d\' avecce bisogno della società così com\' è
Ivan Illich
la scola, come mezzo pe´ educa´, pe´ me nun è servita a gnente
Charles Darwin
la semplicità è la forma della vera grannezza
Francesco De Sanctis
la servitú, tante vorte, nun é ´na violenza de li padroni, ma ´na tentazzione de li servi
Indro Montanelli
la sinistra è ´na malattia che solo l´ esistenza della destra aiuta a sopporta´
Massimo D'Alema
la sinistra nun cià la benchè minima idea der monno ando´ vive
José Saramago
la società considera ´n sacco l´ omini normali. Educa li regazzini a perdese e diventà assurdi, per cui normali. Omini normali hanno ammazzato forse cento mijoni d´ omini normali, l´ urtimi cinquant´ anni
R.D. Laing
la società è permissiva co´ tutto quello che nun costa gnente
Enzo Biagi
la società erotico-pubblicitaria in cui ce tocca vive\' fa der tutto pe´ organizza´ er desiderio in maniera esaggerata, pe´ mantene´ la soddisfazione ner privato. Pe´ fa´ funziona´ la società, pe´ fa´ anna´ avanti la competizzione, tocca fa´ in modo che er desiderio aumenti, fino a divorasse la vita dell´omini
Michel Houellebecq
la società umana po´ esiste solo su ´na certa base de bucie cortesi, e sempre che nisuno dica esattamente quello che je passa pe´ la capoccia
Lin Yutang
la soddisfazzione è quello che se fa, mica nel risurtato
James Dean
la solidarietá é la tenerezza delli popoli
Ernesto Che Guevara
la solitudine da vantaggi all´omo intelligente; er primo é d´esse\' solo co´ se stesso. e pure d´esselo coll´antri
Arthur Schopenhauer
la solitudine è ´na bella cosa, ma ce vo´ quarcuno che ce lo dica che è ´na bella cosa
Honoré de Balzac
la solitudine è, pe´ lo spirito, quello che er cibo é pe´ er corpo
Lucius Annaeus Seneca
la solitudine ´n se trova, se fa
Marguerite Duras
la speranza cià du´ fiji bellissimi: lo sdegno e er coraggio. Er primo pe´ come vanno le cose, er secondo pe´ cambialle
Sant'Agostino
la speranza de fa´ li sordi è una de le peggio cause de povertà
Tacitus
la speranza de guadagna´ in maniera disonesta, è er comincio de la rovina
Democritus
la speranza è bbona pe´ colazzione, ma pe´ cena è pessima
Francis Bacon
la spontaneità è er frutto de lunghe meditazzioni
Pablo Neruda
la storia cià insegnato che la gente, appena se rende conto de quarche barbarie, s´organizza pe´ bloccalla
Noam Chomsky
la storia c´ insegna che l´ ommini e le nazzioni usano la saggezza solo quanno nun cianno ´n´ antra soluzzione
Abba Eban
la storia dell´ omo, fra sarvezza e perdizzione è ambigua; ´n sapemo manco si semo padroni der destino nostro ...
Norberto Bobbio
la storia sarà gentile co\' me, visto che l\' ho da scrive
Winston Churchill
la strateggia in amore, semo capaci d´ addopralla solo quando nun semo innammorati
Cesare Pavese
la televisione cià la forza de ´n leone, ´n cià paura de nisuno; la televisione t´ addorme come a ´n cojone
Enzo Jannacci
la televisione é l \' unico sonnifero che se pija pe\' via ... oculare
Vittorio De Sica
la televisione è ´n´invenzione che te permette de fatte diverti´ , ner salotto tuo, da gente che nun faresti entra´ mai dentro de casa
David Frost
la televisone crea er voto, mentre er cinema ha sempre creato bei ricordi
Jean-Luc Godard
la televisone è più interessante delle persone. Si nun fosse così, dovressimo ave´ ´na persona all´ angolo delle stanze
Alan Coren
la televisone è ´no specchio indove se po´vede´ la sconfitta der sistema curturale nostro
Federico Fellini
la televisone ha fatto tanto pe´ la psichiatria; l´ha fatta conosce´ e più che antro l´ha fatta diventa´ necessaria
Alfred Hitchcock
la teoria communista se po´ riassume´ in una frase: abbolizzione della proprietà privata
Karl Marx
la tera cià ´na pelle e ´sta pelle è malata; una de ´ste malattie è... l´omo
Friedrich Wilhelm Nietzsche
la torta de nozze è er dorce più pericoloso
James Thurber
la vecchiaia è la cosa più inattesa fra quello che je po´ capita´ a ´n´omo
Leon Trotsky
la vera eleganza morale è quella che ce fa esse capaci de presenta´ le vittorie nostre come si fossero sconfitte
Emil Cioran
la vera filosofia è ´mpara´ a riguarda´ er monno
Maurice Merleau-Ponty
la vera scoperta d´ogni viaggio nun è quella de conosce posti novi, ma d´impara´ a vedè le cose a ´n´antra maniera
Marcel Proust
la verità è difficile sia de negalla che d´ annisconnela
Ernesto Che Guevara
la verità la ponno di´ solo quelli che ´n cianno paura de morì pe´ lei
José María Vargas Vila
la verità nun fa´ mai male a ´na causa giusta
Mohandas Karamchad Gandhi
la verità nun sta solo in un sogno, ma in tanti
Pier Paolo Pasolini
la verità sull´intenzioni de ´n´omo ´n se scopre chiedennojela
Marcel Proust
la violenza è come si fosse la levatrice d´ogni vecchia società incinta d´una nova
Karl Marx
la vita é come er racconto de ´n´idiota, pieno de rumore e de furia, che alla fine ´n vordì ´n cacchio
William Shakespeare
la vita é come sona´ er violino ´n pubblico; mentre uno se stá a ´mpara´ a soná lo strumento
Samuel Butler
la vita è come ´n´opera teatrale che nun ammette prove. Perciò canta, piagni, balla, ridi e vivi intensamente prima che cali giù er sipario, e lo spettacolo finisca senza applausi
Charlie Chaplin
la vità è meravijosa, si uno ´n cià paura
Charlie Chaplin
la vita è solamente ´na serie de immaggini nella mente; non c´è differenza fra quelle uscite dalla realtà e quelle viste nelli sogni più segreti; e ´n se po´ manco di´ che le prime sieno più vere delle seconde
Howard Phillips Lovecraft
la vita nostra è finita quanno stamo zitti davanti alle cose che so´ importanti per davero
Martin Luther King
la vita nun è sufficente pe\' fa\' sta\' insieme tutto quello che riuscimo ad immagina\' e desidera\'
Alessandro Baricco
la vita nun è quella ch´ avemo vissuto, ma quella che uno s´ aricorda e come se l´ aricorda pe´ raccontalla
Gabriel García Márquez
la vita rubba troppo tempo all´omini
Stanislaw Jerzy Lec
la vita se po´ capi´ solo dar dedietro, ma se vive pe´ ddavanti
Søren Kierkegaard
la \'gnoranza è più vicina aa verità der preggiudizzio
Denis Diderot
la \'gnoranza è \'a più granne fonte de felicità
Giacomo Leopardi
Las Vegas se dovrebbe senti´ offesa quanno la paragonano a Wall Street. A Las Vegas se sa co´ che probbabbilità se po´ vince. A Wall Street invece le regole se cambiano mentre se gioca
John Ensign
lassateme fabbrica´ e controlla´ l´emissione di soldi d´una nazzione e non m´importa gnente di chi fa le leggi
Mayer Amschel Rothschild
lassete guida´ dar regazzino che già sei stato
José Saramago
lavora´ stufa meno che divertisse
Charles Baudelaire
le banche so´ più pericolose dell´eserciti, pe´ la libbertà nostra. Si er popolo americano lascia a le banche la possibilità de controlla´ l´emissione dei sórdi, prima coll´inflazzione e doppo co´ la deflazzione, le banche e le compagnie create apposta da loro je rubberanno tutto, fino a quanno li fiji sua se troveranno senza manco ´na casa sur continente che l ´antenati loro hanno conquistato
Thomas Jefferson
le banche so’ state concepite nell´ingiustizzia e so´ nate dar peccato. Li banchieri so´ li padroni de la Tera; si je la levate, ma je lasciate la possibbilitá de stampa´ li sórdi, co´ ´no scarabbocchio ciavranno tutt´ er necessario pe´ ricomprassela. Si invece je levate ´sto potere, tutti li patrimoni smisurati, come er mio, svaniranno, com´è giusto che sia. Allora questo sará un monno migliore, dove se vivrá mejo. Ma si invece volete rimane´ schiavi de ´sti banchieri e pagavve er costo della schiavitù, continuate pure a daje la possibbilitá de fabbrica´ li sórdi
Sir Josiah Stamp
le bariere servono solo pe\' fa\' impoveri\' li popoli, inferocilli uno contro l´antro, a fa\' parla\' a tutti ´na lingua strana e incompressibbile, de spazzio vitale, de impicci geopolitichi a a fa\' pronuncia\' scommuniche contro l´immigrati stranieri, come si fussero lebbrosi, e come si er chiudese in se stessi de ogni popolo potesse, ´nvece de crea\' miseria e malumore, porta\' ricchezza e potere
Luigi Einaudi
le bucíe so´ ´na parte indispensabbile pe´ pote´ sopporta´ la vita
Bergen Evans
le capocce pensanti se conoscheno da sempre pe´ esse´ capaci de sopravvive pure a li peggio sistemi educativi
Anna Freud
le catene der matrimonio so´ cosí pesanti che pe´ sopportalle ce vonno du´ persone; e certe vorte puro tre
Alexander Dumas
le conferenze sur disarmo, so l´ esercitazzioni de li piromani
John Osborne
le convinzioni, più che le bucìe, so´ le peggio nemiche della verità
Friedrich Wilhelm Nietzsche
le coppie giovani nun cianno idea de quanto devono ringrazia´ la televisione. ´na vorta, con la propria metà, toccava pure parlacce ...
Isidoro Loi
le corde che legano er rispetto de l\' uni verso l\' antri so\', generarmente, corde de bisogno
Blaise Pascal
le cose che nun serveno fanno diventa´ inutile la vita
Pier Paolo Pasolini
le cose che pensamo della morte, so´ importanti solo pe´quello che ce fanno pensa´ della vita
André Malraux
le cose che sapemo mejo, so´ quelle che nun avemo mai imparato
Luc de Clapiers Marquis de Vauvenargues
le cose giuste so´ solamente quelle che je convengono ar piú forte
Thrasymachus
le cose impossibbili so´ più facili de quelle difficili
Daniel Barenboim
le cose mejo della vita nun se cercheno, se troveno
Anonymous
le cose nun le vedemo come so´, ma come semo noi
Anaïs Nin
le domanne che ´n s´ arisponneno da sole appena nascheno, nun ciavranno mai risposta
Franz Kafka
le donne deveno da fa´ quarsiasi cosa du´ vorte mejo dell´ommini, pe´esse giudicate la metà. Pe´ fortuna nun è difficile
Charlotte Whitton
le donne fanno sempre tutto quello che dicono; l´omini solo la metà
Claude Lelouch
le donne so´ le padrone d´un monno governato dall´omini
Marilyn Monroe
le du´ parole più belle della lingua inglese so´: \'allegato assegno\'
Dorothy Parker
le industrie medicinali so´ più brave a scopri´ malattie nove pe´ le malattie già esistenti, che a scopri´ medicine nove pe´ malattie che già esisteno
Nassim Nicholas Taleb
le lacrime so´ lo sciojese der ghiaccio dell´ anima
Hermann Hesse
le leggi so´ come le ragnatele; le mosche grosse le sfonnano, quelle piccole ce rimaneno appiccicate
Honoré de Balzac
le nature sanguinarie verso l´ animali, fanno vede chiaramente ´na disposizzione naturale alla crudertà
Michel de Montaigne
le parole che fanno fortuna ´mpoverischeno la lingua
Sacha Guitry
le parole ch´offenneno, so´ li strilli dell´ignoranza nostra
Alda Merini
le parole cianno er valore che je da´ chi le sente
Giovanni Verga
le parole più antiche e corte - si e no - vonno la massima considerazzione
Pythagoras
le parole più bbelle nun so´ \'te amo\'; so´ \'è benigno\'
Woody Allen
le parole so tutto quello che ciavemo
Samuel Beckett
le parole so´ a mezzi fra chi le dice e chi le sente
Michel de Montaigne
le patatine fritte so´ una delle creazzioni più spirituali der genio de li pariggini
Maurice Edmond Sailland dit Curnonsky
le peggio bucie se dicheno prima dell´ elezzioni, in tempo de guera e quanno se va a caccia
Otto von Bismarck
le persone che addopreno la mente so´ poche, de meno quelle che addopreno er core e uniche quelle che l´addopreno tutt´e ddue
Rita Levi Montalcini
le persone che nun rideno mai, nun so´ serie
Pierre Dac
le persone civilizzate nun ponno soddisfa\' completamente li propri istinti sessuali senza amore
Bertrand Russell
le persone viaggeno pe´ stupisse colle montagne, li mari, li fiumi e le stelle; poi passano vicino a se stessi e ´n se meravijeno pe´ gnente...
Sant'Agostino
le persone ´n cianno granni idee; so´ l´idee che troveno a le persone
Franco Modigliani
le religgioni so\' come le lucciole; pe\' brilla\' je ce vo\' l´oscuro
Arthur Schopenhauer
le religgioni so´ l´armi più potenti che er Male abbia mai ´nventato
Tino di Bacco
le scimmie antropomorfe e li babbuini nun parlano perchè, si lo facessero, l´ ommini li costrignerebbero a lavora´
Antoine Le Grand
le scole ´n cianno gnente a che vède coll´educazzione ... più che antro, so´ mezzi de controllo che devono da da´ ai giovani li comportamenti basichi. L´educazzione è ´n´antra cosa, e cià poco a che vède colla scola.
Winston Churchill
le scoperte nun aiuteno er Terzo Monno, fanno solo cresce l ´ ingiustizzia
Ryszard Kapuściński
le stesse parole, uscite da bocche diverse, pijeno significati differenti, certe vorte opposti
Alessandro Morandotti
le storie so´ li sogni nostri. E li sogni nostri so´ la vita
Tim Burton
le strade della lealtà so´ sempre dritte
José Ortega y Gasset
le streghe nun ce stanno più da quanno avemo deciso de nun brucialle
Voltaire
le tentazzioni, ar contrario dell´occasioni bbone, ariveno sempre ´n´antra vorta
Orlando Aloysius Battista
le traduzzioni ( come le moji ), è difficile che sieno fedeli, si so´ attraenti
Roy Campbell
le verità importanti, li grandi princìpi, alla fine so´ solo due o tre. Quelli che t´ha ´nsegnato tu madre, da regazzino
Enzo Biagi
le vittorie contro le donne so´ l´ uniche che se ponno ave´ scappanno
Napoleon Bonaparte
legge\' è ´na maniera d´esse\' felici
Fernando Savater
legge\' è come tradurre, perché le \'sperienze de du\' persone diverse nun saranno mai identiche. \'N cattivo lettore è simile a \'n cattivo traduttore. Pe\' \'mpara\' a legge\' ner modo giusto l\'erudizzione è meno \'mportante de l\'istinto
Wystan Hugh Auden
legge´, pe´come l´intenno io, vordi´ pensa´ bbene
Vittorio Alfieri
leggo er giornale co´ tanta voja. È l´ unica allegria che me concedo abbitualmente
Aneurin Bevan
leggo pure libbri, tanti libbri, ma c´imparo meno che da´ vita. Solo un libbro m´ha ´nsegnato tanto: er vocabbolario. Er vocabbolario l´adoro. Ma adoro pure la strada, che é ´n vocabbolario morto piú meravijoso !
Ettore Petrolini
lei nun ha capito gnente perchè è ´n ´omo medio. ´n´ omo medio è ´n mostro, ´n delinguente pericoloso, che s´ accontenta, razzista, schiavista, e che nun je frega gnente della politica
Pier Paolo Pasolini
li cattivi esisteno perchè ce so´ quelli boni; se riuscite a elimina´ quelli boni, piano piano spariranno pure li cattivi
Carl William Brown
li cattivi libbri fanno usci´ cattive abbitudini, e le cattive abbitudini fanno scrive bboni libbri
René Descartes
li colossi de internet so´ sempre più intermediari esclusivi fra produttori e consumatori
Antonello Soro
li confini der linguaggio mio so´ li stessi confini che cià er monno
Ludwig Wittgenstein
li criminali de ieri so´ li signori de oggi, e quelli de oggi saranno li signori der domani
Carl William Brown
lì de fori, ce stanno ´n sacco de persone che viveno ´na vita de tranquilla e insopportabbile disperazione, costrette a fa´, pe´ lunghe e pesanti ore, lavori che odieno solo pe´ pote´ comprasse cose che nun je serveno, e fa´ così bella figura co´ gente che manco je piace
Nigel Marsh
li democratici so´ quelli der partito che dice che te farà diventa´ più inteliggente, più arto, più ricco, e leverà l´erbacce dar giardino tuo. Li repubblicani so´ quelli che dicheno che er governo nun funziona, se fanno elegge´ e così te faranno vede come se fa
P.J. O'Rourke
li despoti so´ capaci de risorve tutti li problemi, meno quello più grave: se stessi
Winston Churchill
li devo segui´ pe´ forza; io so´ er capo
Alexandre Auguste Ledru-Rollin
li difetti dell\'altri assomijeno troppo a li nostri
Leo Longanesi
li diritti aumentano da soli, pe´ quelli che fanno er proprio dovere
Mohandas Karamchad Gandhi
li diritti dell´animali, vengheno prima de quelli delle religgioni
Dan Jørgensen
li dittatori ponno cambia\' \'e leggi, ma l\'abbitudini no
Jacinto Benavente y Martínez
li dizzionari so´ come l´orologgi; er peggio è sempre mejo de gnente, ma ´n te poi fida´ manco der mejo
Samuel Johnson
li dottori danno medicine che conoscono poco, a malati dei quali sanno pure meno, pe´ cura´ malattie che nun conoscono pe´ gnente
Voltaire
li dottori so´ come l´avvocati; l´unica differenza è che l´avvocati t´arubbeno, li medici, invece, t´ammazzano pure
Anton Chekhov
li filosofi hanno solo interpretato er monno in un sacco de maniere; mo´, però, se tratta de cambiallo
Karl Marx
li fiori stanno dapettutto pe´ chi li vo´ véde
Henri Matisse
li furfantelli l´impiccamo, a li grandi ladroni je damo cariche importanti
Aesop
li giornali nun vonno informa´ er lettore, ma solo faje crede che lo stanno a informa´
Nicolás Gómez Dávila
li giornalisti nun ce credeno alle bucie de li politichi, però le ripeteno. Pure peggio !
Coluche
li giorni che ´n´ omo nun se po´ scorda´ , in tutta la vita, so´ cinque o sei in tutto. Tutti l´ antri serveno solo pe´ fa´ mucchio
Ennio Flaiano
li giovani se \'lludono sur futuro loro; li vecchi sur passato loro
Décoly
li golosi se scaveno \'a fossa co\' li denti loro
Henri Estienne
li governi nun imparano mai; la gente si
Milton Friedman
li grandi amori cominceno sempre nell´ istesso modo; appena la vedi, dici: ma chi è ´sta stronza ?
