Logos Multilingual Portal

Select Language



Franco Modigliani (1919-2003)

Nato a Roma nel 1919, Franco Modigliani lascia l'Italia delle persecuzioni antiebraiche nel 1939, subito dopo aver conseguito la laurea in giurisprudenza. Si reca negli Stati Uniti dove nel 1944 consegue un dottorato in sociologia presso la New School for Social Research. Dopo aver insegnato economia all'Universitr dell'Illinois, alla Harvard University, al Carnegie Institute of Technology e alla Northwestern University, dal 1962 c Professore di economia e finanza al Massachusetts Institute of Technology, e dal 1988 Professore Emerito.

C autore di dieci libri, di cinque raccolte di suoi scritti e di numerosi articoli scientifici. Fra i suoi molti saggi divenuti ormai classici e tradotti perfino in cinese, vanno citati per la loro costante attualitr Reddito, interesse, inflazione (Einaudi, Torino 1987) e Consumo, risparmio, finanza (Il Mulino, Bologna 1992). I principali comandamenti economici di Modigliani, che da anni c impegnato nella battaglia per il rilancio degli investimenti produttivi, contro le eccessive rigiditr del mercato del lavoro, l'eccesso della spesa pubblica, le disfunzioni dello Stato e i privilegi monopolistici e corporativi, sono riassunti nel libro Il miracolo possibile (con Mario Baldassarri e Fabio Castiglioni, Laterza, Bari-Roma 1996) e nel "Manifesto contro la disoccupazione in Europa", presentato nel 1998 assieme ad altri sei economisti.

Anche dopo aver preso la cittadinanza americana, Modigliani "c stato presente con assiduitr nel dibattito di politica economica sui maggiori problemi italiani. [...] La sua posizione c sempre stata ispirata a un progressismo equilibrato. Piu volte egli ha esercitato i propri sforzi di persuasione per indurre ad assegnare prioritr agli obiettivi di piena occupazione e di promozione della classe lavoratrice. Nel medesimo tempo realisticamente ha fatto rilevare che la capacitr del sistema produttivo di mantenere efficienza e competitivitr deve essere assicurata se si vogliono conseguire credibili prospettive di crescita", ha scritto l'economista Carlo D'Adda nell'introduzione a Consumo, risparmio, finanza. Le sue frequenti critiche alle scelte dei politici, la sua estrema franchezza e la tendenza al rifiuto di ogni compromesso gli hanno attirato non poche antipatie e hanno fatto di lui un personaggio per certi versi scomodo.

I lavori di Modigliani nel campo della teoria monetaria, dei mercati finanziari, della macroeconomia e dell'econometria gli sono valsi numerosi riconoscimenti. Membro dell'Accademia statunitense delle scienze e dell'American Association of Arts and Sciences, c stato Presidente della Econometric Society, dell'American Economic Association, dell'American Finance Association e Presidente onorario dell'International Economic Association. C stato consulente del Tesoro e del Federal Reserve System degli Stati Uniti, oltre che di diverse banche europee.

Nel 1985 vince il Premio Nobel per l'Economia "per le sue analisi pionieristiche sul risparmio e sui mercati finanziari". Nello stesso anno riceve il James R. Killian Faculty Award del MIT ed c insignito del titolo di Cavaliere di Gran Croce della Repubblica italiana.


a son pa le person-e ch\'a l\'han √ęd grand\'idee, ma le grand\'idee ch\'a treuvo le person-e