Ennio Flaiano
li granni avvenimenti der monno succedono ner cervello
Oscar Wilde
li ladri la proprietà la rispettano; solo che vorebbero che diventasse loro, così la potrebbero rispetta´ ancora mejo...
Gilbert Keith Chesterton
li lettori so´ personaggi immagginari inventati dalla fantasia de li scrittori
Achille Campanile
li libbri cianno li stessi nemichi dell´omo: er foco, l´umidità, le bestie, er tempo e quello che cianno dentro
Paul Valéry
li libbri cianno un orgojo tutto suo: quanno se presteno nun ritorneno più
Theodor Fontane
li libbri se rispetteno usannoli
Umberto Eco
li libbri serveno pe´ dimostra´ all´omini che tutte l´idee origginali che je vengheno in mente nun so´ nove pe´ gnente
Abraham Lincoln
li mariti so\' ottimi amanti, soprattutto quanno tradischeno \'e moji
Marilyn Monroe
li matti apreno le strade che poi useranno quelli savi
Carlo Dossi
li media so\' \'n giocattolo \'n mano a li ricchi. E li ricchi lo useno pe\' diventa\' ancora più ricchi
Ryszard Kapuściński
li morti so de più de li vivi, e aumentano sempre. Li vivi so´ sempre de meno
Eugène Ionesco
li nostri borghesi, visto che nun j´abbasteno le moji e le fije dei proletari, pe´ nun parla´ della prosituzzione organizzata, troveno pure divertente gioca´ a rubbasse uno la moje dell´ antro
Karl Marx
li pacifisti so\' come pecore che credeno ch\'er lupo è veggetariano
Yves Montand
li padroni de ´sto paese, la sanno bbene la verità. Er sogno americano se chiama così perchè tocca esse´ addormiti pe´ credece
George Carlin
li partiti, oggi, so´ solamente macchine de potere e de clientelismi
Enrico Berlinguer
li pericoli nun vengheno da quello che conoscemo, ma da quello che credemo de conosce e nun è così
Mark Twain
li poeti immaturi imitano; quelli maturi arubbeno
Thomas Stearns Eliot
li politici parlano pe´ li partiti loro, e li partiti nun sbajeno mai, nun hanno mai sbajato e nun sbajeranno mai
Walter Dwight
li politici so come quelli che, appena vedeno la luce alla fine der tunnel, escheno e ne comprano ´n´antro po´
John Quinton
li politici so uguali dapettutto. Prometteno de fa´ ´n ponte pure ´ndove ´n ce sta manco er fiume
Nikita Khrushchev
li politici so´ solo li cammerieri dei padroni delle banche
Ezra Pound
li popoli indiggeni so´ la riserva morale dell´ Umanità
Evo Morales
li poveri vanno a fa´ la guera, a combatte´ e mori´ pe li capricci, la ricchezza e le cose superflue dell´ antri
Plutarch
li regazzi nun cianno bisogno de chiacchiere ma de boni esempi d´onestá, coerenza e artruismo
Sandro Pertini
li regazzini nun se so´ mai messi a senti´ l´ adurti, ma l´ hanno sempre imitati
James Baldwin
li regazzini troveno er tutto ner gnente, l\'ommini nun troveno gnente ner tutto
Giacomo Leopardi
li ricordi che ciavemo dell´ antri, pure nell´ amore, nun coincideno mai
Marcel Proust
li ricordi so´ come schede d´ archivio che se guardeno e se rimetteno a posto alla sanfasò da gente che nun potemo controlla´
Cyril Connolly
li sbaji m´ hanno dato alla testa
Ennio Flaiano
li sentieri se costruischeno camminanno
Franz Kafka
li sogni se realizzeno; senza ´sta possibbilitá la natura ´n ce li farebbe fa´
John Updike
li sordi aiuteno a sopporta\' \'a povertà
Alphonse Allais
li sordi so\' \'n buon servo ma \'n cattivo padrone
Alexander Dumas
li sordi so´ come er latte della zinna materna
James A. Unruh
li Stati Uniti pareno destinati da la Providenza a appesta´ tutta l´ America in nome della Libbertà
Simon Bolivar
li Stati Uniti so´ ´n Paese che nun sa ´ndo ´sta a anna´ ma è deciso a stabbili´ ´n record de velocità p´arivacce
Laurence J. Peter
li storici scriveno bucíe usanno documenti, li romanzieri, invece, usano l´immagginazione
Gonzalo Torrente Ballester
li svizzeri so´ fanatichi pe´ la pulizzia; laveno pure li sordi !!!
Marcos Vergara Meersohn
li traduttori so' li cavalli da tiro daa curtura
Aleksandr Pushkin
li traduttori so´ come li pittori de ritratti; ponno abbelli´ la copia, ma deve somija´ sempre all´ origginale
Elie Fréron
li vocabbolari hanno da esse´ coretti in continuazzione, come le carte geografiche
Carlo Dossi
libbertà significa pure responsabbilità. Ecco perchè ´n sacco de gente ce n´ ha paura
George Bernard Shaw
lo scandalo comincia quanno la polizzia dice ch´ è finito
Karl Kraus
lo scandalo nun è che quarche banchiere sia finito ´n galera; lo scandalo è che ce ne sieno antri ancora de fora
Honoré de Balzac
lo schiavo cià ´n padrone solamente; l´ambizzioso tutti quelli che je ponno esse´ utili pe la fortuna sua
Jean de La Bruyère
lo scopo della politica è de mantene\' la gente preoccupata epperciò bisognosa d\' esse\' portata verso la sicurezza, sotto la minaccia de farzi allarmi, tutti \'nventati
H.L. Mencken
lo scopo vero der socialismo è proprio quello de supera\' e anna\' più avanti, dopo la fase de rapina nello sviluppo dell´umanità
Albert Einstein
lo Stato so´ io
Louis XIV
lo strumento essenziale pe´ la manipolazzione della realtà è quello de manipola´ le parole
Philip K. Dick
l\' ignoranza è la madre de la felicità e de la soddisfazzione sessuale
Giordano Bruno
l\' origginale è sempre infedele alla traduzzione
Jorge Luis Borges
l\' educazzione è quer metodo che ce permette d\' ave\' un livello più arto de preggiudizzi
Laurence J. Peter
l\' italiani so\' sempre pronti a core pe\' da\' \'na mano ai vincitori
Ennio Flaiano
l\'abbitudine in politica è de fa\' finta sempre de gnente, davanti all\'evidenza
Henry Brooks Adams
l\'adulatori assomijeno a l\'amici come li lupi a li cani
George Chapman
l\'ammore è \'a nebbia che se forma cor vapore de li sospiri
William Shakespeare
l\'amore è eterno fino a quanno dura
Henri de Régnier
l\'amore finisce d\'esse\' \'n piacere quanno nun è più segreto
Aphra Behn
l\'animo de l\'ommini nun appare mai così forte e nobbile come quanno rinuncia aa vendetta e osa perdona\' \'n torto
E.H. Chapin
l\'arte è \'a bucìa che ce permette de comprenne\' \'a verità
Pablo Picasso
l\'arte è \'na chiamata che je risponneno troppi che nun so\' chiamati
Leo Longanesi
l\'arte è \'n\'investimento de sordi, \'a curtura \'n\'alibbi
Ennio Flaiano
l\'attuale sistema economico è \'na machina universale che distrugge l\'ambiente e produce mijioni de perdenti che nisuno sa che facce
George Susan
l\'esperienza è quea cosa meravijosa che te fa riconosce\' \'n\'erore quanno \'o stai a ripete\'
Franklin P. Jones
l\'esperienza è \'na fiamma che nun illumina si nun brucianno
Benito Pérez Galdós
l\'idee so\' come \'e purci, sarteno da uno all\'antro, ma nun pungono tutti
Stanislaw Jerzy Lec
l\'immagginazzione serve pe\' viaggia\' e costa meno
George William Curtis
l\'importante nun è avecce tante idee, ma vivene una
Ugo Bernasconi
l\'ommini c\'hanno poca stima dell\'antri, ma nun ce l\'hanno morta nimmanco pe\' loro
Leon Trotsky
l\'ommini de poche parole so\' li mejo
William Shakespeare
l\'ommini nun saranno virtuosi si nun je permetti d\'esse\' vizziosi
Frank Meyer
l\'omo bono è \'ntelligente, quello cattivo è, \'n più, \'mbecille. \'E doti morali nun ponno esse\' separate da quelle \'ntellettuali
Jorge Luis Borges
l\'omo cortiva mille rose senza trovacce \'e cose che cercava; e \'e potrebbe trova\' dentro \'na rosa sola
Antoine de Saint-Exupéry
l\'omo è \'n\'animale sociale che odia li simili sui
Eugène Delacroix
l\'omo più ricco è quello che c\'ha li vizzi che costeno de meno
Henry David Thoreau
l\'omo produce \'r male come l\'api producheno \'r miele
William Golding
l\'omo \'mpoverisce \'e cose molto de più chee parole che cor silenzio
Mohandas Karamchad Gandhi
l\'unica cosa che l\'esperienza ce \'nsegna è che l\'esperienza nun c\'e \'nsegna gnente
André Maurois
l\'unica cosa che separa \'n\'omo da quello che vo\' dalla vita spesso è solo la voja de provacce, la forza de vole\' crede che sia possibbile
Richard M. DeVos
l\'unica gioia ar monno è comincia\'. È bello vive\' perché vive\' è comincia\', sempre, a ogni momento
Cesare Pavese
l\'unici che so\' sempre de ritorno da tutto so\' quelli che nun so\' mai annati da nisuna parte
Antonio Machado
l\'urtimo giorno dell\'anno nun è l\'urtimo giorno der tempo
Carlos Drummond de Andrade
l´ americani ogni anno fanno più carceri che scole o colleggi
Jesús Sepúlveda
l´ Americani so´ portatori sani de democrazzia
Giorgio Gaber
l´ amicizzia è ´n commercio disinteressato fra uguali; l´amore ´na relazzione spreggevole fra tiranni e schiavi
Oliver Goldsmith
l´ amor patrio nun conosce le frontiere dell´ antri
Stanislaw Jerzy Lec
l´ amore è ´n´ infinito che puro li cani ponno capi´
Louis-Ferdinand Céline
l´ amore e` solo ´n trucco lurido contro de noi, p´ assicura´ la continuazzione della specie
William Somerset Maugham
l´ amore reciproco fra ch´ insegna e chi impara è il primo è più importante passo verso la conoscenza
Desiderius Erasmus von Rotterdam
l´ antri se vantassero pure de quello ch´ hanno scritto; io so´ orgojoso de quello ch´ ho letto
Jorge Luis Borges
l´ arte de vince´ s´ impara perdenno
Simon Bolivar
l´ arte nun è ´no specchio ´ndove se deve riflette er monno, ma un martello pe´ rompelo
Vladimir Majakovskij
l´ arte sgrulla via dall´ anima la porvere ammucchiata nella vita de tutti li giorni
Pablo Picasso
l´ attore è ´n tizzio che te da retta solo si parli de lui
Marlon Brando
l´ avvocati so´ l´ uniche persone che nun se punischeno pe´ nun conosce la legge
Jeremy Bentham
l´ avvocati so´ l´unichi delinguenti communi pei quali li giudici, pe´ forza, se deveno sceje fra loro stessi
Charles Caleb Colton
l´ educazzione è la maniera mejo che cianno li padri pe´ trasmette´ tutti li difetti sui a li fiji
Armand Carrel
l´ educazzione è scopri´, piano piano, tutta l´ ignoranza che ciavemo
Will Durant
l´ esperienza è er pettine che ce da la vita quanno semo già pelati
Judith Stern
l´ esperienza è ´n bijetto della lotteria comprato dopo l´ estrazzione
Gabriela Mistral
l´ essenza della matematrica sta nella sua libbertà
Georg Cantor
l´ essere umano ´n cià gnente più profonno de la pelle
Paul Valéry
l´ esseri umani se ponno divide´ in tre categorie: li stanchi morti, quelli che s´ annojeno da mori´ e quelli che so´ preoccupati da mori´
Winston Churchill
l´ idealismo aumenta in maniera proporzionale a seconda de quanto c´ interessa er probblema
John Galsworthy
l´ idealismo è la nobbile toga sotto alla quale li signori politichi annisconneno l´ ansia de potere che cianno
Aldous Huxley
l´ idealismo va benissimo, ma quanno s´ avvicina alla realtà diventa troppo caro
William F. Buckley
l´ idee so´ più potenti dell´ armi nucleari
Fidel Castro
l´ ignoranza peggiore è de nun sape´ de esse ignoranti
San Girolamo
l´ illusioni durano, nonostante la ragione e la conoscenza
Giacomo Leopardi
L´ immagginizazzione ce conforta de quello che nun semo. Er senso dell´ umorismo de come semo.
Winston Churchill
l´ impero britannico é nato pella disperazione de tutta ´na generazzione d´ inglesi che so´ annati disperati per monno a cerca´ quarche cosa da magná che nun fussero le solite schifezze sue
Bill Marsano
l´ incertezza è come li petali de ´na margherita; ´n se finisce mai de sfojalli
Mario Vargas Llosa
l´ incontro fra du´ personalità è come er contatto fra du´ sostanze chimiche; si c´è ´na reazzione, se trasformeno tutt´ eddue
Carl Jung
l´ infelicità se po´ defini´ come la differenza fra le capacità che ciavemo e le nostre speranze
Edward De Bono
l´ Inghiltera è l´ unico paese ´ndove er magna´ è più pericoloso der sesso
Jackie Mason
l´ inglesi ammirano istintivamente tutti quelli che ´n cianno talento e ´n se ne vanteno
James Agate
l´ intelletto, nun solo ce fa diventa´ più razzionali, ma puro più pericolosi
Simon Wiesenthal
l´ interprete è uno che riesce a fa´ capi´ fra loro du´ persone che parleno lingue differenti; ripetenno a tutt´e due quello che je farebbe comodo d´ ave´ detto
Ambrose Bierce
l´ istinto d´ammazza´, come molti antri, è tipico dell´ essere umano. Vanno ´nsieme: omo e morte, omo e crudertà, omo e sangue. Mica é ´na bella cosa, però è così
Roberto Bolaño
l´ istinto è l´ unica verità
Anatole France
l´ Italia se sta a marci´ in un benessere ch´ è egoismo, imbecillità, incortura, chiacchiere, moralismi, costrizione e conformismo; aiuta´ a contribbui´ a ´sto marciume è, adesso, er fascismo
Pier Paolo Pasolini
l´ italiani perdeno le partite de pallone come si fussero guere, e le guere come si fussero partite de pallone
Winston Churchill
l´ omini cianno li riflessi lenti; in genere capischeno solo quarche generazzione dopo
Stanislaw Jerzy Lec
l´ omini diventano eroi solo quanno nun ne ponno proprio fa´ a meno
Paul Claudel
l´ omini so´ sempre sinceri. Cambieno de sincerità, solamente
Tristan Bernard
l´ omini ´n se vergogneno de pensa´ cose sporche; più che antro se vergogneno si pensano che quarcun´antro je le possa attribbui´
Friedrich Wilhelm Nietzsche
l´ ommini nascheno ignoranti, no stupidi; la stupidaggine è er risurtato dell´ educazzione
Bertrand Russell
l´ ommini nun so´ priggioneri der destino, ma dell´ opinioni sue
Franklin Delano Roosevelt
l´ omo è composto dell´ 80% d´ acqua; per cui nun c´ è da stupisse s´ è inquinato
Carl William Brown
l´ omo è l´ unica bestia razionale che perde er controllo ogni vorta che se dovrebbe comporta´ secondo le regole della raggione
Oscar Wilde
l´ omo nun sa de più dell´ antre bestie; ne sa de meno. Loro sanno quello che deveno da sape´, noi no
Fernando Pessoa
l´ omo nun vive solo de parole, anche si ´gni tanto je tocca de magnassele
Adlai Stevenson
l´ opinione pubblica è ´n tentativo de organizza´ l´ ignoranza de la gente, e faje guadagna´ in dignità colla forza fisica
Oscar Wilde
l´ organizzazzione della società Americana è ´n sistema composto da semi-monopoli notoriamente venali e ´n´ elettorato notoriamente miope; tutto quanto sotto la guida de mezzi d´ informazzione notoriamente fasulli ...
Paul Goodman
l´ origginalità è l´ arte de copià, senza fasse sgama´
William Ralph Inge
l´ ottimista crede che quello che ciavemo sia er mejo monno possibbile; er pessimista cià paura che sia vero
Robert Oppenheimer
l´ ottimista è uno che penza che le cose nun ponno anna´ peggio de come stanno
Alessandro Morandotti
l´ ubbidienza é ´n vizzio a cui fa sempre commodo cede´
Don Lorenzo Milani
l´ umanità l´ ha da fa finita colle guere, sinnò le guere la faranno finita coll´ umanità
John Fitzgerald Kennedy
l´ unica lotta che se perde è quella che s´ abbandona
Madres de Plaza de Mayo
l´ unica maniera che cià un giornalista de guarda´ ´n politico è dall´ arto in basso
Frank Kent
l´ unica maniera pe anna´ d´ accordo, fra moje e marito, è la separazzione
Lord Chesterfield
l´ unica raggione che vieta al Padreterno de manna´ ´n´antro diluvio è che er primo nun è servito a gnente...
Nicolas de Chamfort
l´ uniche risposte utili so´ quelle che propongheno altre domande
Vittorio Foa
l´ unico modo per nun fa´ conosce´ all´ antri li limiti tua, è de nun superalli mai
Giacomo Leopardi
l´ unico scopo delle previsioni economiche è de fa´ pare´ rispettabbile l´ astrologgia
John Kenneth Galbraith
l´ uso è l´ unica motivazzione che po´ fa´ diventa´ le parole bbone, vere, leggittime; parole proprie de ´na lingua
Alessandro Manzoni
l´ utopia sta all´ orizzonte. M´ avvicino du´ passi e s´ allontana du´ passi. Faccio ´n´ antri dieci passi e l´ orizzonte s´ allontana dieci passi píù in là. Pe´ quanto posso cammina´ nun ciariverò mai a pijalla. A che serve l´ utopia ? Ecco pe´ chè: pe´ cammina´
Eduardo Galeano
l´abbuso dell´informazzione fa aumenta´ l´ignoranza, coll´illusione d´eliminalla. Che poi pure la facilità d´ariva\' alla \" carne \", ha svalorizzato er sesso
Carmelo Bene
l´alunni magnano quelli che li professori hanno già diggerito
Karl Kraus
l´amici nun se scejeno a caso, ma a seconda de le passioni che ciavemo
Alberto Moravia
l´amicizzia é fatta de lealtá, no de fedeltá passiva
Ferruccio de Bortoli
l´amore cià er diritto d´esse´ disonesto e buciardo. Si è sincero ...
Marcello Marchesi
l´amore è aspetta´ ´na gioia che quanno poi ariva te stufa
Leo Longanesi
l´amore è ´n castigo; e semo castigati pe´ nun esse´ stati capaci de resta´ da soli
Marguerite Yourcenar
l´amore fa´ diventa´ matti, er matrimonio cornuti, er patriottismo imbecilli servaggi
Paul Léautaud
l´amore nun è ceco, è presbite; ´nfatti comincia a vede li difetti quanno se comincia a allontana´
Oscar Wilde
l´anarfabbeti der 21º secolo nun saranno quelli che nun sapranno legge´ nè scrive´, ma quelli che nun saranno capaci d´impara´, scordasse quello ch´ hanno imparato e imparasse ´n´antra cosa nova
Alvin Toffler
l´anatre fanno l´ova zitte zitte. Le galline ´nvece starnazzeno come si fussero ´mpazzite.Qual´ è la conseguenza ? Che tutti magneno l´ ova de gallina
Henry Ford
l´anime generose se senteno più offese pe´ l´adulazzioni che pell´ingiurie
Nicolò Tommaseo
l´approvazzione dell´antri è ´no stimolo de cui, ´gni tanto, sarebbe bbene nun fidasse
Paul Cézanne
l´arte de vive´ bene e de mori´ bbene so´ la stessa cosa
Epicurus
l´arte è la maggía libberata dall´assurdo de esse´ verità
Theodor W. Adorno
l´astronomia cià ´nsegnato che nun semo er centro dell´universo. Semo solo un pianeta piccolo che gira ´ntorno a ´na stella molto commune. Noi stessi, esseri inteliggenti, semo er risultato dell´evoluzione stellare, semo fatti della stessa materia delle stelle
Margherita Hack
l´attore è ´n buciardo... sincero
Albert Camus
l´avvocato è er complice naturale der banchiere
Henry Ford
l´economia mondiale è la mejo espressione der crimine organizzato. L´ organismi internazzionali che controlleno valute, mercati e prestiti organizzeno er terorismo internazzionale contro li paesi poveri e li poveracci d´ ogni paese co´ na professionalità cosí fredda da fa´diventa´ rosso er piú esperto de li bombaroli
Eduardo Galeano
l´economia mondiale, de ´sti tempi, ´e solo ´n gran casino !
Fidel Castro
l´educazzione è fatta soprattutto de quello ch´avemo disimparato
Mark Twain
l´erosimo più grande, pe ´n´omo o pe´ tutto ´n popolo, è quello d´esse\' capace d´affronta\' er ridicolo
Miguel de Unamuno
l´esistenza de ´n disoccupato é ´na negazione der diritto de vive peggio della morte
José Ortega y Gasset
l´esperienza è ´na bbona scola, ma costa parecchio de più
Heinrich Heine
l´essere umano è la Tera che cammina
Atahualpa Yupanqui
l´esseri umani so´ l´unichi animali che arossischeno. E so´ puro l´ unichi che cianno ´na raggione pe´ fallo
Mark Twain
l´Europa diventerà quello che effettivamente è, cioè ´n piccolo promontorio der continente asiatico ? O magari resterà quello che sembra: la parte prezziosa dell´universo, la perla della sfera o la mente d´un gran corpo ?
Paul Valéry
L´evoluzzione che porta dall´ameba all´omo pare evidente che sia ´n progresso pe´li filosofi, ma ´n se sa si l´ameba é d´accordo...
Bertrand Russell
l´idee so\\\' più pericolose delle armi. Si famo in modo che li nemici nostri nun ciabbiano armi, perchè je dovremmo permette de avecce l´idee ?
Joseph Stalin
l´ideologgia è er peggio carceriere de la mente
Yossi Sucary
l´indifferenza, la vijaccheria e l´opportunismo della gente, ammazzeno le democrazzie più de li tiranni e de li dittatori
Luigi Tosti
l´omini nun fanno mai der male in maniera così completa e entusiastica come quanno lo fanno pe´ motivi religgiosi
Blaise Pascal
l´ommini cambieno sentimenti e comportamenti colla stessa velocità co´ cui cambieno d´ interessi
Arthur Schopenhauer
l´ommini politici de tutt´er monno cianno ´na regola sola: quanno stanno ar governo nun deveno di´ mai le stesse cose de quanno stanno all´opposizzione. Si ce proveno, l´unica cosa che ce ponno guadagna´ è de dove´ fa´ quello che a all´antri nun j´ è riuscito
John Galsworthy
l´ommini so´ diventati strumenti delli stessi propi strumenti
Henry David Thoreau
l´omo ariva a ogni età come si fusse sempre un novizio
Nicolas de Chamfort
l´omo che a 50 anni vede er monno come lo vedeva a 20, ha sprecato trent´anni de vita
Muhammad Ali
l´omo che nun è capace d´incazzasse nun è manco capace d´esse\' bono
Henry Ward Beecher
l´omo che nun legge´ mai è più colto de quello che legge´ solo li giornali
Thomas Jefferson
l´omo cià ´n´idea completamente sbajata der posto che occupa nella natura; questo è ´no sbajo che ´n se po´ elimina´
William Somerset Maugham
l´omo der terzo millennio ciavrà la curtura de Bus, l´ onestà de Berlusconi e la bontà de Putin
Anónimo
l´omo è l´animale domestico che, pe´ secoli, ha comannato l´ antri animali coll´ inganno, la violenza e la crudertà
Charlie Chaplin
l´omo è l´unica creatura che nun vo´ esse\' quello ched´è
Albert Camus
l´omo elegante è quello de cui nun distingui mai er vestito
William Somerset Maugham
l´omo più ricco è quello che s´accontenta de poco, perchè accontentasse de quello che uno cià è la ricchezza che ce da la natura
Socrates
l´operaio, più produce ricchezza e più diventa povero
Karl Marx
l´ozzio é la causa de tutti li vizzi, ma pure er punto d´arivo de tutte le virtú
Franz Kafka
l´umanita è quella che è; er probblema nun è cambialla, ma conoscela
Gustave Flaubert
l´umanità nun je la fa a sopporta´ l´idea ch´er monno sii nato pe´ caso, pe´ sbajo, solo perchè quattro atomi ´mbecilli se so´ ´ntruppati sull´autostrada bagnata. Allora tocca trova´ ´n complotto cosmico, Dio, l´angeli o li diavoli.
Umberto Eco
l´unica maniera de conserva´ la propia curtura è accetta´ de mettela ´n pericolo
Paul Andreu
l´unica maniera de mantenesse ´n forma è: magna´ quello che ´n ce piace, beve quello che nun volemo e fa´ quello che nun ce sconfinfera
Mark Twain
l´unica maniera pe´ ridurre le droghe è de legalizzalle
Gary Becker
l´unica maniera pe´ sviluppá er senso de responsabbilitá de la gente é... dajjela...
Kenneth Blanchard
l´unico modo de conserva´ vordi´ è feri´ tutti, a comincia´ da quelli che je volemo bbene
Emil Cioran
l´unico tiranno ar monno che posso accettá è la coscenza mia
Mohandas Karamchad Gandhi
l´unico vero libbro ´no scrittore ´n se lo deve inventa´ , nel senso usuale der termine, perchè esiste già dentro de tutti noi; lo deve solo tradure. Er dovere e er lavoro de ´no scrittore so´ li stessi de quelli der traduttore
Marcel Proust
l´unico vero progresso sta a imparasse a avecce torto da soli
Albert Camus
l´Università vera nun sta in un posto preciso. Nun cià beni, nun paga stipendi e nun riceve contribbuti veri. L´Università vera è ´na condizzione mentale
Robert Pirsig
ma ch´ aspetta l´ Unesco pe´ dichiara´ patrimonio dell´ umanità tutt´ er pianeta?
Anónimo
ma perchè s´ ammazzeno le persone ch´ hanno ammazzato antre persone ? Pe´ dimostra´ che ammazza´ è sbajato ?
Norman Mailer
ma po´ esse´ vero che quelli che ce sfrutteno ponno esse i nostri educatori ?
Eric Schaub
ma si er male sta proprio qua, nelle parole ! Tutti ciavemo dentro ´n monno de cose, ognuno er monno suo ! E come se potemo capì´, o signore, si dentro alle cose io ce metto er senso e er valore che ciò dentro de me, mentre chi le sente ce mette er suo de monno, de maniera de vede´ e senti´? Ce pare de capisse, ma ´n se capimo mai
Luigi Pirandello
magara fusse così facile scopri´ la verità come scopri´ le cose farze
Marcus Tullius Cicero
magari è vero che la libbertà è ´n´ idea ´n po´ vaga; ma quanno ´n c´ è se sente
Rodrigo Rey Rosa
magari sto´ monno é l´ inferno de ´n´antro pianeta...
Aldous Huxley
maledetto sia quer sordato che spara contro er popolo suo
Simón Bolivar
manco la nostargia è più quella de ´na vorta ...
Simone Signoret
manco ´n perito po´ riconosce ´no scemo, quanno se sta zitto
Alonso de Ercilla y Zuñiga
massima specializzazzione vor\' di\' massima ignoranza
José Ortega y Gasset
matrimonio: du´ persone che stanno d´accordo p´aricconta´ la stessa bucìa
Karen Durbin
matronio: ´na communità che cià ´n padrone, ´na padrona e du´ schiavi, che sommanno fanno ... due !
Ambrose Bierce
matto è quell\'omo c\'ha perso tutto tranne \'a raggione
Gilbert Keith Chesterton
me ce so´ voluti quindic´anni pe´ capí che ´n ciavevo er talento dello scrittore, ma nun ho potuto lassá perde perché, a quer punto, ero diventato troppo famoso
Robert Benchley
me dicevano che, p´ ariva´ a un monno dove ´n se dovesse ammazza´ più nessuno, sarebbero bastati pochi morti
Albert Camus
me dispiace che ´n sia peccato beve l´acqua; come sarebbe bbona ...
Giacomo Leopardi
me fido solo dee statistiche che ho manipolato
Winston Churchill
me pare d´ ave´ trovato l´ anello che mancava fra l´ animali e l´ Homo Sapiens : noiantri.
Konrad Lorenz
me piacerebbe vede li preti sposasse; e manco solo quelli eterosessuali
Anónimo
me riservo, fermamente, er diritto de contraddimme
Paul Claudel
me sa´ che, cor tempo, se meriteremo de nun ave´ più governi
Jorge Luis Borges
me sento traumatizzato dalla legalizzazzione dell´aborto, perchè, come tanti, penso sia solo la legalizzazzione dell´omicidio
Pier Paolo Pasolini
me serve d\'avecce pe\' mi\' madre er rispetto che uno c\'ha pe\' \'n\'ideale
Anne Frank
me so´ passato tutta la vita a conferma´ la regola
Sacha Guitry
me so´ ´mparato che ´na vita ´n vale gnente e che gnente vale ´na vita
André Malraux
medici. Omini fortunati. Li successi loro brilleno ar sole... e li errori loro so\' seporti
Michel de Montaigne
meno sa la gente de come so´ fatte sarcicce e leggi e mejo dormirà la notte
Otto von Bismarck
mette´ a posto ´na bibblioteca è ´na maniera silenziosa d´ usa´ l´ arte della critica
Jorge Luis Borges
mica so´ tutti condannati a esse´ inteligenti
Carlo Emilio Gadda
mica tutti se ponno vanta´ d´ avecce ´n´ amico
Antoine de Saint-Exupéry
mijora´ lo stile, vor´ di´ mijora´ er pensiero
Friedrich Wilhelm Nietzsche
mijora´ le cose è come mettese in un viaggio, ´ndo´ ce stanno più naufraghi che naviganti
Eduardo Galeano
mo Satana s´è fatto più dritto, e le tentazzioni ce le manna facennoce ricchi, invece che poveri
Alexander Pope
mo, a parte er tabacco, l\'arcol e \'a televisione, \'a maggior parte daa droga è proibbita, però li fiji nostri ponno sempre incontralla a ogni angolo dee scole
Manu Chao
molti dei nostri omini politici so´ incapaci; er resto è capace de tutto
Boris Makaresko
molto spesso le belle donne nun cianno ´n´intelligenza proporzionata alla bellezza loro
Guy de Maupassant
mori\' è tremenno, ma l\'idea de dove\' mori\' senza ave\' vissuto è \'nsopportabbile
Erich Fromm
mori´ è ´n´abbitudine che cià la ggente
Jorge Luis Borges
morte so\' \'e cose che se butterebbero via si non fosse paa paura che quarcun antro \'e pò riccojie\'
Oscar Wilde
morte vorte pe\' esse\' bboni amo da smette\' d\'esse\' onesti
Jacinto Benavente y Martínez
morti ommini viveno felici senza sapello
Luc de Clapiers Marquis de Vauvenargues
movese è nella nostra natura; la tranquillità assoluta è solo morte
Blaise Pascal
mo\' ho capito er segreto pe\' fa\' l\'omo ideale: cresce\' all\'aria aperta, magnà dormì colla tera
Walt Whitman
mo´ sapemo bbene che un governo esercitato dalla finanza organizzata è pericoloso armeno quanto quello comannato dalla mafia
Franklin Delano Roosevelt
m\'hanno sempre stupito li giri assurdi c\'hanno da fa\' li fiumi pe\' passa\' sotto a tutti li ponti
Beppe Grillo
m´ hanno chiesto: lei è favorevole alla libberazzione delle droghe ? Ho risposto: prima cominciamo a libbera´ er pane; è soggetto a ´n proibizzionismo feroce in mezzo monno
José Saramago
n'intellettuale è quarcuno che c'ha 'o spirito che se contempla da solo
Albert Camus
'n'omo è 'nfelice quanno nun sa d'esse' felice, questa è 'a sola raggione. Tutto qua, nient'artro. Chi riuscirà a capillo sarà subbito felice
Fedor Michailovich Dostoevski
nascemo principi, e er processo d\'accurturazzione ce fa rospi
Eric Berne
ne la lotta fra te e er monno, hai da sta´ dalla parte der monno
Frank Zappa
ne li campi de concentramento vivevamo minuto a minuto e dovevamo da pensa´ er meno possibbile, visto che pensa´ è consumasse
Haïm-Vidal Sephiha
ne l\'ammucchiate ce sta \'r vantaggio che uno, si vole, po\' dormi\'
Woody Allen
nee questioni de coscienza \'e raggioni daa maggioranza nun esisteno
Mohandas Karamchad Gandhi
nega\' li diritti curturali alle minoranze rompe er sistema morale de \'na società come si je se negassero li diritti civili
Joshua A. Fishman
nella grascia l´ amichi ce conoscheno; quanno ce so´ li probblemi li conoscemo noi
John Churton Collins
nella stessa maniera che l´amichi, adulanno te pervertischeno, cosí li rimproveri delli nemici tante vorte te correggheno
Sant'Agostino
nella vita ´n c´è da ave´ paura de gnente; tocca cerca´ de capi´ tutto
Marie Curie
nella vita ´n´omo po´ cambia´moje, partito e regliggione; quella che nun po´ cambia´ è la squadra pe´cui tifa
Eduardo Galeano
nella vita, come ner tranve, quanno te metti a sede´ sei arivato ar capolinea
Camillo Sbarbaro
nella vita, la saggezza vor´ di´ elimina´ tutto quello che nun è indispensabbile
Lin Yutang
nelle cose piccole l´ omini se fanno vede´ come je conviene mejo; in quelle piccole, invece, se vedeno come so´ davero
Nicolas de Chamfort
nelle mie storie d´ amore er rimorso arivava sempre dopo; mo´ ariva prima de me
Ennio Flaiano
nelle persone la pazzia è ´na rarità; nei gruppi, nei partiti, nei popoli e nelle epoche è la regola
Friedrich Wilhelm Nietzsche
nelle quistioni molto ´mportanti, la cosa piú ´mportante é lo stile no la sincerezza
Oscar Wilde
nell´ amore c´è sempe ´n po´ de pazzia: Ma ce pure sempre ´n po´ de raggione nella pazzia
Friedrich Wilhelm Nietzsche
nell´urtimi trent´anni semo passati d´avecce ´n´economia de mercato a esse´ ´na società de mercato. L´economia de mercato serve p´organizza´ l´attività produttiva, mentre ´na società de mercato significa che tutto è in vendita. È ´na maniera de vive in cui so´ li valori der mercato che dettano legge su tutte le cose della vita
Michael Sendel
ner cervello ´n ce sta gnente che prima nun sia passato pe´ li sensi
San Tommaso d'Aquino
ner momento della crisi, solo l´immaginazzione è più ´mportante della conoscenza
Albert Einstein
ner tanto tempo ch´è passato ho vissuto ´n sacco de vite e posso di\' senza dubbio che, dar punto de vista morale, l´omo singolo nun ha fatto nessun progresso, nell´urtimi diecimila anni
Jack London
nessun dottore po´ promette de guaritte; ma deve promette\' d´avecce cura der pazziente
Patch Adams
nessun fiocco de neve casca mai ner posto sbajiato
Zen saying
nessuna descrizzione che nun è poetica daa reartà potrà esse\' mai completa
John David Barrow
nessuna donna po´ sopporta´ un marito che je piace er gioco; ammenochè nun vinca sempre
Thomas Dewar
nessuna teoria democratica cià er minimo dubbio sur fatto che una delle caratteristiche de ´na dittatura sia er controllo dell´informazione
Giovanni Sartori
nessuno è così giovane da nun pote´ mori´ oggi
Francesco Petrarca
nessuno te potrà monta´ sulle spalle si tu nun te sei piegato
Martin Luther King
nessun´ omo che sia veramente padrone della lingua propria, ne po´ domina´ ´n´ antra
George Bernard Shaw
nissuno dovrebbe da avecce più de quello che je serve pe´ vive´; tutt´er resto dev´esse´ dello Stato
Benjamin Franklin
nisun governo se po\' conserva\' bene e a lungo si nun cià \' n \'opposizzione come se deve
Benjamin Disraeli
nisuna maledizzione è più granne che ´n ´ idea propagandata co la violenza
Ezra Pound
nisuna, delle cose che posso fa´, me preme come esse´ amico colla gente che ama la verità
Baruch De Spinoza
nisuno cià er diritto d´ esse´ felice da solo
Raoul Follereau
nisuno consurta er vocabbolario, prima de parla´
Anónimo
nisuno è così stupido da preferi´ la guera a la pace; in tempo de pace li fiji seppellischeno a li padri, in guera è tutto ar contrario
Herodotus
nisuno è così vecchio da nun pote´ spera´ de campa´ ´n´antro giorno de vita
Lucius Annaeus Seneca
nisuno fa più male de quelli che vanno ´n giro a fa´ der bene
Mandell Creighton
nisuno je chiede ar vincitore s´ ha detto la verità. Quanno se prepara ´na guera, e durante er comincio della stessa, nun conta er fatto d´ avecce raggione o no, ma solo vincela
Adolf Hitler
nisuno me pettina bbene come er vento
Alda Merini
nisuno merita che piagni pe´ lui; e si lo merita ´n te farà piagne mai
Gabriel García Márquez
nisuno parla male de le virtú anniscoste dell´antri
Bertrand Russell
nisuno po´ fa vede´ pe´ troppo tempo ´na faccia a se stesso e ´n´ antra alla gente senza fini´ pe´ nun sape´ più qual´ è quella vera
Nathaniel Hawthorne
nisuno po´ vince si ´n´antro nun perde
Lucius Annaeus Seneca
nisuno te po´ fa´ senti´ inferiore, si tu non sei d´accordo
Eleanor Roosevelt
nun abbandona´ mai le illusioni che ciai. Quanno ´n ce l´avrai più continuerai a esiste\' , ma avrai finito de campa´
Mark Twain
nun abbitamo in una nazione, abbitamo in una lingua
Emil Cioran
nun anna´ pella strada già conosciuta, te porterà solo ´ndo´ già so´ annati l´antri.
Alexander Graham Bell
nun aspettà l\' occasione, inventatela!
George Bernard Shaw
nun avecce vizzi, nun aggiunge gnente alla virtù
Antonio Machado
nun bevo arcolici. No pe\' virtù, ma perché c\'è \'na bevanna che me piace de più: l\'acqua
Jorge Luis Borges
nun ce po´ esse´ grannezza senza semplicità
Leo Tolstoy
nun ce so´ fii illeggittimi, ma solo genitori illeggittimi
Leon R. Yankwich
nun ce voleva davero ´na rivoluzzione pe´ fa´ capi´ar monno che, ´na sproporzionata distribbuzzione delle ricchezze è corpevole de tanti mali e de tanti crimini; ma però sapemo bbene che l´uguajanza delle ricchezze ´n sarà mai possibbile
Robespierre
nun cerca´ d´esse´ ´n´omo de successo; mejo esse´ ´n´omo de valore
Albert Einstein
nun credo a li miracoli; n´ho visti troppi
Oscar Wilde
nun c\'è amore si nun se soffre o se fa soffri\'
Henri François-Joseph de Régnier
nun c\'è passione in cui l\'egoismo regna così forte come naa amore: semo sempre più disposti a sacrifica\' \'a tranquillità de chi se ama che a prenne \'a propia
François de La Rochefoucauld
nun c\'ho tempo p\'avecce prescia
John Wesley
nun c´ è ´n cammino verso la pace; è la pace ch´ è er cammino
Mohandas Karamchad Gandhi
nun c´ é amore piú sincero che l´ amore per magná
George Bernard Shaw
nun c´ è dovere che valutamo de meno che quello de esse´ felici
Robert Louis Stevenson
nun c´ è gnente a cui è più difficile resiste dell´adulazzione
Arnold Lobel
nun c´ è gnente de tarmente assurdo o ridicolo che, ´na vorta o l´ antra, ´n sia stato affermato da quarche filosofo
Oliver Goldsmith
nun c´é amore sprecato fra de noi
Miguel de Cervantes
nun c´è bisogno de brucia´ li libbri pe´ distrugge´ ´na curtura; basta fa in maniera che la la gente nun li legga
Ray Bradbury
nun c´è comincio nè fine; esiste solo ´na passione infinita pe´ la vita
Federico Fellini
nun c´è felicità senza libbertà, ne libbertà senza coraggio
Pericles
nun c´è gnente che ce fa´pensa´ come semo cambiati come torna´ in un posto ch´è rimasto com´era
Nelson Mandela
nun c´è gnente che sia bello da tutti li punti de vista
Quintus Horatius Flaccus
nun c´è gnente de mejo pe´ fa gioca´ un regazzino già a cinque anni de ´n vocabbolario. E pure, con ´n po´ de fortuna, li bboni scrittori fino a li cento.
Gabriel García Márquez
nun c´è gnente de potenziarmente più sporco de ´na guera anniscosta
Susan Sontag
nun c´è mijor investimento, pe´ quarsiasi communità, che mette er latte dentro de li regazzini
Winston Churchill
nun da´ mai spiegazzioni; tanto all´amici tua nun je serveno, e quelli che ´n te so´ amici ´n ce crederanno
Oscar Wilde
nun desidera´ è lo stesso che aveccelo già
Lucius Annaeus Seneca
nun dico che la medicina nun possa esse´ utile pe´ quarcheduno; dico solo ch´ è ´na disgrazzia p´ er genere umano
Jean-Jacques Rousseau
nun dovemo legge\' pe scordasse de noi stessi, ma ar contrario, per ripijasse ´n´antra vorta, fermamente, consapevormente e con maturità, la vita nostra
Hermann Hesse
nun è 'a libbertà a manca'; mancheno l'ommini libberi
Leo Longanesi
nun è 'a lotta che ce obbliga a esse' artisti, è l'arte che ce obbliga a lotta'
Albert Camus
nun è felice quello a cui la fortuna non cià gnent´antro da daje, ma quello ar cuale nun je po´ leva´ gnente
Francisco de Quevedo y Villegas
nun è la conoscenza quello che ciamanca. Ce manca er coraggio de capi´ quello che già sapemo, e tiracce fori le conclusioni
Sven Lindqvist
nun è la libbertà che manca; quelli che mancano so´ l´omini libberi
Leo Longanesi
nun è la lotta che ce obbliga a esse\' artisti, ma l´arte che ce costrigne a lotta\'
Albert Camus
nun è la pornografia l´oscenità; l´oscenità è che ´n cristiano possa mori´ de fame
José Saramago
nun è la specie più forte e manco la più inteligente che sopravvivono, ma quella che se adatta ai cambiamenti
Charles Darwin
nun è la vita a determina´ la coscenza, ma ( purtroppo ... ) la coscenza a determiná la vita
Karl Marx
nun è raro ´ncontra´ ladri che predicheno contro er furto
Miguel de Unamuno
nun è troppo importante co´ chi ce sposamo; tanto la matina dopo scopriremo che è quarcun´ antro
Samuel Rogers
nun è vero che quanno piove li giorni so´ brutti; so´ l´unichi che se po´ cammina´ a testa alta puro quanno piove
Jim Morrison
nun elimino li nemici, si li faccio diventa\\\' amici?
Abraham Lincoln
nun esiste gnente che se chiami società. Ce so´ l´omini, le donne e le famije. Nessun governo po´ fa´ gnente se nun lo fa la ggente, e la ggente, prima de tutto, deve da pensa´ a sé stessa
Margaret Thatcher
nun esiste ´n´ opinione così assurda da nun pote´ esse´ detta da ´n filosofo
Marcus Tullius Cicero
nun esisteno fatti, ma solo interpretazzioni
Friedrich Wilhelm Nietzsche
nun esisteno idee premature, ce so\' momenti opportuni che bisogna sape\' aspetta\'
Jean Monnet
nun esisteno religgioni moderate; la religgione è sempre stata nemica della raggione
Patrick Emin
nun faccio l\'elemosina. Nun so\' abbastanza povero pe\' falla
Friedrich Wilhelm Nietzsche
nun giudica´ mai un libbro dar firme che cianno tirato fori
J.W. Eagan
nun gliela farai mai a esse´ felice si voi sape´ ched´è la felicità. Nun vivrai mai, si cerchi er significato della vita.
Albert Camus
nun hai capito bbene ´na cosa fino a quanno ´n sei capace de spiegalla a tu nonna
Albert Einstein
nun ho mai pensato, scrivenno, de avvicinamme ar popolo. A di\' \'r vero nun ho mai pensato de avvicinamme a nisuno
Jorge Luis Borges
nun ho mai permesso che la scola ciavesse gnente a che fa\' coll\' educazzione mia
Mark Twain
nun leggete, come fanno li regazzini pe' divertisse' o, come fanno l'ambiziosi, pe' 'struisse. No, leggete pe' vive'
Gustave Flaubert
nun leggete, come fanno li regazzini, pe´ divertivve; o come fanno l´ambizziosi, p´imparavve. Leggete solo pe´ vive´
Gustave Flaubert
nun li votate, che poi ce credeno !
Anonymous
nun me cercheresti, si m´avessi giá trovato
Blaise Pascal
nun me chiedete d´ esse´ gentile; chiedeteme solo de fa´ come si lo fussi
Jules Renard
nun me considero \'n commensale p\'esseme seduto ar tavolo vostro a guardavve magna\' davanti ar piatto mio voto. Sedemme a tavola nun me trasforma in commensale. Esse\' \'n\'America nun me fa esse\' \'n\'americano
Malcolm X
nun me fido delle statistiche, perchè si ´n´omo sta co´ la capoccia dentr´an forno acceso, e li piedi ner congelatore, pe la statistica cià ´na temperatura media
Charles Bukowski
nun me preoccupa de sape´ si so´ grande o piccolo, ma pote´ controlla´ si cresco giorno pe´ giorno
Eduardo Chillida
nun morirei mai pell´idee nie; potrebbero esse´ sbajate !
Bertrand Russell
nun m\'emmischio volentieri nee mie faccenne private
Karl Kraus
nun m´aspetto mai che ´n sordato pensi
George Bernard Shaw
nun poi controlla´ quello che te succede; poi solo controlla´ come reaggisci mentre te sta a succede´
Brian Tracy
nun poi ficca\' \'n cortello de nove pollici naa schiena de \'n\'omo pe\' poi tirallo fori de sei pollici e di\' che stai a fa\' progressi
Malcolm X
nun posso ave´ nessuna considerazzione pei traduttori, sinnò dovrei da comincià a scrive´ usanno ´na lingua universale e piatta, senza odore nè sapore
Günter Grass
nun posso cambia\' \'r passato, ma posso cambia\' li ricordi mii
Anónimo
nun posso capi\' come se possa impara\' a ragazzi de bombarda\' villaggi cor napalm e poi vieta\' de scrive \" cazzo \" sull\' aroplano
Marlon Brando
nun posso perde\' er tempo mio pe\' fa\' sordi
Alexander Agassiz
nun posso vive\' co\' quarcuno che nun pò vivere senza de me
Nadine Gordimer
nun ricordamo giorni, ricordamo attimi
Cesare Pavese
nun sarebbero omini si nun fossero tristi: la vita loro deve da fini\' . L´unica ricchezza é la morte, che li obbliga a aranciasse, ricorda\' e prevede\'
Cesare Pavese
nun se costruisce sulla pietra, tutto sull´ arena; ma noi dovemo da costrui´ come si l´ arena fusse pietra
Jorge Luis Borges
nun se fa amici chi nun é stato mai capace de fasse un nemico
Alfred Tennyson
nun se nasce donna, ce se diventa
Simone de Beauvoir
nun se pò accetta' che li scienziati tortureno l'animali; che fanno l'esperimenti loro co' li giornalisti e li politici
Henrik Ibsen
nun se po´ esse´ sensibbili ar piacere si nun lo semo puro ar dolore
Alan Watts
nun se sta mai attenti a \'e cose fatte; se vedeno solo quelle che resteno da fa\'
Marie Curie
nun so´ così giovane da sape´ tutto
Oscar Wilde
nun so´ mai le virtù, ma sempre li vizzi a dicce chi è, ´gni vorta l´ omo
Umberto Galimberti
nun so´ mai stato autore de gnente, perchè ho sempre riccorto quello che passava nell´aria
Nicanor Parra
nun so´ pessimista. Accorgese der male indove esiste è, secondo me, ´na forma d´ottimismo
Roberto Rossellini
nun strillate de notte, potreste sveja´ li vicini
Stanislaw Jerzy Lec
nun s´ ariva mai tanto lontano come quanno ´n se sa ando´ se va
Johann Wolfgang von Goethe
nun te penti\' de quello che nun hai potuto fa\' ; più che antro pentite de quello che potevi fa\', e nun hai fatto
Mao Zedong
nun tocca mai sta´ a la pari de quelli qualunque; li dovete abbassa´ ar livello vostro
Quentin Crisp
nun usate quella parola forestiera: ideale. Ce n´ avemo una giusta noi: bucìa
Henrik Ibsen
nun usa´ mai ´n´ espressione straniera, ´n termine scentifico o ´na parola difficile si ne poi trova´ una uguale nella lingua de tutti li giorni
George Orwell
nun vale la pena campa´ si ´n te piace quello che te po´ da´ la vita
Emmanuel Wathelet
nun ve fate impore la libbertà de parola prima de quella de pensa´
Stanislaw Jerzy Lec
nun ve fidate delle prime ´mpressioni; so´ quasi sempre bbone
Charles Maurice de Talleyrand-Périgord
nun vedo sbaji che io nun avrei potuto commette´
Johann Wolfgang von Goethe
nun vojio dimostra\' gnente, vojio mostra\'
Federico Fellini
nun vojo esse\' sola; vojo che me ce lascino, sola
Audrey Hepburn
o te, lingua santa / o te, lingua che adoro / più de tutto l\'argento / più de tutto l\'oro
Haïm-Vidal Sephiha
occhio pe´ ochhio, e er monno diventarà cecato
Mohandas Karamchad Gandhi
oggi come oggi li giovani pensano che li sordi so´ tutto, e quanno se saranno fatti vecchi, se daranno conto ch´è proprio così
Oscar Wilde
oggigiorno l´obbiettivo nun è capi´ quello che semo, ma piuttosto rifiuta´ quello che semo
Michel Foucault
ogni atto de bontà è ´na dimostrazzione de potere
Miguel de Unamuno
ogni cinico cià, dietro de sè un´ idealista deluso
George Carlin
ogni convinzione è 'n gabbio
Friedrich Wilhelm Nietzsche
ogni convinzione è ´n carcere
Friedrich Wilhelm Nietzsche
ogni momento nostro nun è uguale all´ antro, e noi nun semo mai li stessi, da ´n momento all´ antro, da un tempo all´ antro
Heraclitus
ogni nazzione che rovina la tera propria, se rovina da sola
Franklin Delano Roosevelt
ogni nazzione pija ´n giro l´antre; e tutte cianno raggione
Arthur Schopenhauer
ogni offesa a ´n´antr´omo per fatto che appartiene a ´n´antro popolo, de diversa lingua, religgione o classe sociale, la considero ´na barbarie
Ludoviko Zamenhof
ogni parola se porta dietro \'a memoria sua
Eduardo Pérsico
ogni pensiero è ´n´ eccezzione a ´na regola generale; quella de nun dove´ penza´
Paul Valéry
ogni scemo confonne valore e prezzo
Antonio Machado
ogni storia è storia contemporanea
Benedetto Croce
ogni vorta che la gente me da raggione, ciò sempre l´ impressione de nun aveccela
Oscar Wilde
ogni vorta che se mette in discussione ´na determinata libbertà, è la libbertà stessa che viene messa in discussione
Karl Marx
ognuno chiama barbarie quello a cui nun è abbituato
Michel de Montaigne
ognuno cià ´n compito nella vita sua, è nun è mai quello che se sarebbe voluto sceje
Hermann Hesse
ognuno crede che li confini der monno siano quelli permessi dalla vista sua
Arthur Schopenhauer
ognuno de noi sente solo le cose che po´ capi´
Johann Wolfgang von Goethe
ognuno é come Dio l´ha fatto, e certe vorte puro peggio
Miguel de Cervantes
oramai semo ridotti a tutto quello cor quale avemo lottato contro nell´urtimi vent´anni
José Emilio Pacheco
ortre all´atomi e allo spazio voto nun c´è gnent´altro; er resto so´ solo opinioni
Democritus
pace è quanno nun se spara. Pace giusta è quanno noi avemo ottenuto quello che volevamo
Bill Mauldin
pareva che er monno fosse diviso in due. Quelli bboni dormiveno mejo...mentre pareva che li cattivi si divertiveno de più a sta´ sveji
Woody Allen
parla´ è tradure, senti´ è tradure, legge è tradure, scive è tradure, pensa´ è tradure. Tutti traducheno, meno certi traduttori
Anonimo
parla´ in modo oscuro lo fanno tutti ; chiaramente pochi
Galileo Galilei
parlo spagnolo co\' Iddio, itajano chee femmine, franzoso co\' l\'ommini, e tedesco cor cane mio
Charles V
parole e core nun vanno sempre d\'accordo
Pietro Metastasio
patria è qualunque posto ´ndo´ se vive bene
Marcus Pacuvius
patriottismo é crede che er tu´ Paese é er mejo de tutti perché ce sei nato te
George Bernard Shaw
pe li ricchi è difficile capi´ perchè i poveri, si cianno fame, non addoprino er campanello pe´fasse porta´ la cena
Walter Bagehot
pe l´ommini nun è sempre la mejo cosa ottene´ sempre quello che vonno
Heraclitus
peccato che tutti quelli che sarebbero capaci de governa´ er Paese sieno già occupati a fa´ li barbieri e li tassinari !
George Burns
pensa\' nun noce
Giovanni Guareschi
pensa´ è sempre ´na cosa teribbile
Oskar Panizza
pensa´ é er lavoro piú pesante che ce sia
Henry Ford
penso che Kissinger sia er peggio criminale de guera in libertà der monno
Gore Vidal
pentisse e aricomincia´ da capo; ecco che d´è la vita
Victor Cherbuliez
pentisse vo´ solo di´ de cerca´ de nun lassa´ traccie, la prossima vorta
Marcel Achard
perchè avecce paura della morte ? ... è la mejo avventura della vita
Charles Frohman
perchè la Natura ha creato l´ omo ? Pe´ dimostra´ ch´ è così grande da pote´ fa´ erori o pe´ semplice ignoranza
Jackson Holbrook
perchè rifa´ sempre li stessi sbaji, si ce ne stanno ´n sacco novi da fa´ ?
Bertrand Russell
perché usa\' parole grosse? Significheno così poco
Oscar Wilde
perchè voi paga´ pe´fatte ´n´arbero genealoggico. Entra in politica, e ce penseranno l´avversari tua
Anonymous
perdonateme si ve chiamo signori, ma è che nun ve conosco morto bene
Groucho Marx
personalmente so\' sempre pronto a \'mpara\', pure si nun sempre me piace che me danno lezzioni
Winston Churchill
pessimista è quello che, potenno sceje fra du´ mali, li sceje tutt´e due
Oscar Wilde
pe\' modifica\' ´na quarsiasi legge, tocca pija´ li sòrdi dalle tasche de quarcuno, pe´ metteli dentro a quelle de quarcun´antro
George Bernard Shaw
pe\' fortuna ce sta Bushe a difenne\' \'a democrazzia
Anónimo
pe´ certi communisti, se sei anticommunista vordi´ che sei fascista. ´n ce se crede; come se nun esse´ cattolico vorebbe di´ esse´ mormone.
Jorge Luis Borges
pe´ chi sa troppo, è difficile ´n di´ bucie
Ludwig Wittgenstein
pe´ di´ la verità, ´n facchino è diverso da ´n flosofo meno che un mastino da ´n levriero. È la divisione der lavoiro, che ha creato ´n´abbisso fra uno e l´antro
Karl Marx
pe´ esse democratico hai da esse ottimista; pe´ restacce devi esse\' un umorista
Will Rogers
pe´ esse´ l´ immacolato componente de ´n gregge, bisogna innanzitutto esse´ ´na pecora ...
Albert Einstein
pe´ esse´ patriotici dovete odia´ tutte le nazzioni, meno la vostra; pe´ esse´ religgiosi tutte le religgioni, meno la vostra; pe´ esse´ onesti, tutte le l´apparenze farze, meno la vostra
Lionel Strachey
pe´ esse´ se stessi tocca prima esse´ quarcuno
Stanislaw Jerzy Lec
pe´ fa´ trionfa´ er male, abbasta che quelli bboni ´n faccino gnente
Edmund Burke
pe´ fini´ ´sto disegno me ce so´ voluti cinque minuti, ma me ce so´ voluti sessant´anni pe´ esse´ capace
Auguste Renoir
pe´ la maggior parte dell´ommini l´esperienza é come li fanali de coda de ´na nave: fanno luce solo su quello che se lassano alle spalle
Samuel Taylor Coleridge
pe´ le svorte più importanti della vita nun ce stanno segnali
Ernest Hemingway
pe´ li nemichi le leggi s´applicheno; pell´amichi s´interpretano
Giovanni Giolitti
pe´ loro so´ tutti nazzisti; pe´ l´animali Treblinka nun finirà mai
Isaac Bashevis Singer
pe´ l´evoluzzione della specie umana, ´n ce voranno solo quarche decina de mijaia d´anni, come pe l´animali domestichi, ma diversi mijoni, come pe le specie servatiche. L´omo, infatti, é stato e sarà pe´ sempre ´n´animale servaggio.
Charles Darwin
pe´ me l´età nun vordì gnente. Nun posso invecchia´, sto a lavora´. Ero vecchio a 21 anni, quanno nun lavoravo. Finchè se lavora, se rimane sempre giovani
George Burns
pe´ ogni lingua che sparisce, se ne va n´ immagine dell´ omo
Octavio Paz
pe´ quanto riguarda er nummero de morti, li fabbricanti d´armi so´ Enti de beneficenza confronto a li fabbricanti de sigarette
Silvio Garattini
pe´ quanto riguarda sposasse o no, quarsiasi sia la strada scerta, l´omo se ne pentirà sempre
Socrates
pe´ quanto voi cammina´, giranno pe´ tutte le strade, nun potrai mai raggiunge li confini dell´ anima; cosí profonno é er \'logos\' suo
Heraclitus
pe´ quelli che nun pensano, ´n sarebbe male, ´gni tanto, rimette in ordine tutti li preggiudizzi che cianno
Luther Burbank
pe´ sarvasse dalla vita de società, suggerirei la grande città. De ´sti tempi, è l´unico deserto che se potemo permette\'
Albert Camus
pe´ sopportá l´esistenza dimo ´n sacco de bucie, e soprattutto ce le dimo a noi stessi
Elena Ferrante
pe´ spiega´ ´na parola ce ne vonno altre, che pure loro vanno spiegate co´ altre parole e così avanti all´infinito. La comunicazzione è ´n´illusione
Pino Caruso
pe´ tante donne er cammino più corto verso la perfezzione è la tenerezza
François Mauriac
pe´ tanti omini, la vita è la ricerca dell´ archivio indove mettese
Clifton Fadiman
pe´ trova´ ´n´amico tocca chiude ´n´occhio; pe´ tenesselo tocca chiudene due
Norman Douglas
pe´ vole´ la perfezzione ho rovinato tutto quello ch´annava bbene
Claude Monet
pe´ ´n candidato è pericoloso di´ cose che la gente se potrebbe da ricorda´
Eugene Joseph McCarthy
pe´ ´n´indiano, l´oro der sole basta e avanza
Violeta Parra
pe´ ´n´omo er segreto d´avecce successo nel lavoro è d´avecce ´na gran donna vicino ... e cambialla spesso
Enzo Ferrari
Picasso è ´n pittore, pur´ io; Picasso è spagnolo, pur´io; Picasso è comunista, io manco
Salvador Dalí
pija posizzione. La neutralità aiuta sempre l´oppressore, mai la vittima. Er silenzio incoraggio er torturatore, mai la vittima
Elie Wiesel
più annamo su per aria, e più je paremo piccoli a quelli che nun ponno vola´
Friedrich Wilhelm Nietzsche
più leggi se fanno, più ladri ce so´
Lao Tse
più ´na persona è intelligente, meno sospetta dell´ assurdità
Joseph Conrad
più ´no stato è corotto, più leggi cià
Tacitus
poche cose so´ così immutabbili come l´ attaccamento de li gruppi politici all´ idee che l´ hanno fatti ariva´ ar potere
John Kenneth Galbraith
poesia è l´unione de du´ parole che ´n penseresti mai potessero sta´ insieme; e che, mettennole insieme, fanno vive quarche cosa, come si fosse ´n mistero
Federico García Lorca
poi trova´ più cose nei boschi che dentro a li libbri. L´arberi e le pietre t´insegneranno cose che ´n te dirà mai nessun maestro
Bernard De Clairvaux
politica è l´ arte de cerca´ ´n probblema, trovallo, interpretallo male e poi applica´ male er rimedio ch´ uno ha trovato
Groucho Marx
politica: conflitto d´ interessi ammascherato de lotta de princìpi
Ambrose Bierce
politico è quello che darà la tua vita pe´ er paese suo
Texas Guinan
portò alta la sua bandiera ..... così nun la doveva vede
Stanislaw Jerzy Lec
possede´ un libbro è come avecce ´n surogato pe´ leggelo
Anthony Burgess
possono tajia\' tutti li fiori, ma nun potranno ferma\' \'a primavera
Pablo Neruda
potressimo butta´ fori da la finestra la metà delle medicine moderne, si nun fosse che se le potrebbero magna´ l´ucelli
Martin Henry Fischer
potrete pure fa´ in modo che la paura della miseria condizzioni la vita vostra, e potrete magna´, ma questa nun è vita
George Bernard Shaw
prevede´ è difficile, soprattutto quanno se tratta der futuro
Chinese saying
prima c\'arivavamo ar monno nun je mancava gnente; dopo che semo partiti, nun je mancherà gnente
Omar Khayyam
prima de cambia´ de idea, assicurateve d´aveccene una
Albert Brie
prima de decide \'come\' educa´, tocca de sape´ che risurtati se vonno ave´
Bertrand Russell
prima de quuello che se possa pensa´, s´apriranno grandi strade pe l´omo libbero che le percorrerà pe´ costrui´ ´na società mijore
Salvador Allende
prima de sposasse, ´na rigazza deve da fa´ l´amore co ´n´omo pe tenesselo; dopo, lo deve tene´, pe´ facce l´amore
Marilyn Monroe
prima de tutto l´emozzione; solo dopo la comprensione
Paul Gauguin
prim\' hai da esse\' \'n\' omo libbero, poi chiedi la libbertà
Fernando Pessoa
probbabilmente la libbertà de stampa è quella cià rimesso deppiù a causa della perdita de valore dell´idea de libbertà
Albert Camus
proprio come ´na giornata spesa bbene te fa´ dormi´ bbene, così ´na vita ben vissuta te da ´na bella morte
Leonardo Da Vinci
prov\'a
George Bernard Shaw
puli´ dentro casa quanno li regazzini stanno ancora a cresce´, è come spala´ er marciapiede prima che smette de nevica´
Phyllis Diller
pure l\' anarfabbetismo dell\' antri fa diventà difficile scrive\'
Stanislaw Jerzy Lec
pure ner giorno più duro, l´ ora e er tempo passeno lo stesso
William Shakespeare
pure \'a natura de l\'ommini me deluse; \'a lasciai perde\' in quanto caa trovavo morto, troppo simile aa mia
J.P. Donleavy
purtroppo oggi, sur parcoscenico der monno noi occidentali semo, tuttinsieme, l´unichi protagonisti e l´unichi spettatori; così, sulle nostre televisioni e sui nostri giornali sentimo solo le raggioni nostre e er nostro dolore
Tiziano Terzani
p´esse´ perfetta j´amancava solo ´n difetto
Karl Kraus
p´ogni problema complicato c´ è sempre ´na soluzzione semplice; generarmente sbajata...
H.L. Mencken
qualunque cittá, pe´ quanto piccola possa esse\', è divisa in due; una de li poveri e una de li ricchi, e stanno sempre in guera
Plato
qualunque cosa se voja di´, c´è solo ´na parola pe´ esprimela, un verbo pe´ daje vita e ´n´aggettivo pe´ spiegalla
Guy de Maupassant
qual´è er primo dovere de ´n´omo ? La risposta è breve: esse´ se stesso
Henrik Ibsen
quando un uomo dorme immobile sur letto e sogna quarche cosa, ched´è più verosimile ? Lui che sogna coscentemente o er sogno stesso ?
Miguel de Unamuno
quanno basta ´na persona sola pe´ esegui´ bene un compito, lo stesso è fatto peggio da du´ persone e è probbabbile che ´n se riesca fa´ se lo deveno fa´ in tre
George Washington
quanno cantano le armi, le leggi s´ azzitteno
Marcus Tullius Cicero
quanno ce so´ troppe regole, se distrugge quarsiasi rispetto pe´ la legge
Winston Churchill
quanno c´è ´na crisi, scoppia ´n´epidemia sociale che in quarsiasi antro momento sembrerebbe assurda; l´epidemia della sovraproduzzione
Karl Marx
quanno davo da magna´ ai poveri me chiamaveno santo; quanno chiedevo perchè li poveri ´n ciaveveno da magna´ me chiamaveno comunista
Hélder Câmara
quanno dello stesso fatto ce so\' du\' versioni differenti e contrarie, la cosa mejo é crede\' a quella ´ndove la ggente ce fa\' la figura peggiore
H. Allen Smith
quanno du´ omini che lavoreno insieme vanno sempre d´ accordo, uno dei due avanza
William Wrigley Jr.
quanno du´ persone stanno sotto l´influsso della più violenta, demenziale, farza e passeggera delle passioni, se pretenne che giurano de resta´ eternamente in quella situazzione de euforia, anomala e logorante, fino a che nun li separi la morte
George Bernard Shaw
quanno er cervello comincia a formasse nella panza de la madre, drento ´n c´ è nisuna idea
Maurice Blanchot
quanno er corpo è più debbole, comanna de più, è forte e obbedisce mejo
Jean-Jacques Rousseau
quanno guardi bbene dentr´all´occhi de quarcuno, sei costretto a vedette pure tu
Tahar Ben Jelloun
quanno insegni, insegna a dubbità quello che ´nsegni
José Ortega y Gasset
quanno la gente è libbera de fa´ come je pare, in genere imita l´ antri
Eric Hoffer
quanno la stampa è libbera e ognuno la po´ legge, stamo ar sicuro
Thomas Jefferson
quanno la virtù già ha dormito, se sveja co´ più forza
Friedrich Wilhelm Nietzsche
quanno li missionari so´ arivati qua, l´ Africani ciavevamo la tera e loro la Bibbia. Cianno insegnato a prega´ coll´ occhi chiusi. Quanno l´ amo aperti, loro ciavevano la tera e noi la Bibbia
Jomo Kenyatta
quanno li Repubblicani la pianteranno de di´ bucie contro li Democratici, noi nun diremo più la verità su de loro
Adlai Stevenson
quanno l´ infanzia more, li cadaveri sua se chiameno adulti e entrano in società; che poi è ´na maniera educata de chiama´ l´ inferno. Pe´ questo li regazzini ce fanno paura, puro si je volemo bene: so´ la prova der nostro fallimento
Brian Aldiss
quanno me s´ariposeno li piedi, non me funziona manco la capoccia
Johann Georg Hamann
quanno more quarcuno che ce sogna, more 'na parte de noi
Miguel de Unamuno
quanno more uno che ce sogna, more pure ´na parte de noi
Miguel de Unamuno
quanno morto sarò \'na sera - nisuno me piagnerà - nun rimarrò sottotera - so\' vento de libbertà
Ernesto Che Guevara
quanno n\'omo ammazza \'na tigre, \'o chiameno sporte; quanno \'a tigre ammazza l\'omo, \'o chiameno ferocia
George Bernard Shaw
quanno odiamo quarcuno, odiamo ne l\'immaggine sua quarcosa che c\'avemo dentro
Hermann Hesse
quanno quarched´ uno te dice de sape´ ched´ è la felicità, vor´ di´ che ´n ce l´ha più
Maurice Maeterlinck
quanno se distruggono li monumenti, è sempre mejo tenesse li piedistalli; ponno sempre servi´
Stanislaw Jerzy Lec
quanno se fanno le cose, er coraggio cresce; si nun se fanno, cresce slo la paura
Publilius Syrus
quanno se parla d´economia, la maggioranza cià sempre torto
John Kenneth Galbraith
quanno stai a sarta´ pella gioja, bada che nisuno te stia a leva´ la tera da sott´ a li piedi
Stanislaw Jerzy Lec
quanno te chiedi si sei felice, già nun lo sarai più
John Stuart Mill
quanno te trovi d\'accordo caa maggioranza, è \'r momento de fermatte e riflette\'
Mark Twain
quanno un governo dipenne da li banchieri pe´ li sordi, so´ questi e no li governanti che controllano la situazzione. La mano che da è sopra a quella che riceve. Li sordi nun cianno patria e li finanzieri nun conoscheno patria nè decenza: l´ unico obbiettivo che cianno è d´ approfittasse
Napoleon Bonaparte
quanno uno sta bbene co´ sè stesso, viaggia´ vordi´ solo sta´ in un´antro posto, no sta´ lontani
Isabelle Adjani
quanno uno s´ addorme se scorda d´ esiste. Quanno se sveja s´ aricorda de esiste
Jorge Luis Borges
quanno vedo Berlusconi e quell´antro tappetto, me vorei dimette dar genere umano
Franco Battiato
quanno viene ar monno ´n genio, te ´n´accorgi subbito, perchè l´imbecilli se metteranno tutti insieme contro de lui
Jonathan Swift
quanno voi quarcosa, l\'universo \'ntero cospira pe\' realizza\' er desiderio tuo
Paulo Coelho
quanno \'a lingua è corotta \'a gente perde fede nee cose che sente, e questo porta aa violenza
Wystan Hugh Auden
quanno \'n popolo nun osa più difenne\' \'a lingua sua, è pronto p\'esse\' schiavo
Remy de Gourmont
quann´ ero giovine potevo ricorda´ tutto; pure si nun era successo ...
Mark Twain
quann´er dottor Gionso´ disse che er patriottismo era l´ urtimo nascondijo de ´n farabutto, nun sapeva tutte le possibbili varianti della parola: riforma
Roscoe Conkling
quann´ero rigazzo, me diceveno che tutti potevano diventa´ presidente di´ Stati uniti. Sto comincianno a crede che sia vero...
Clarence Darrow
quanta veritá po\' sopporta\', quanta veritá se po\' permette ´n´omo ? Ogni risultato o passo avanti è ´na conseguenza der coraggio, della durezza co\' sé stessi, dell´onestá co\' sé stessi
Friedrich Wilhelm Nietzsche
quante vite in una sola, quanto omini in un´ omo
Giovanni Papini
quanto ar corpo, ognuno è singolo; quanto all´anima, mai
Hermann Hesse
quanto meno c\'avemo, più damo. Sembra assurdo, però \'a loggica de l\'amore è questa
Madre Teresa di Calcutta
quant\'è facile de scrive\' difficile
Eugenio Colorni
quarcheduna delle più belle storie d´ amore che conosco cianno avuto solo un protagonista
Wilson Mizner
quarsiasi donna vorebbe esse\' fedele; peró è difficile da trovasse ´n´omo cui potello esse\'
Marlene Dietrich
quarsiasi emozzione, sempre che sia sincera, è involontaria
Mark Twain
quarsiasi idiota po´ supera´ ´na crisi; ma è la vita de tutti li giorni che te logora
Anton Chekhov
quarsiasi omo vero dovrebbe senti´ sulla faccia sua ´no schiaffo dato a ´n´antro
José Martí
quarsiasi scemo confonne valore e prezzo
Antonio Machado
quasi tutti li dottori cianno la su´ malattia preferita
Henry Fielding
quasi tutti l\'ommini morono pe\' \'e cure, no pe\' \'e malattie
Molière
quella eccitantissima perversione de vita: er bisogno de fa´ quarsiasi cosa in meno tempo de quanto ce ne vorebbe
Ernest Hemingway
quelli che parleno morto nun dicheno gnente
Françoise Sagan
quelli che scriveno come parleno, anche quanno parleno bene, scrivono morto male
Georges-Louis Leclerc, Comte de Buffon
quelli che sognano de giorno sanno ´n sacco de cose che nun conoscheno quelli che sognano solo de notte
Edgar Allan Poe
quello che ciavemo ´n commune è che semo diversi uno dall´ antro
Anónimo
quello che conta de più nun è quello che se dice, ma quello che ´n se dice
Albert Camus
quello che conta nun è fa\' morto, ma mette\' morto amore nee cose che se fanno
Madre Teresa di Calcutta
quello che conta nun è tanto l´ idea, quanto la voja de credece fino in fonno
Ezra Pound
quello che fa diventa´ socievoli l´ omini è l´ incapacità che cianno d´ esse capaci de sta´ da soli
Arthur Schopenhauer
quello che fa´ diventa´ oribbile ´sto monno è che ce la mettemo tutta sia pe´ cerca´ d´ esse´ felici sia pe´ fa´er possibbile perchè l´ antri nun lo sieno
Antoine de Rivarol
quello che fa´ sembra´ lo Stato l´ inferno sulla tera `e proprio er tentativo dell´ommini de volello fa´ diventa´ ´n paradiso.
Friedrich Hölderlin
quello che me corpisce de più de l\'America è \'r modo che i genitori obbedischeno ai fiji loro
King Edward VIII
quello che me fa esse\' ottimista è la certezza che questa civiltà sta pe\' crolla\'. Il pessimismo, invece, ce l´ho pe\' tutto quello che se fa pe\' faccese porta\' appresso
Jean-François Brient
quello che me fa paura deppiù è l\'inverno daa memoria
Juan José Arreola
quello che nun è bbono pello sciame, nun è bbono manco pell´ape
Marcus Aelius Aurelius Antoninus
quello che nun mette paura, dell´omini, è er vizio, che li fa´ diventa´ schiavi. La virtù invece si, perchè li farebbe diventa´ padroni
Diego de Saavedra Fajardo
quello che nun pò esse\' detto ha da esse\' taciuto
Ludwig Wittgenstein
quello che penso dell´aborto, è leggermente influenzato dar fatto che so´ er settimo de nove fiji
Robert Francis Kennedy
quello che spiega mejo quanto siano traggicamente scarsi l´attuali valori della vita, è che er mejo affare dell´ommini é la guera
Douglas Mattern
quello che sta ner core de chi beve poco, sta sulla lingua dell´imbriaco
Plutarch
quello che stranisce ne l\'ammore è che se tratta de \'n crimine che c\'ha bisogno de \'n complice
Charles Baudelaire
quello che tu credi sia er punto d´ arivo, è solo ´no scalino
Lucius Annaeus Seneca
quello che vorei è che tutto fosse rotonno, e nun ce fosse, diciamo, ne principio ne fine nella forma, ma che questa possa da´, ar contrario, l´ idea de ´n´ insieme armonioso: quello della vita
Vincent Van Gogh
quello che ´n´omo deve fa\' è vive, no esiste. Nun vojo spreca\' li giorni cercanno d´allungalli. Devo sfrutta´ er tempo che ciò a disposizzione
Jack London
quello ch´ ubbidisce e quasi sempre mejo de chi comanna
Ernest Renan
quello ch´è magna´ pe ´n´omo è veleno pe ´n´antro
Titus Lucretius Caro
quello da cui semo attratti de più so´ le cose der passato, perchè so´ l´uniche che conoscemo e che amamo pe´ davero
Pier Paolo Pasolini
questi so´ li princípi mia; si nun je piaceno, ce n´ ho antri
Groucho Marx
questo è er pensiero mio: l\' ommini so\' tutti pazzi!
Quintus Horatius Flaccus
qui ce abbita ´n´omo libbero; nisuno je fa´ da servo
Albert Camus
qui ´n s´arispetta manco al legge della giungla
Nicanor Parra
regala\' \'a curtura è regala\' \'a sete. E\' resto sarà \'na conseguenza
Antoine de Saint-Exupéry
ricordate che, pure si vivessi pe´ tremila anni, o pe´ trentamila, nun potresti perde antro che l´unica vita che ciai, e ´n ce ne sarà nessun´antra, dopo quella. Perció, lunga o corta che sia, la vita è sempre la stessa cosa. Er presente è condiviso da tutte le creature vive, mentre er passato è passato pe´ sempre. ´N poi perde passato o futuro perché, si nun t´appartengono, come te li ponno rubba´ ?
Marcus Aelius Aurelius Antoninus
ridete, li denti ´n so´ fatti solo pe´ magna´ o pe´ ride
Man Ray
rifletti, prima de penza´
Stanislaw Jerzy Lec
saggio è quello che se meravija de lo spettacolo che da er monno
Fernando Pessoa
saggio è solo chi vive ogni giorno come si ogni giorno e ogni ora potrebbe mori\'
Francisco de Quevedo y Villegas
sapemo bbene che ´n´omo pò legge Goethe e Rilke la sera, pò sona´ Bach e Schubert, e la matina, come si ´n fosse successo gnente, anna´ a lavora´ ... a Auschwitz
George Steiner
sarebbe bbene che v´aricordassivo che l´avarizzia è sempre stata nemica della virtù; sarà difficile assai fasse ´na bbona reputazzione pe´ chi è attirato dalle ricchezze
Leon Battista Alberti
sarebbe ´na consolazzione per la nostra debbolezza e pe´ quello che ciavemo, si tutto annasse a sfascio con la stessa lentezza colla quale s´è formata; invece l´aumento è lento, ma la rovina è precipitosa
Lucius Annaeus Seneca
scenza è tutto quello che ammette che se ne possa discute\'
José Ortega y Gasset
scherzanno se po´ di´ tutto; pure la verità
Sigmund Freud
schiavo è quello ch\' aspetta quarcuno che lo venga a libbera\'
Ezra Pound
scopri´ ´n Paese e invadelo, è sempre stata l´ istessa cosa
Samuel Johnson
scrive è l´unica professione pe´ la quale nessuna pensa che sei ridicolo si nun fai li sordi
Jules Renard
scrive è sempre come nasconne quarche cosa in modo che se possa scopri´
Italo Calvino
scrive è ´na maniera de parla´ senza esse´ interotti
Jules Renard
se cambió l´ordine dell´anelli ma la cadena e rimasta sempre ´na catena
Gianni Rodari
se chiama borghesia ´n´insieme de persone scontente de quello che cianno, ma contente de quello che so´
Nicolás Gómez Dávila
se chiameno incidenti li crimini commessi coll´ automobbili
Eduardo Galeano
se credemo de controlla´ le parole, ma so´ loro che ce controllano
Alain Rey
se deve da battaja' co' 'a lingua sinnò ‘mpone ‘e formule sue, ‘e frasi fatte, tutte quee cose che fanno tanto bene ‘no scrittore cattivo
Julio Cortázar
se deve da da\' più valore a \'n dente che a \'n diamante
Miguel de Cervantes
se deve lotta´ contro la lingua pe´ nun faje imporre le sue formule, li schemi fissi, le frasi fatte; tutte caratteristiche de ´no scrittore scarso
Julio Cortázar
se deve traduce no quello che ce sta scritto, ma quello che voleva di´ l´autore; apposta li computer nun riescheno a traduce bbene
Anónimo
se dev´ esse´ infedeli; sleali mai
Gabriel García Márquez
se dovrebbe esse´ sempre innammorati; ecco perchè uno ´n se dovrebbe sposa´ mai
Oscar Wilde
se dovrebbe vive co´ più semplicità, così potrebbero fallo pure l´ antri
Mohandas Karamchad Gandhi
se famo \'mbroja\' facile da quello ch\'amamo
Molière
se gira su se stessi e, quanno se smette, stramazzi pe\' tera
Carmelo Bene
se li popoli se conoscessero mejo, s´imparerebbero a odiasse
Ennio Flaiano
se l\' ommini capissero mejo er pericolo de usa\' certe parole, li dizzionari nelle vetrine dei libbrari sarebbero coperti da un nastro de carta rossa co\' sopra scritto: \'ESPLOSIVO ... maneggia\' con cura\'
André Maurois
se ponno di\' bucie caa bocca: ma caa faccia che c\'hai in quer momento se dice sempre \'a verità
Friedrich Wilhelm Nietzsche
se ponno fa´ cose straordinarie, sempre e quanno uno nun pretenna d´attribbuissene er merito
Edward Moore 'Ted' Kennedy
se potemo ferma\' quanno stamo ´n salita, mai naa scesa
Napoleon Bonaparte
se po´ controlla´ se aumenta la propria saggezza, misurando il calo della bile
Friedrich Wilhelm Nietzsche
se po´ di´ che ´n´ epoca è finita quanno le illusioni comuni so´ finite
Arthur Miller
se po´ sta´ a sinistra de tutto, ma no der bonsenso
Enzo Biagi
se proprio voi di\' la verità, cerca armeno d\' esse\' divertente; sinnò t\' aruvineno
Billy Wilder
se quarche stato se deve da defini´ terorista, tocca fallo pe er governo d´Israele, visto che so´ loro che stanno a massacra´ gente indifesa e innocente ne li territori occupati
Nelson Mandela
se scordamo facirmente delle corpe nostre quanno le conoscemo solo noi
François de La Rochefoucauld
se senteno solo le domande che semo capaci d´arisponne
Friedrich Wilhelm Nietzsche
se so' sviluppate cure che nun se conosceveno 'e malattie
Ronald Reagan
se so´ convinti che l´omo, la specie che più trasgredisce, domini er creato. Tutte l´antre sarebbero state create pe´ daje da magna´, le pellicce, e pe´ esse´ martoriate e sterminate.
Isaac Bashevis Singer
se so´ trovate cure pe´ malattie ch´ancora ´n se conoscevano
Ronald Reagan
se vede bbene solo cor core. L\'essenziale \'n se po\' vede coll\'occhi
Antoine de Saint-Exupéry
se vive ´na vorta sola, ma si lo fai bbene ´na vorta abbasta
Joe E. Lewis
se ´n´ omo nun se vo´ batte pe´ l´ idee sue, o l´ idee che cià nun vargheno gnente o nun vale gnente lui.
Ezra Pound
seguite l´esempio de li mijori, de quelli che lassano perde tutto pe´ construí´un monno mijore
Salvador Allende
sei tu la persona che ciai paura de contraddi´ de più
Nassim Nicholas Taleb
semo fatti doo stesso materiale che ce s\'entrecceno li sogni
William Shakespeare
semo quelli che famo finta d´esse´; per cui tocca sta´ attenti a quello che famo finta d´esse´
Kurt Vonnegut
semo quello che famo ogni giorno
Aristotle
semo quello che famo pe´ cambia´ quello che semo
Eduardo Galeano
semo tre vorte più ricchi de trent\' anni fa, ma semo pure tre vorte più felici?
Tony Blair
semo tutti costretti, pe´ cerca´ de sopporta´ la verità, a avecce quarche pazzia dentro noi stessi
Marcel Proust
semo tutti dilettanti. \'A vita è così corta che nun se pò fa\' mejo
Charlie Chaplin
semo tutti portati a giudicacce d´accordo coll´ ideali nostri, e l´ antri pe´ quello che fanno
Harold Nicolson
semo tutti rassegnati alla morte; è alla vita, ´nvece, che nun semo rassegnati
Graham Greene
semo tutti ´n sacco ignoranti, ma non tutti nelle stesse cose
Albert Einstein
semo \'a memoria nostra, semo quer chimerico museo de\' forme \'ncostanti, quer mucchio de\' specchi rotti
Jorge Luis Borges
senza memoria l´omo nun saprebbe gnente, e ´n sarebbe capace de fa´ gnente
Giacomo Leopardi
senza Saddam er monno è mejo; come sarebbe senza Bush?
Anónimo
senza sordi e senza tempo, \'a fantasia se riduce a \'n sogno passeggero che nun pò tradusse \'n azione
Charles Baudelaire
Sette Peccati Sociali: politica senza principi, ricchezza senza lavoro, piacere senza coscenza, conoscenza senza carattere, commercio senza moralità, scenza senza umanità e curto senza sacrificio
Mohandas Karamchad Gandhi
sì a l'economia de mercato, no aa società de mercato
Lionel Jospin
si all\' israeliani nun je va d\' esse accusati d\' esse\' uguali ai nazzisti, la devono solo pianta\' de comportasse come nazzisti
Norman G. Finkelstein
si all´economia de mercato, no alla società de mercato
Lionel Jospin
si ami \'e cose che fai, nun sarà mai \'n lavoro
Confucio
si ancora fussero valide le leggi de Norimberga, tutti li presidenti americani der dopoguera sarebbero stati impiccati
Noam Chomsky
si c'avete paura de sta soli, nun ve sposate
Anton Chekhov
si ciai quarche cosa, te la ponno leva\' . Se la dai tu è un regalo; manco li ladri te la ponno rubba\'. Allora si che è tua per sempre ...
James Joyce
si ciai ´n talento, addopralo sempre. Nun lo tene´ da parte, nun lo tira´ fori a mozzichi e bocconi come ´n tirchio. Fa´ come ´n mijonario, spennilo come si volessi da rovinatte
Brendan Behan
si ciavéte paura de rimane\' soli, ´n ve sposate !
Anton Chekhov
si conosci bene l´ argomento, le parole vengheno da sole
Marcus Porcius Cato
si credo de sta´ a impara´ a vive, vordi´ solo che imparero´ a mori´
Leonardo da Vinci
si c´è quarc´ostacolo, la distanza più corta fra du´ punti po´ esse´ ´na curva
Bertolt Brecht
si dai ´na mano a quarcheduno che sta ´n mezzo all´ impicci, poi sta´ sicuro che se n´ aricorderà...la prossima vorta che ciaristarà
H.V. Prochnow
si date l´ impresione d´ ave´ bisogno de quarche cosa, nun ciavrete mai gnente. Pe´ fa´ li sordi dovete fa´ finta d´ esse´ ricchi.
Alexander Dumas
si davero voi sape´ quello che vo´ di´ ´na donna, guardela, nun la senti´
Oscar Wilde
si dicessi quello che penso per davero, so´ sicuro che m´ aresterebbero o me mannerebbero ar manicomio. Cioè, credo che sarebbe lo stesso pe´ tutti quanti
Roberto Bolaño
si Dio nun avesse creato la donna, nun avrebbe creato manco er fiore
Victor Hugo
si durante er cammino voi trová amicizzia, dorcezza e poesia, portatele co´tte
Georges Duhamel
si er dottore me dicesse che me restano solo sei secondi da campa´, ´n ce starei a pensa´ tanto sopra. Comincerei a scrive a machina più sverto
Isaac Asimov
si er voto cambiasse quarche cosa pe´ davero, lo farebbero diventa´ illegale
Anonymous
si fossimo capace de unisse ... er futuro sarebbe più bello e più vicino
Ernesto Che Guevara
si ho scritto \'sta lettera così lunga, è stato perché nun c\'ho avuto tempo pe\' falla più corta
Blaise Pascal
si la gente corotta se mette insieme p´avecce più forza, pure la gente onesta deve da fa´ lo stesso
Leo Tolstoy
si la gioventù nun la seguirà più, puro l´ onnipotente e misteriosa mafia sparirà come ´n´ incubo
Paolo Borsellino
si la mattina me venghen´a cercà a me, la sera te veranno a cerca´ a te
Angela Davis
si la volemo fa´ finita coi conflitti interetnichi, amo da investi´ meno in guere e più pe´ sviluppa´ ´na curtura de pace
Federico Mayor Zaragoza
si le cose vanno dalla parte sbajata, nun gne anna´ appresso
Elvis Presley
si le gente continua a ammira´ Cesare e Napoleone, questi ricicceranno pe´ porta´ antra miseria a la gente
Aldous Huxley
si li principi morali che ciài te fanno intristi´ , sta´ certo che so´ sbajati
Robert Louis Stevenson
si marito e moje nun vivessero insieme, li matrimoni riusciti sarebbero deppiù
Friedrich Wilhelm Nietzsche
si ner pallone oggi c´ è violenza, è perchè in Italia, oggi, vale solo chi vince
Arrigo Sacchi
si nun ce state attenti, li giornali ve faranno odia´ le persone oppresse, e ama´ l´oppressori
Malcom X
si nun ciavrai desideri sarai l´omo più ricco der monno
Miguel de Cervantes
si nun dici bucie, nun te devi poi ricorda\' de gnente
Mark Twain
si nun sei capace a riconosce d´avecce torto, ´n sarai mai capace d´esse´ origginale
Ken Robinson
si nun semo capaci de vince sull´ idee dell´ antri con la discussione, li dovemo lascià spiegasse. Nun se ponno vince colla forza, perchè sinnò nun se permette er libbero sviluppo dell´ intelliggenza.
Ernesto Che Guevara
si nun t´ aspetti quello che nun speri nun lo scoprirai, sfuggente e improbbabbile com´ è
Heraclitus
si nun voi vede´ la faccia de ´n cretino, prima hai da rompe lo specchio tuo
François Rabelais
si parli a quarcheduno in una lingua che capisce, j´impressioni la mente; si je parli nella lingua sua, j´arivi ar core
Nelson Mandela
si pe\' sarva\' \'a vita de \'n malato se ponno dona\' l\'organi, pe\' salva\' chi more de fame, nun se potrebbero dona\' \'e proteine?
Anónimo
si potessi scrive\' \'a bellezza de l\'occhi tui
William Shakespeare
si quarcuno crede a ´na crescita esponenziale possa anna´ avanti all´ infinito, in un monno finito, o è matto o è economista
Kenneth Boulding
si se comincia a accetta´ quarsiasi cosa, poi diventa sopportabbile e dopo ´n po´ puro normale
Israel Zangwill
si se dovrebbero studia\' tutte \'e leggi nun rimarebbe er tempo de trasgredille
Johann Wolfgang von Goethe
si se fa en nome de Dio o de la Patria, nessun crimine è così atroce da nun pote´ esse´ perdonato dalla gente
Tom Robbins
si sei sicuro de capi´ tutto quello che succede, allora stai messo proprio male
Walter F. Mondale
si sei stato felice, nun te conta come sbajo
Marilyn Monroe
si sogni poi esse´ libbero de spirito, si lotti sarai libbero nella vita
Ernesto Che Guevara
si tutti pensano alla stessa maniera, nun pensa nessuno
Walter Lippmann
si tutto su ´sta Tera fosse razzionale, ´n succederebbe mai gnente
Fedor Michailovich Dostoevski
si t´affacci da ´n ponte e guardi er fiume che te score sotto, tutt´an tratto saprai tutto quello che c´è da sape´
Alan Alexander Milne
si uno cià fiducia in se stesso, da fiducia puro all´ antri
Johann Wolfgang von Goethe
si uno guarda li difetti sua, nun vede quelli dell´ antri
Ali ibn Abi Talib
si uno nun ha conosciuto la miseria, nun è capace d´apprezza´ er lusso
Charlie Chaplin
si vive\' è bello, sogna\' è mejo; svejasse è er mejo de tutto
Antonio Machado
si voi assapora\' \'a virtù tua, pecca, quarche vorta
Ugo Ojetti
si voi diventa´ ricco scrivenno, hai da scrive quer tipo de cose che je piaceno a quelli che, mentre leggono, moveno le labbra
Don Marquis
si voi fa´ ride er Padreterno, parlaje dei proggetti che ciai
Blaise Pascal
si voi pensa´ a ´n quadro der futuro, immagginate ´no stivale che pista ´na faccia umana; pe´ sempre !
George Orwell
si voi ´mpara´, ´nsegna
Marcus Tullius Cicero
si volemo fa´ cambia´ le cose, dovemo occupa´ le banche e fa´ sarta´ la TV. ´N ce stanno antre soluzzioni rivoluzzionarie
Luciano Bianciardi
si \' na donna è vestita male se vedrà er vestito; si è vestita come se deve, se noterà la donna
Coco Chanel
si ´n banchiere se butta dalla finestra, vaje dietro; la ce troverai li sordi !
Robespierre
si ´n popolo s´aspetta d´esse libbero rimanenno ignorante, spera in quarche cosa che nun è mai successa e mai succederà
Thomas Jefferson
si ´no scenziato importante, però anziano, dice che quarche cosa è possibbile, quasi certamente cià raggione. Ma si dice che quarche cosa è impossibbile, probbabilmente sbaja
Arthur C. Clarke
silenzio, cazzo! Arzino \'a mano quelli che vojono resuscita\' e facciano \'n passo avanti quelli che vojono ringiovani\'
Nicanor Parra
sinceramente, come voi, credo che le banche sieno più pericolose dell´eserciti schierati in guera
Thomas Jefferson
so che \'a poesia è \'ndispensabbile, ma nun so di\' pe\' cosa
Jean Cocteau
sociologo è uno che va alla partita pe´guarda´ li spettatori
Gesualdo Bufalino
soffri\' senza lamentasse è l\'unica lezzione c\'amo d\'ampara\' n\'sta vita
Vincent Van Gogh
solamente er silenzio è grande, tutto er resto è debolezza
Alfred de Vigny
solamente l´erore cià bisogno der governo. La verità s´aregge da sola
Thomas Jefferson
solo a quelli che cianno curtura je piace impara´ ; l´ ignoranti preferischeno insegna´
Edouard Le Berquier
solo all´ estremi della scala sociale s´ ariconoscheno li re
Pier Paolo Pasolini
solo chi \'n s\'aspetta gnente è libbero davero
Andrew Young
solo ciavremo la felicità che saremo stati capaci de da\'
Eduard Pailleron
solo doppo ave´ tajato l´urtimo arbero, avvelenato l´urtimo fiume, pescato l´utimo pesce, sola allora riuscirete a capi´ che ´n se ponno magna´ li sórdi
Cree Indian Prophecy
solo l'ommini granni ponno ave' difetti granni
François de La Rochefoucauld
solo la viggilanza dell´ opinione pubblica garantisce er futuro de ´na società
Noam Chomsky
solo li grand´omini ponno ave´ grandi difetti
François de La Rochefoucauld
solo li morti vedeno la fine de la guera
Plato
solo l\'imbecilli nun c\'hanno dubbi. Ne sei sicuro? Nun c\'ho arcun dubbio!
Luciano De Crescenzo
solo quanno se fa´ scuro se ponno vede´ mejo le stelle
Martin Luther King
solo quelli che cianno er coraggio de sbaja´ completamente ponno ottene´ grandi risurtati
Robert Francis Kennedy
solo quelli che so´ coraggiosi sanno perdona´. Un vijacco nun perdona mai, nun é nella natura sua
Laurence Sterne
solo quelli che te guardano co´ tenerezza so´ occhi belli
Coco Chanel
solo quello che ho smarito è mmio pe\' sempre
Elisa Félix
solo si cammini sur viale der tramonto potrai incontra\' l´aurora
Mirco Stefanon
solo \'e cose che nun se pagheno costeno
Camillo Sbarbaro
sorprennese e stupisse vor´ di´ comincia´ a capi´
José Ortega y Gasset
sotto ´n governo che mette in galera ingiustamente, pure er posto dell´omo ggiusto è ´n galera
Henry David Thoreau
so\' apparso alla Madonna
Carmelo Bene
so\' sempre a favore der rispetto de le leggi, senza scordamme mai che se deveno da usa\' pe\' protegge li più debboli
Romano Prodi
so\' sicuro d\'esse\' pazzo; comunque, si nu\' lo so\', manco l\'antri avrebbero da esse\' libberi
George Bernard Shaw
so´ ottimista sul futuro der pessimismo
Jean Rostand
so´ arivato alla conclusione che la politica è ´na faccenna troppo seria pe´ lassalla ai politici
Charles De Gaulle
so´ assolutamente a favore de usa´ li gasse velenosi contro le tribbù servagge
Winston Churchill
so´ circondato da preti che m´ aripeteno che er regno loro nun è de ´sto monno, però ´ntanto metteno le manacce su tutto quello che ponno arraffa´
Napoleon Bonaparte
so´ communista, grazziaddio !
Jorge Amado
so´ favorevole a mette´ n circolazzione fra persone e animali batteri appositamente preparati; cioè: muffe pe´ distrugge li raccolti, antrace pe´ stermina´ cavalli e animali in generale, e poi la peste p´agnenta´ nun solo l´eserciti, ma pure tutti l´abitanti de certe reggioni.
Winston Churchill
so´ più quelli che moreno scappanno de quelli che moreno combattenno
Selma Lagerlöf
so´ preoccupato, comincio a avecce idee che nun me convincheno
Francesco Tullio Altan
so´ ´n´ omo colli limiti della generazzione mia. Però nun ho detto mai quello che nun volevo di´, pure se nun ho detto sempre quello che volevo di´
Enzo Biagi
so´stata in un calendario, ma ´n so´mai stata puntuale
Marilyn Monroe
spalanca bene l´ occhi prima de sposatte; dopo mejo tenelli mezzi chiusi
Benjamin Franklin
specialisti: persone ch´ aripeteno sempre li stessi sbaji
Walter Gropius
spera´ che er monno te possa tratta´ bbene è come spera´ che ´n toro nun t´attacchi perchè sei veggetariano
Dennis Wholey
spero proprio de nun invecchammme mai fin´ar punto de diventa´ religgioso
Ingmar Bergman
spesso se lascia \'n pace chi ha appiccato l\'incendio e se castiga chi ha dato l\'allarme
Nicolas de Chamfort
sposasse co´ ´na donna a cui voi bbene e che te vo´ bbene, è come scommette´ ´nsieme a lei su chi sarà er primo che nun vorà più bbene
Alfred Capus
stamo a impara´ sulla pelle nostra che l´organismo che distrugge l´ ambiente suo, se distrugge da solo
Gregory Bateson
sta\' \'n politica è come fa\' l\'allenatore de carcio. Devi da esse\' tanto furbo da capi\' \'r gioco e tanto fesso da pensa\' che è \'mportante
Eugene Joseph McCarthy
sto a cavacecio sulle spalle de ´n´omo soffocannolo, obbligannolo a caricammese. Nello stesso momento cerco de convinceme, e convince l´antri, che me fa tanta pena e dico de fa er possibbile pe´ pote´ mijora´ la vita sua nella mejo maniera. Naturalmente senza scegneje dalla schina ...
Leo Tolstoy
sto sempre d´ accordo co quelli dótti, sempre che parlino pe´ primi
William Congreve
storia: ´n racconto quasi sempre farzo de cose quasi sempre senza importanza, provocati da re quasi sempre mascarzoni, e da sordati quasi sempre idioti
Ambrose Bierce
su quarsiasi proprietà privata c´ è sempre ´n´ ipoteca sociale
Giovanni Paolo II
sulla strada della saggezza, pe´ prima cosa hai da sta´ zitto; pe´ seconda cosa sta´ a senti´; pe´ terza ricorda´; pe´ quarta mette ´n pratica; pe´ quinta cosa insegna´ all´ antri.
Solomon Ibn Gabirol
s´arispettano solamente li diritti umani delle persone giuridiche
Anónimo
s´arivasse l´ ispirazione me troverà a dipigne
Pablo Picasso
tempi teribbili quanno li matti guideno li ciechi
William Shakespeare
tesoro: la maniera più usata pe´ rivorgese a quarcheduno dell´ antro sesso de cui nun t´ aricordi er nome
Oliver Herford
tocca a annacce piano colli desideri, perchè se potrebbero pure avvera´
Joanne Kathleen Rowling
tra \'e cose più prezziose che c\'ho ce so\' certe parole che nun ho mai detto
Orson Rega Card
traditore è quello che passa dal partito suo a ´n´ antro; un convertito, invece, è quello che lascia ´n´antro partito e viene ar tuo.
Georges Clemenceau
traduce bbene la letteratura è come fa´ sesso; mejo parla´ poco e fallo bbene
Andrea Casalegno
tratta le persone come si fussero quello che dovrebbero da esse´ e l´aiuterai a diventa´ quello che ponno esse´
Johann Wolfgang von Goethe
troppe cose de quello che chiamano educazzione nun so´ antro che vive fori dalla realtà
Thomas Sowell
troppe vorte la vita vera è quella che nun avemo vissuto
Oscar Wilde
tu essi onesto e chiaro coll´ avvocato tuo ... poi ce penserà lui a ´ncasina´ tutto
Anonymous
tutta la gloria der monno sta dentro a ´n chicco de grano
José Martí
tutta la storia dell´industria moderna fa vede che er capitale, se nun viene frenato in quarche modo, lavora senza scrupolo nè misericordia pe´ condanna´ la classe operaia alla disperazione più profonna
Karl Marx
tutte le famije felici s´assomijeno; quelle infelici, invece, so´ disgrazziate ognuno a ´na maniera
Leo Tolstoy
tutte le lettere d´amore so´ ridicole; ma si nun fossero ridicole, nun sarebbero lettere d´amore
Fernando Pessoa
tutte le parole so´ farze. Ma che ce sarebbe senza parole ?
Elias Canetti
tutte le persone affascinanti cianno quarcosa da nisconne; in genere er fatto che dipenneno completamente dall´ adulazione dell´ antri
Cyril Connolly
tutte le rivoluzzione sfumano, lascianno solo er fango de ´n´antra burocrazzia
Franz Kafka
tutte le rivoluzzioni moderne, se so´ concluse co´ ´n rafforzamento dello stato
Albert Camus
tutte le scenze esatte so´ dominate dall´approssimazzione
Bertrand Russell
tutte l´anomalie ce seducono; pe´ prima la vita, anomalia p´eccellenza
Emil Cioran
tutte \'e cose \'nventate so\' vere
Gustave Flaubert
tutti dovemo da obbedi´ alle leggi, ma pe´ capille ce vo´ ´n´ avvocato
Fabio Fumi
tutti li cervelli der monno so’ mpotenti davanti ae fesserie che vanno de’ moda
Jean de La Fontaine
tutti li dèi erano \'mmortali
Stanislaw Jerzy Lec
tutti l´ommini recitano meno, forse, quarch´attore
Eugène Ionesco
tutti l’ommini c’hanno na donna ‘n capoccia, quelli ammojati, poi, ce n’hanno n’antra a casa
Noel Clarasó Serrat
tutti quelli che leggono, quanno leggono, se leggono a sé stessi. Quello che fa lo scittore è ´na specie de strumento ottico, che offre a chi legge pe´ distingue quello che, senza libbro, ´n sarebbe mai stato capace de vede´ in sé stesso
Marcel Proust
tutti quelli che se so´ vantati d´ ave´ fatto la rivoluzzione, se so´ resi conto, er giorno appresso, che ´n sapevano quello che staveno a fa´, e che la rivoluzzione ch´ avevano fatto nun pareva pe´ gnente quella che avrebbero voluto fa´
Friedrich Engels
tutti quelli che vonno ariva´ alla presidenza ar punto de butta´ du´ anni pe´ organizza´ e gesti´ la campagna elettorale, nun so´ degni de ave´ fiducia pe´ ´sta carica
David Broder
tutti quelli ch´ hanno avuto grandi risurtati so´ stati grandi sognatori
Orison Swett Marden
tutti sanno quello ch´è impossibile da fa´; poi ariva ´no stupido che nun lo sa e l´inventa
Albert Einstein
tutti sorideno nella stessa lingua.
Anonymous
tutti vorebbero vive a lungo, ma senza invecchia´
Benjamin Franklin
tutti ´nsieme, semo arivati alla conclusione che, pe´ gran parte de le persone, er diritto a studia´ é svalutato dall´obbligo d´annacce.
Ivan Illich
tutto diventa ridicolo, quanno se pensa alla morte
Thomas Bernhard
tutto é pericoloso. Ma si ´n fosse cosí nun varebbe la pena de vive
Oscar Wilde
tutto er carattere religgioso der monno moderno è dovuto ar fatto che a Gerusalemme ´n c´ è un manicomio
Henry Havelock Ellis
tutto er male che l´omini fanno, je sopravvive; er bbene spesso viene sepolto co´ loro
William Shakespeare
tutto er sape´ nostro ce aiuta solo a mori´ de ´na morte ´n po´ più dolorosa dell´ animali, che ´n sanno gnente
Maurice Maeterlinck
tutto nun vale gnente e er resto puro meno
León de Greiff
tutto quello che conta, nella vita, se fa aggratise
Claudio Magris
tutto quello che è, e quello che semo è, a la fin fine, parola
Víctor García de la Concha
tutto quello che leggi sui giornali è la verità, coll´ eccezzione delle rare occasioni in cui sai come so´ annati davero li fatti
Erwin Knoll
tutto quello che noiantri definimo immorale, da quarche parte, in certi momenti, è stato considerato morale. Chi ce po´ garanti´ che nun aricambi ´n´ antra vorta?
Friedrich Wilhelm Nietzsche
tutto quello che nun so´ l´ ho imparato a scola
Ennio Flaiano
tutto quello che quarcuno po´ immaggina´, antri lo potranno fa diventa´ realtà
Jules Verne
tutto se sopporta naa vita, ma morti giorni de felicità fissa no
Johann Wolfgang von Goethe
tutt´er monno è come ´n parcoscenico, e le donne e l´ommini so´ come attori: entreno e escheno
William Shakespeare
un cinico è quer tizzio che, si sente odore de fiori, se gira pe´ cerca´ la cassa da morto
H.L. Mencken
un concerto pe´ sarva´ er pianeta ... m´ aricorda tanto er Titanic
Anónimo
un curatore editoriale è uno che divide er frumento daa pula e stampa \'a pula
Adlai Stevenson
un libbro è una dell´ ocassioni d´ allegria che ciavemo l´ omini
Jorge Luis Borges
un libbro vero nun é quello che leggemo, ma quello che ce legge a noi
Wystan Hugh Auden
un libro dev´esse´ come ´n´accetta pe´ spacca´er mare ghiacciato che ciavemo dentro
Franz Kafka
un nemico tignoso é sicuramente mejo de ´n´amico cosí cosí
Edward Dahlberg
un omo senza sogni, senza utopia e senza ideali, sarebbe solo ´n´ animale mostruoso, ´na specie de cinghiale colla laurea in matematica pura
Fabrizio De André
un regazzino nun è ´n vaso da riempi´ ma ´n foco da accenne´
François Rabelais
un riformatore è quarcheduno che naviga dentro a ´na fogna su ´na barca cor fonno de vetro
James J. Walker
un vocabbolario po´ contene´ solo ´na piccola parte der patrimonio de ´na lingua
Giacomo Leopardi
una delle mejo allegrie de la vita è l´ amicizzia; e una delle gioje dell´ amicizzia è avecce quercheduno a cui pote´ di´ li segreti
Alessandro Manzoni
una delle peggio cose della vita è avecce dentr\' ar core parole che nun poi di\'
James Earl Jones
una storia d´ amore ideale è quella fatta pe´ lettera
George Bernard Shaw
uno cià la felicità solo quanno quello che se pensa, se crede e se dice vanno d´accordo
Mohandas Karamchad Gandhi
uno cresce veramente ner primo giorno in cui se la ride de sè stesso
Ethel Barrymore
uno dei primi doveri der dottore è educa´ le masse a nun pija´ le medicine
Osler William
uno è più vero quanno somija deppiù a l\'idea che ha sognato de se stesso
Pedro Almodóvar
uno nun è cristiano solo perchè va a messa; come se ´na persona che rimane dentro a ´n parcheggio nun diventa ´na macchina
Albert Schweitzer
uno se rende conto del sapore de quello che vive solo quanno riesce a nun obbligasse d´ave\' ´n destino
Emil Cioran
urbanistica è l´appropriazzione dell´ambiente naturale dell´omo da parte der capitalismo che, sviluppannose come ´n´assoluto dominio, po´ e crede de dove´ fa´ tutta la natura come je pare, a immagine e volontà sua
Guy Debord
usa mejo che pò er tempo chi nun guarda \'e cose che fa, dice o pensa er vicino suo, preferenno concentrasse su l\'azzioni sue, pe\' falle risurta\' appropiate e giuste
Marcus Aurelius Antoninus
usa´ libberamente l´ ingegno proprio; ecco la felicità vera
Aristotle
va a sape´ ch´avrebbe scoperto Colombo, si l´ America nun se fosse messa in mezzo
Stanislaw Jerzy Lec
vali tanti ommini pe´quante lingue parli
Carlo V
ve scordate che li frutti so\' de tutti e che \'a tera nun è de nessuno
Jean-Jacques Rousseau
vede\' tutto, nasconne\' morto, coregge\' poco
Gregorio Magno
verà ´n giorno che l´immaggini sostituiranno l´omo, che ´n ciavrà più bisogno de esiste, ma solo de guarda\\\'. Nun saremo più esseri viventi, ma solo osservatori
André Breton
viaggia´ serve solo pe´vole´ più bbene ar posto ´ndo´ semo nati
Noel Clarasó Serrat
visto che la vita è quella ched´ è, uno se sogna la vendetta
Paul Gauguin
visto che le guere cominceno ne la mente dell´ommini, è proprio ne la mente dell´ ommini che se deveno da crea´ le difese de la pace
UNESCO
visto che nun me so´ dovuto preoccupa´ pe´ nasce, manco me preoccupo pe´ mori´
Federico García Lorca
visto che ´n politico ´n ce crede mai a quello che dice, me pare strano che l´ antri ce credano
Charles De Gaulle
vita è quello che te succede mentre stai impicciato a fa´ antri progetti
John Lennon
vive senza parla´ de flosofia è come vive coll´occhi chiusi, senza manco cerca´ mai d´aprilli
René Descartes
vivemo in un´epoca pericolosa. L´esseri umani dominano la natura prima d´esse´ capaci de dominasse a sè stessi
Albert Schweitzer
vivemo sotto er dominio de l´ impulsi più bassi, come 50.000 anni fa
Rita Levi Montalcini
vive\' da sola è come trovasse a \'na festa ndo\' nessuno te copre
Marilyn Monroe
voi ce credete che er bon Dio sia cattolico ?
Georg Christoph Lichtenberg
voi che vivete sicuri e commodi a casa vostra, che quanno tornate a casa ciavete da magna´ callo e gente amica: pensate si questo è ´n´omo che lavora ´n mezzo ar fango, che ´n cià pace, che lotta pe ´n pezzo de pane, che more pe´ corpa de ´n si o de un no
Primo Levi
vojo così bbene alla Germania che preferisco ce ne sieno ... due !
Giulio Andreotti
vojo fa´ co´ te quello che fa la primavera colle cerase
Pablo Neruda
volemo bbene alla vita no perché semo abbituati a vive´, ma perché semo abbituati a vole´ bbene
Friedrich Wilhelm Nietzsche
volete ave´ l´ aiuto de tanta gente? Cercate de nun avenne bisogno
Alessandro Manzoni
vole´ o nun vole´ le stesse cose; questa, a la fin fine, è amicizzia
Caius Sallustius Crispus
vonno la guera, ma nun li lasseremo ´n pace
José Saramago
vorei che l´ atto de morte d´ ogni essre umano fosse scritto nella stessa lingua dell´ atto de nascita
Bertolt Brecht
voresti che nessuno possa esse´ capace de opprime un simile suo ? Fa in maniera che nessuno ce n´abbia la possibbilità
Mikhail Bakunin
vota´ è abdica´
Élisée Reclus
voti ogni vorta che fai la spesa
Alex Zanotelli
\'a bellezza è nell\'occhi de chi guarda
Anonymous
\'a Bibbia c\'empara ad ama\' li nemici nostri come si fossero nostri amici. Probbabilmente perché so\' \'e stesse persone
Vittorio De Sica
\'a burocrazzia è \'n meccanismo gigante gestito da pigmei
Honoré de Balzac
\'a coca-cola fa bene aa salute, de l\'economia americana
Anónimo
\'a coerenza chiede d\'esse\' \'gnoranti oggi come eravamo \'n anno fa
Bernard Berenson
\'a continenza nun s\'ottiene si nun a forza de \'ncontinenza. Er casino difenne \'a casa
Carlo Dossi
\'a federtà è l\'arte de pratica\' l\'adurterio solo cor pensiero
Décoly
\'a felicità è quarcosa de meravijoso: più \'a dai e più te ce rimane
Blaise Pascal
\'a felicità nun è quarcosa che se sente ma quarcosa che se ricorda
Oscar Levant
\'a gente avrebbe da sape\' li rischi che se corono a cerca\' de suicidasse
Ron C. Carman
\'a granne differenza fra \'r sesso a pagamento e \'r sesso a gratise è che de solito er sesso a pagamento costa meno
Brendan Francis
\'a grannezza nun è riceve\' l\'onori, ma meritasseli
Aristotle
\'a guera è \'n massacro fra ommini che nun se conoscheno a vantaggio d\'ommini che se conoscheno ma eviteranno de massacrasse fra loro
Paul Valéry
\'a lettura è pe\' \'a mente quello che l\'esercizzio è p\'er corpo
Joseph Addison
\'a libbertà d\'ama\' nun è meno sacra daa libbertà de pensa\'. Quelle che oggi chiameno corna, un tempo \'e chiamaveno eresia
Victor Hugo
\'a lingua \'nternazzionale dee generazzioni future sarà assolutamente e solo \'na lingua pianificata
Ludoviko Zamenhof
\'a malinconia è \'a felicità d\'esse\' triste
Victor Hugo
\'a morte è \'a cosa più solida che \'a vita ha \'nventato fino a mo
Emil Cioran
\'a morte è \'no stato de perfezzione, l\'unico che l\'omo che ha da mori\' pò raggiunge
Emil Cioran
\'a morte potrebbe esse\' er meijo chaa vita c\'ha da offri\'
Carlos Silva
\'a morte viveva dentro de me e m\'abbandonò p\'anna\' a vive\' in un antro corpo
Octavio Paz
\'a natura umana è quaa cosa che ce fa maledi\' \'r pedone quanno guidamo e er guidatore quanno camminamo
Oren Arnold
\'a poesia è l\'arte de fa\' entra\' er mare dentro a \'n bicchiere
Italo Calvino
\'a prefazzione è \'a parte più \'mportante de \'n libbro. \'A leggheno pure li critici
Philip Guedalla
\'a prima causa che la \'gnoranza de massa se diffonne è \'r fatto che tutti sanno legge\' e scrive\'
Peter de Vries
\'a prima cosa che fa \'na donna quanno vole che n\'omo \'a raggiunge è de mettese a core\'
Molière
\'a pubblicità se pò descrive\' come \'a scienza de ferma\' l\'intelligenza de l\'ommini pe\' \'r tempo necessario a spillaje quattrini
Stephen Leacock
\'a qualità de \'n libbro dipenne dar lettore
Emilio Praga
\'a ricerca su \'e malattie ha progredito tanto che è quasi \'mpossibbile trova\' quarcuno che è der tutto sano
Aldous Huxley
\'a sola tendenza der cinema d\'oggi è quella de fa\' morti quattrini
Roman Polanski
\'a televisione è \'a prima curtura genuinamente democratica, \'a prima curtura disponibile a tutti e retta da ciò che \'a gente vuole. \'A cosa più teribbile è ciò che \'a gente vole
Clive Barnes
\'a tera è de li padroni sui, ma \'r paesaggio è de chi \'o sa apprezza\'
Upton Sinclair
\'a vera \'gnoranza nun è l\'assenza de conoscenza ma \'r rifiuto de conosce\'
Karl Popper
\'a verità dilla ogni tanto così quanno dici e bucìe te crederanno
Jules Renard
\'a verità è tutta \'nteriore. Nun se deve cercalla fora de noi né volella realizza\' lottanno co\' violenza co\' nemici esterni
Mohandas Karamchad Gandhi
\'a verità è \'r più grosso valore che c\'avemo. Risparmiamola
Mark Twain
\'a virtù de li genitori è \'na granne dote
Quintus Horatius Flaccus
\'a vita è er paragone dee parole
Alessandro Manzoni
\'a vita è \'na fogna. Quello che ne pijate dipenne da quello che c\'avete messo
Tom Lehrer
\'a vita è \'na frase interotta
Victor Hugo
\'a vita è \'na malattia ereditaria
Anónimo
\'a vita ha smesso d\'esse\' \'na barzelletta pe\' me; nu\' \'a trovo divertente
Charlie Chaplin
\'e classi popolari nun c\'hanno antra missione che quella de da\' er bon esempio
Oscar Wilde
\'e donne ce ameno pe\' li nostri difetti. Se ce n\'avemo abbastanza, ce perdoneno tutto, puro er nostro \'ntelletto
Oscar Wilde
\'e donne prenneno sempre \'a forma der sogno ndo\' stanno
Juan José Arreola
\'e donne so\' abbastanza ipocrite che tutti li fiji ponno di\' convinti daa madre loro: era \'na santa
Remy de Gourmont
\'e fabbriche de armi aiuteno a combatte\' \'a disoccupazzione?
Anónimo
\'e nazzioni più granni se so\' sempre comportate da gangester, e \'e piccole da prostitute
Stanley Kubrick
\'e parole che usi pe\' descrive\' \'a reartà tua, fanno \'a reartà
Martin Brofman
\'e parole dette o scritte so\' linguaggio morto
Robert Louis Stevenson
\'e parole nun so\' fatte da li professori ne l\'accademie bensì daa gente pe\' strada. L\'autori de li dizzionari le pijeno quasi sempre troppo tardi e le \'mbarsameno in ordine arfabbetico, in morti casi quanno nun significheno più quello che \'ntendeveno l\'autori
Gabriel García Márquez
\'e persone più facili da buggera\' semo noi stessi
Edward Bulwer-Lytton
\'gni americano che se voja candita´ a presidente, dovrebbe da esse\', automaticamente e pe\' definizzione, interdetto
Gore Vidal
\'n certe occasioni, \'e cattive parole so\' \'e mejo
Anónimo
\'n dizzionario bono è \'no specchio dove uno, si sa cerca\', trova \'e cose che già sospettava
Niccolò Machiavelli
\'n pittore è uno che dipinge \'e cose che venne. \'N artista, \'nvece, è uno che venne \'e cose che dipinge
Pablo Picasso
\'n proverbio è \'na frase corta che se basa su \'na lunga \'sperienza
Miguel de Cervantes
\'na mail nun pò avecce l\'alone de \'na lacrima
José Saramago
\'na relazzione nun viene scritta pe\' informa\' chi \'a legge ma pe\' protegge\' chi \'a scrive
Dean Acheson
\'na vorta nisuno poteva pensa\' libberamente; mo se po\' ma quasi nessuno é piú capace. Adesso la gente pensa solo quello che se deve pensa\'. E crede che sia libbertá
Oswald Spengler
\'nferno e paradiso me sembreno sproporzionati. L\'azzioni de l\'ommini nun meriteno tanto
Jorge Luis Borges
\'nvero se sa solo quanno se sa poco. Più se sa più er dubbio aumenta
Johann Wolfgang von Goethe
\'n\' avvocato che nun è bbono po\' fa\' ritarda\' \'n processo pe\' mesi, o pe\' anni. Uno bbono, lo po\' fa\' ritarda\' molto de più
Evelle Younger
\'o scopo de l\'educazzione è de sostitui\' \'na mente vota co\' una aperta
Malcolm Steve Forbes
\'pe er bene tuo\' è ´n´argomento che alla fine convincerà ´n´omo a distruggese colle mani sue
Janet Frame
´a Chiesa dice che ´a Tera è piatta, ma io so che è rotonna perchè ho visto l´ ombra sua sulla Luna; e me fido più de ´n´ ombra che della Chiesa.
Ferdinand Magellan
´mbecilli, so´ quelli che nun sanno quanto la metà vale più che er tutto
Hesiod
´mpara´ a parla´ è ´mpara´ a tradurre.
Octavio Paz
´n ber dizzionario è ´no specchio indove, si uno sa cerca´, ce trova quello che sospettava
Anónimo
´n ce dovremo da fida´ de nessuna impresa che pretenna ´n vestito novo
Henry David Thoreau
´n ce stanno regole. Tutti l´ ommini so´ eccezzioni a ´na regola che nun esiste
Fernando Pessoa
´n ciò paura delle cattiverie de li malvaggi, ma der silenzio de quelli onesti
Martin Luther King
´n compromesso è come sparti´ ´n dorce in maniera tale che ognuno se creda che j´ è toccato er pezzo più grosso
Ludwig Erhard
´n critico è ´na persona senza gambe che vo´ insegna´ a core
Channing Pollock
´n fanclù è ´n gruppo de persone che dicono a ´n´ attore de nun esse´ l´ unico a pensa´ certe cose su de lui
Kenneth Williams
´n fidanzato è ´n´ omo felice che fra poco nun lo sarà più
Enrique Jardiel Poncela
´n posso nega´ che le donne sieno stupide: Dio Onnipotente l´ ha create degne dell´ omini
George Eliot
´n priggioniero de guera è ´n´ omo che prova a ammazzatte e ´n ce riesce; poi te chiede de nun ammazzallo
Winston Churchill
´n se dovemo da fida´ delle innovazzioni superflue, speciarmente quanno so´ loggiche
Winston Churchill
´n se fa´ politica colla morale, ma manco senza
André Malraux
´n se po´ stringe ´na mano cor pugno chiuso
Indira Gandhi
´n s´ allunga la vita, s´ allunga la vecchiaia
Anónimo
´n a merce pare, a prima vista, ´na cosa de gnente, che se risolve da sola. L´analisi ch´avemo fatto, invece, dimostra che è assai complessa, piena de finezze metafisiche e furbizzie teloggiche
Karl Marx
´n bacio permesso ´n sara´ mai bello come uno rubbato
Guy de Maupassant
´n capisco perchè quarcuno fa tanto lo schizzignoso sull´uso der gasse. So´ assolutamente d´accordo de usa´ li gasse velenosi contro le tribbú primitive. L´ effetto morale potrebbe esse´ bbono ... e se spargerebbe ´n gran terore.
Winston Churchill
´n ce credo che ´n´omo possa vale´ tanto d´avecce du´ donne, né che ´na donna valga così poco da accetta´ d´esse´ la seconda
Marilyn Monroe
´n ce ponno esse´ dubbi; lo sviluppo sostenibile è una delle ricette più catastrofiche
Nicholas Georgescu-Roegen
´n cercá de vive pe´ sempre; ´n ce la farai mai...
George Bernard Shaw
´n ciabbiàte dubbi der fatto che ´n gruppo piccolo de cittadini coscienti e decisi possa cambia´ er monno
Margaret Mead
´n ciavrai più paura quanno ´n ciavrai più speranza
Lucius Annaeus Seneca
´n classico é ´n libbro che nun ha mai finito d´aricconta´ quello che ciá da di´
Italo Calvino
´n cretino colto è più cretino d´uno ´gnorante
Molière
´n c´ è d´ ave´ paura de gnente eccetto che de la paura
Franklin Delano Roosevelt
´n c´ è mai stata ´na guera bbona o ´na pace cattiva
Benjamin Franklin
´n c´è differenza fra legge´ e esse´ curiosi
Pascal Quignard
´n c´è gnente de più bbrutto della raggione quanno nun è la nostra
George Savile
´n c´è gnente de più pratico che ´na bbona teoria
Kurt Lewin
´n governo è l´unica barca che fa acqua da sopra
James Reston
´n Paese senza documentari cinematografichi è come ´na famija senza l´ arbum delle fotografie
Patricio Guzmán
´n perdete tempo a cerca´ l´ ostacoli; magari ´n ce stanno ...
Franz Kafka
´n potrai mai fa´ ´na rivoluzzione pe´ costrui´ ´na democrazzia. Ce devi da ave´ ´na democrazzia, pe´ fa´ ´na rivoluzzione
Gilbert Keith Chesterton
´n po´ d´ imprecisione arisparambia ´n sacco de spiegazzioni
Clarence Edwin Ayres
´n sacco de gente nun solo ammette la violenza quanno la fa l´autorità costituita, e je pare addirittura leggittima si se fa contro ´n tipo de persone, senza sape´ chi la fa
Edgar Z. Friedenberg
´n sacco de gente se perde le piccole gioie della vita p´aspetta´ la grande felicità
Pearl S. Buck
´n sacco de vorte é proprio cosí: piú é scommoda da senti´, ´na veritá é piú necessaria da di´
André Gide
´n sacco d´ommini avrebbero potuto ariva´ alla saggezza, si nun fosse che se credevano d´essece già arivati
Lucius Annaeus Seneca
´n se po´ di´ che la civirtà nun avanzi, visto che a ogni guera nova t´ ammazzano in un´ antra maniera nova
Will Rogers
´n se po´ legalizza´ er traffico de droga, perchè ce stanno in mezzo troppi sórdi
Hillary Clinton
´n se po´ sape´ ´ndo´ t´aspetta la morte; perciò aspettatela da quarsiasi parte
Lucius Annaeus Seneca
´n se riescheno a tradurre chiaramente colle parole manco li pensieri nostri
Friedrich Wilhelm Nietzsche
´n se venne la tera ´ndo´ ce cammina ´n popolo.
Tashunka Witko
´n sinonimo è ´na parola che usi quanno nun sai come se scrive la prima parola che t´ era venuta in mente
Burt Bacharach
´n soriso è la distanza più corta fra du\' persone
Víctor Borge
´n s´era mai visto prima ´na differenza così granne fra chi lavora e chi guadagna senza lavora´
Vandana Shiva
´n ve fa´ paura ´n monno d´ anarfabbeti senza antra memoria che quella der computer ?
Harold Bloom
´n ve fidate de quarsiasi idea che nun ve venga si nun state a cammina´
Friedrich Wilhelm Nietzsche
´n vocabbolario è tutto l´ universo messo in ordine arfabetico
Anatole France
´n ´esperto è uno ch´ ha già fatto tutti li sbaji possibbili in un campo ristretto
Niels Bohr
´n ´omo, ´n´omo quarsiasi, vale più de ´na bandiera, quarsiasi bandiera
Eduardo Chillida
´na banca è un posto indove te prestano li sordi solo si je fai vede´ che ´n te servono
Bob Hope
´na banca è ´n posto indove te prestano ´n´ombrello quanno c´è er sole, e te lo richiedeno subbito quanno ricomincia a piove´
Robert Frost
´na banda internazzionale de speculatori de borza, senz´anima nè core, ha creato ´n monno de disugliajanza, miseria e orore. Tocca da\\\' fa\\\' fini\\\' presto sto regno de criminalità
Jean Ziegler
´na bbona critica è solo ´n´ antro rinvio dell´ esecuzzione
Dustin Hoffman
´na bbona parte de quello che chiamamo gestione è solo voja de complica´ er lavoro alla gente
Peter Drucker
´na bella donna nun è quella che cià braccia o gambe belle, ma quella che complessivamente è talmente bella da fatte scorda´ questa parte o quella
Lucius Annaeus Seneca
´na ceca e inflessibbile mancanza de disciplina rappresenta, in quarsiasi epoca, la vera forza d´ogni omo libbero
Alfred Jarry
´na Chiesa che nun patisce persecuzzioni, ma che s´avvantaggia dell´appoggio e li previleggi della borghesia, nun po´ esse´ la vera Chiesa de Cristo
Oscar Romero
´na conferenza è ´na riunione de persone importanti che da sole nun ponno fa´ gnente, mentre tutte insieme ponno decide´ che ´n se po´ fa gnente
Fred Allen
´na cosa è morale si te fa´senti´ bene dopo che l´hai fatta; è immorale si te fa sta´ male
Ernest Hemingway
´na cosa so´ li ricordi; ´n´antra è ricordalli
Antonio Machado
´na donna intelliggente preferisce rimane´ da sola, più che sta cor primo che passa
Marilyn Monroe
´na donna libbera è giusto er contrario de ´na donna leggera
Simone de Beauvoir
´na gallina è solo ´na maniera ch´ addopra ´n´ovo pe´ fa´ ´n´ antr´ ovo
Samuel Butler
´na lingua assolutamente loggica e totarmente priva de caratteristiche sue propie sarebbe ´na lingua senza vita e troppo complicata
Ludoviko Zamenhof
´na lingua lunga è l´ unico strumento pe´ tajja´ che s´ affila de più si s´ addopra tanto
Washington Irving
´na lingua naturale è l´archivio ´ndo´ so´ annate a fini´ l´esperienze, le conoscenze e le credenze de ´na communità
Fernando Lázaro Carreter
´na murtinazzionale pare ´n´ istituzzione totalitaria più che quarsiasi antra cosa pensata dall´ omo
Noam Chomsky
´na patria è come ´n sonnifero continuo. ´N se ponno invidia´ - o compiagne - abbastanza li giudii pe´ nun aveccela, o p´aveccela solo provvisoria. A comincia´ da Israele
Emil Cioran
´na persona che cià ´n´ideale cià la stessa forza de novantanove che se moveno solo pe´ interesse
John Stuart Mill
´na scimmia americana, dopo d´essese ´mbriacata cor brandy nun lo ritoccherebbe mai più, perciò è molto più saggia della maggior parte dell´omini
Charles Darwin
´na setta o ´n partito so´ solamente ´n´ elegante anonimato p´ arisparambia´ all´ omini la fatica de pensa´
Ralph Waldo Emerson
´na sigaretta è il perfetto esempio del piacere perfetto. È ´na libbidine e te lascio insoddisfatto. Che antro voi de più ?
Oscar Wilde
´na smentita è ´na notizzia che se da du´vorte
Giulio Andreotti
´na vorta ho letto ´n dizzionario dall´ inizio alla fine; m´ è parso ´n ber poema, dedicato a tutto
Ophelia
´na vorta, li potenti usaveno la forza, le leggi e la religgione pe´ sottomette´ er popolo; mo cianno pure er pallone e la televisione
Carl William Brown
´ndo´ nun ariva la spada della legge, ariva la frusta della satira
Aleksandr Pushkin
´no scenziato, quanno sta dentro der labboratorio suo, nun è solo ´n tecnico; è pure un regazzino che s´ aritrova davanti a prodiggi naturali che l´ impressioneno come si fussero favole
Marie Curie
´no scrittore che nun approfondisce rimane sempre a galla
Stanislaw Jerzy Lec
´no scrittore è produttivo non in quanto cià idee, ma nella misura in cui riesce a aricchi´ l´editore che je pubblica l´opere
Karl Marx
´no stupido se riconosce perchè è disposto a mori´ pe´ ´na causa; un saggio perchè è disposto a vive´ in maniera umile, pe´ ´na causa
Jerome David Salinger
´nvece de daje a ´n politico ´e chiavi della città, sarebbe mejo cambia´ la seratura
Doug Larson
´nvece d´abboli´ li ricchi, sarebbe mejo abboli´ li poveri
George Bernard Shaw
´n´ attività che da solo sordi, è ´n´ attività che vale poco
Henry Ford
´n´ avvocato è ´n gentilomo che te sarva er patrimonio da li nemici e poi se lo tiene lui
Henry Brougham
´n´ insegnante mediocre parla; uno bravo spiega. ´n´ ottimo insegnante dimostra, uno grande da l´ ispirazzione
William Arthur Ward
´n´ intellettuale è ´n signore che fa rilegà li libbri che nun ha mai letto
Leo Longanesi
´n´ ombra sparisce pe´ troppa luce ... o pe´ troppa oscurità
Moni Ovadia
´n´ omo co´ ´n´ idea nova è solo un matto, fino a che l´ idea nun ciabbia successo
Mark Twain
´n´ omo è ricco proporzinalmente ar nummero de cose che nun je serveno
Henry David Thoreau
´n´ omo po´ esse´ fregato solo da sè stesso
Ralph Waldo Emerson
´n´ambasciatore è ´n´omo onesto mannato all´ estero a di bucíe che fanno gioco ar paese suo
Sir Henry Wotton
´n´amico é uno cor quale poi stá ´n silenzio
Camillo Sbarbaro
´n´avventura vo´ solo di´ cattiva preparazzione
Roald Amundsen
´n´omo ce deve ave´ ´na scorta de sogni
José Saramago
´n´omo che nun legge li libbri mejo, nun cià nisun vantaggio su quello che nun sa legge
Mark Twain
´n´omo che nun perde la raggione pe´ certe cose, ´n cell´ha ´na raggione da perde\'
Gotthold Ephraim Lessing
´n´omo diventa omo solo si imita l´antri omini
Theodor W. Adorno
´n´omo diventa saggio solo quanno riesce a calcola´ , più o meno, la profondità della propria ignoranza
Gian Carlo Menotti
´n´omo è infelice si nun sa d´esse\' felice; è l´unica raggione. Nun c´è antro. Si riesce a capillo sarà subbito felice
Fedor Michailovich Dostoevski
´n´omo istruito é ´n´omo ozzioso ch´ ammazza er tempo studianno
George Bernard Shaw
´n´omo nun è mai tanto sincero come quanno dice d´esse\' buciardo
Mark Twain
´n´omo nun pianta ´n´arbero pe sè stesso, ma pe li posteri
Alexander Smith
´n´omo onesto rimane sempre ´n bambino
Socrates
´sta vita è come ´n´ ospedale ´ndo´ tutti cianno voja de cambia´ letto
Charles Baudelaire
´st´incertezza è tremenda; speriamo che dura !
Oscar Wilde